Maggio 21, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Stati Uniti e Regno Unito indagano su casi insoliti di epatite nei bambini piccoli

SFunzionari della sanità pubblica negli Stati Uniti e nel Regno Unito stanno indagando su una serie di casi insoliti di epatite grave nei bambini piccoli, la cui causa o cause sono attualmente sconosciute.

Prove dal Regno Unito e dall’Alabama – dove sono stati registrati nove casi dallo scorso autunno – suggeriscono che potrebbe essere coinvolto un adenovirus. Gli adenovirus generalmente attaccano le vie respiratorie, causando malattie simili al raffreddore. Ma sono stati collegati a cistite, infezione e talvolta epatite, anche se raramente colpisce bambini che non sono immunocompromessi.

In una dichiarazione rilasciata alla fine di giovedì, i Centers for Disease Control and Prevention hanno affermato che sta lavorando con l’Alabama alle indagini sui casi e sta lavorando con altri dipartimenti sanitari statali per vedere se ci sono altri casi altrove. In un avviso ai medici emesso dal Dipartimento della salute pubblica dell’Alabama all’inizio di febbraio, ha affermato di essere a conoscenza di un caso in un altro stato, ma non ha fornito dettagli.

annuncio

“Il CDC è a conoscenza e sta lavorando con il Dipartimento della salute pubblica dell’Alabama per indagare su nove casi di epatite nei bambini – di età compresa tra 1 e 6 anni – che sono risultati positivi anche all’adenovirus dall’ottobre 2021”, ha affermato Kristen Nordlund, portavoce dell’agenzia In una dichiarazione.

I Centers for Disease Control and Prevention stanno lavorando con i dipartimenti sanitari statali per scoprire se ci sono altri casi negli Stati Uniti e cosa potrebbe causarli. In questo momento la colpa potrebbe essere dell’adenovirus, ma gli investigatori stanno ancora imparando di più, inclusa l’esclusione delle cause più comuni di epatite.

READ  Tutte le contee collettive ad alto o alto rischio di trasmissione di COVID-19

annuncio

Sono stati trovati casi in diverse parti dello stato e le indagini finora non hanno trovato collegamenti tra i bambini, ha affermato Karen Landers, ufficiale medico del Dipartimento della salute pubblica dell’Alabama. Né gli investigatori del Regno Unito hanno trovato collegamenti tra i casi lì.

“Non è raro vedere bambini con epatite acuta”, ha detto in un’intervista a STAT Landers, pediatra da 45 anni. “La visione dei bambini è intensa [hepatitis] In assenza di gravi problemi di salute di base sono molto rari. Questo è ciò che si è distinto per noi in Alabama”.

Esiste un gruppo di adenovirus che possono infettare le persone. È in corso il sequenziamento genetico per cercare di determinare se sono coinvolti uno o più tipi di adenovirus. Finora, cinque dei bambini sono risultati positivi al tipo 41, ha detto Landers.

Man mano che la condizione della parola si diffonde, è possibile trovare casi aggiuntivi. Giornale El Pais Ho parlato di mercoledì Il quotidiano ha affermato che la Spagna ha rilevato tre casi, tutti di età compresa tra 2 e 7 anni. Uno dei bambini aveva bisogno di un trapianto di fegato.

Come nel Regno Unito, i bambini in Alabama sono stati molto malati, ha affermato Helena Gutierrez, direttrice medica del programma di trapianto di fegato pediatrico presso l’Università dell’Alabama a Birmingham. “Abbiamo visto un’intera gamma di casi, dall’epatite acuta all’insufficienza epatica acuta”, ha detto a STAT in una e-mail.

Nirav Shah, direttore del Maine Center for Disease Control e presidente dell’Association of State and Territory Health Officials, ha affermato che l’organizzazione era a conoscenza di casi nel Regno Unito, ma non era stata informata di casi simili in questo paese. “Abbiamo contattato i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie per saperne di più e anche per discutere di come i paesi possono monitorare tali casi”, ha affermato.

READ  I casi di coronavirus cadono per la quinta settimana consecutiva in Oregon; 36% in meno rispetto al picco estivo

Nel Regno Unito, dove sono stati segnalati quasi 75 casi dall’Inghilterra e dalla Scozia, pochi bambini hanno avuto o potrebbero aver bisogno di trapianti di fegato.

Un certo numero di bambini nel Regno Unito è stato testato per adenovirus e SARS-CoV-2, il virus che causa Covid-19. Ma il primo sembra essere il principale sospettato, secondo A Materiale scientifico Sulle questioni scozzesi pubblicate giovedì sulla rivista online Eurosurveillance.

Tuttavia, anche se la causa fosse l’infezione da adenovirus, potrebbe esserci un collegamento epidemico, hanno suggerito gli autori, osservando che i bambini piccoli – molti casi hanno meno di cinque anni – che non sono stati esposti alla normale gamma di germi durante l’epidemia potrebbero essere diventati più vulnerabili Quando le mascherine sono state rimosse e le misure di distanziamento sociale sono state revocate.

“Al momento della pubblicazione, le ipotesi principali erano incentrate sull’adenovirus: una nuova variante con una sindrome clinica distinta o una variante prevalente di routine che colpisce gravemente i bambini più piccoli che sono immuni al sistema immunitario”, hanno scritto gli autori di Public Health Scotland. Royal Hospital for Children di Glasgow, University Center Glasgow Virus Research.

“Quest’ultimo scenario potrebbe essere il risultato di una limitata mescolanza sociale durante la pandemia di COVID-19”, hanno affermato. Cinque dei tredici bambini descritti nell’articolo sono risultati positivi all’adenovirus.

L’epatite – infiammazione del fegato – è una condizione che può derivare da una serie di fattori, sebbene le infezioni virali siano spesso la causa. Un certo numero di virus dell’epatite, A, B, C, D ed E, sono cause comuni di epatite, ma in questi casi sono stati esclusi.

READ  Nessuna maschera al lavoro? La proposta della California dice che i dipendenti non devono farlo, se tutti vengono vaccinati

Emesso il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie Attenzione Martedì, ha esortato i medici a cercare e segnalare casi di epatite acuta nei bambini di età pari o inferiore a 16 anni, con test che escludono l’epatite A, B, C, D o E.