Giugno 15, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Starbucks: Cosa rivela una pubblicità di un caffè sulla transfobia in India

Starbucks: Cosa rivela una pubblicità di un caffè sulla transfobia in India
  • Scritto da Sherilan Mullan
  • Notizie della BBC, Bombay

fonte dell’immagine, Starbucks India

didascalia foto,

L’annuncio è stato stroncato e lodato sui social media

È difficile non essere accettati per quello che sei. È ancora difficile se le persone che non ti accettano sono i tuoi genitori.

Ed ecco perché Un recente annuncio di Starbucks per questo I genitori che riaccendono i rapporti con la loro figlia adulta – una donna transgender – hanno toccato un accordo con molti.

Nella pubblicità, la coppia incontra la figlia in un bar dopo essere stata allontanata da lei per anni e il padre mostra di accettare la sua decisione di trasferirsi rivolgendosi a lei con il nome che ha scelto, Arpita, piuttosto che Arpit.

L’annuncio è stato rilasciato all’inizio di questo mese con l’hashtag – inizia con il tuo nome – e da allora è stato visto più di un milione di volte su YouTube e ha più di otto milioni di visualizzazioni su Twitter. Molti utenti hanno elogiato il marchio per il suo messaggio inclusivo e per aver caratterizzato un modello transgender in un ruolo di leadership.

“L’amore e l’accettazione di un genitore per il proprio figlio transgender è davvero tutto”, ha scritto un utente, mentre un altro ha detto: “È ora di superare la transfobia”.

Ma l’annuncio è stato criticato anche da alcuni utenti che hanno accusato il brand del token e sostenuto che fosse “contro la cultura indiana”.

fonte dell’immagine, Immagini Getty

didascalia foto,

Modella Glorious Luna nella boutique appena aperta dello stilista Gaurav Gupta a Mumbai

Nel 2021, una pubblicità della casa di gioielli indiana Bhima ha conquistato i cuori raccontando la storia della transizione di una donna trans. Presentava la modella transgender Myra, che ha detto alla BBC che fare l’annuncio “mi ha aiutato a sentirmi più a mio agio con me stesso”.

L’India ha circa due milioni di persone transgender. Nonostante la sentenza della Corte Suprema che abbia gli stessi diritti delle altre razze, molti continuano a subire abusi e stigmatizzazione. Molte persone transgender sono alienate dalle loro famiglie e sono costrette a mendicare, prostituirsi o esibirsi in occasione di eventi per guadagnarsi da vivere.

Tuttavia, le persone nella comunità affermano che le cose stanno lentamente cambiando in meglio, almeno in certi luoghi, e che loro e le loro storie stanno trovando una certa rappresentazione nella cultura tradizionale, che si tratti di pubblicità, film o sfilate di moda.

principali riviste di moda Profilazione transitoria; Alcuni dei migliori designer li vestono per gli eventi e li coinvolgono nei lanci delle campagne e nelle aperture dei negozi.

fonte dell’immagine, Alok x Papa non predica

didascalia foto,

Ornamento della collezione di gioielli Papa Don’t Preach X Alok Menon

Ryan Monkey, 32 anni, residente a Mumbai, una donna transgender che scrive di moda e avvenimenti queer, dice che è stimolante vedere persone transgender che hanno queste opportunità.

“Vedere qualcuno della comunità in una pubblicità di Starbucks o sulla copertina di una rivista di moda significa molto. Questi sono tradizionalmente spazi esclusivi, quindi la tua rappresentazione qui segnala un cambiamento nel modo in cui le persone trans sono ritratte e gli spazi che possono occupare ,” lei dice.

READ  Episodio: le regole di isolamento del COVID-19 sono cambiate, il team di Donald Trump probabilmente ha nascosto documenti riservati a Mar-a-Lago, Apple è entrata nella realtà virtuale?

Durga, un’artista e attivista che ha disegnato per diversi importanti marchi di moda, afferma che loro (durga usa i pronomi loro/loro) hanno molte più opportunità nella moda oggi rispetto a pochi anni fa.

“A livello globale, c’è uno spostamento verso la creazione di spazi più inclusivi e i marchi devono tenere il passo con questa mentalità se vogliono rimanere rilevanti”, affermano.

Ma concordano anche sul fatto che spesso sono i pochi privilegiati all’interno della comunità transgender a cui vengono offerte queste opportunità.

fonte dell’immagine, Saisha Shinde

didascalia foto,

Una delle creazioni di Saisha Shinde

La designer Saisha Shinde sottolinea che i marchi spesso si abbandonano ai simboli aumentando solo la visibilità trans durante il mese del Pride e la società dimentica il resto dell’anno.

“Il fatto che una modella trans che scende dalla rampa sia considerata una ‘grande’ è il problema. Il talento non dovrebbe avere genere. Le etichette e i marchi di moda non dovrebbero usare modelle non trans per evidenziare la loro ‘stranezza del marchio’, ma dovrebbero includili in campagne regolari e rendili parte della posa “naturale”.

Ma alcuni designer dicono che questo è difficile a causa della mancanza di consapevolezza e sostegno da parte del pubblico. Pochi nel mondo della moda sono disposti a rischiare di perdere clienti e quindi non c’è un vero cambiamento a livello di settore.

Sharma afferma che ogni volta che il brand pubblica post sulla collezione sui social media o evidenzia un modello immobile in una delle sue creazioni, perde migliaia di follower.

“Il mercato della moda di lusso è difficile in questo momento; i designer devono pensare a pagare i conti e i kaarigar (artigiani). Quindi, anche se storicamente spetta a creatori e artisti spingere la società a pensare in modo più aperto, è un momento difficile da fare che.” continuamente”.

Ma gli osservatori affermano che quando si tratta di cambiare i valori e gli atteggiamenti della società, la più piccola rappresentazione è benvenuta, anche se è solo un gesto simbolico.

“Almeno c’è la rappresentazione (della comunità transgender) dell’odio registrata, che è meglio di nessuna rappresentazione”, afferma l’autore e editorialista Santosh Desai. “Attraverso questo processo di rappresentazione, negazione e rabbia, gradualmente veniamo a patti con qualcosa di nuovo e ci sentiamo a nostro agio”.

BBC News India è ora su YouTube. clicca qui Per iscriverti e guardare i nostri documentari, spiegazioni e servizi.

Leggi altre storie sull’India dalla BBC: