Ottobre 24, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Stanley Tucci sceglie i suoi ristoranti preferiti a Londra

GQ-UK

Tuttavia, a causa del lignaggio italiano di Tucci, è la cucina italiana che domina la sua scrittura e le nostre conversazioni. Attualmente sta girando più della sua serie della CNN, cerca italia, che ha dimostrato di essere molto popolare, anche se ora sta girando un episodio qui nel Regno Unito. Non potevamo andare in Italia [due to Covid restrictions] Quindi abbiamo deciso di farne uno qui, perché ora ci sono circa 400.000 italiani nel Regno Unito. Se vai in un ristorante italiano qui, sarà pieno di italiani. Italiani veri. Quindi daremo un’occhiata a cosa fanno qui, le grandi prelibatezze e perché i giovani italiani vengono qui. Ho trovato una donna meravigliosa che fa la mozzarella qui usando prodotti britannici. Ho chiamato BCN e una delle idee che ho dato loro è stata quella di dividere il cibo italiano per regione e di esplorare perché ogni regione ha il cibo che serve, dato il terreno, la storia e l’economia sociale; È stato tutto molto divertente per me. Cucinerò con Gennaro [Contaldo] per il ciclo. È l’uomo più bello di sempre”.

Non sorprende che abbia un profondo amore per il paese, ma ha difficoltà a scegliere il protagonista. “Amo molto il Nord. Amo il clima. L’Emilia-Romagna, ammettiamolo, è incredibile quando si tratta di cucina – tortellini e prosciutto, lasagne alla bolognese, è difficile da battere. E la Costiera Amalfitana, l’Umbria, la Sardegna, Roma… impossibile scegliere una favorita”.

Ma essendo di base a Londra, non è bloccato in posti dove trovare del buon cibo italiano, mi dice. Valentina in Sheen’ è fantastica. Brillante splendore. Sono Camisa a Soho e Lina è eccellente. Il ristorante italiano ha aperto in Liverpool Street – non ho ancora iniziato a Milano ed è il paradiso. Se il paradiso fosse un ristorante italiano, sarebbe essere l’Italia. Ed è enorme. Non puoi immaginare quanto ce ne siano e ristoranti e bistrot sono disseminati all’interno. È incredibile e non c’è niente di italiano di cui non ne abbia mai abbastanza”. Se costretto a scegliere l’ultimo pasto, ammette, “potrebbe essere la lasagna alla bolognese. In Emilia Romagna credo di averla mangiata tutti i giorni”.

READ  Chloe Chow è diventata la prima donna di colore a vincere un premio DGA

E solo un cocktail? “Martini. Posso averlo ora se lo faccio bene perché la mia gola era così marcia da [cancer] La cura – non ho tutta la mia saliva ed è incredibilmente sensibile, mettiamola così – quindi se hai qualcosa che luccica, mi fa comunque schifo perché è come se dei piccoli aghi mi pugnalassero. E questa è solo acqua frizzante, nemmeno champagne, quindi qualcosa di molto duro deve essere diluito. Ma un martini va bene perché devi diluirlo, e quando è fatto bene, va bene”.

Allora che consiglio ci dà il signor Tucci riguardo al suo cocktail preferito, il martini? “Recentemente sono andato al Connaught e abbiamo fatto alcune riprese per Tanqueray, che è stato davvero divertente e il cameriere lì, Augustino [Perrone] Era un ragazzo così simpatico e divertente che mi ha insegnato alcune cose davvero interessanti. Mescolo il martini, come fa lui, ma mi ha insegnato ad afferrare il cucchiaio e metterlo dietro la glassa finché non si ottiene uno sfrigolio sommesso. È bellissimo e si fonde perfettamente. Fanno il loro vermouth combinando tre diversi tipi: sono tutti bianchi, ma sono diversi e questo è importante perché non esiste un profilo aromatico unico. Colpisce diverse note con perfetto equilibrio. Anche la presenza di ghiaccio trasparente è fondamentale. Dovresti congelarlo lentamente in modo che non diventi torbido. È molto più pulito”.

Gusto: la mia vita attraverso il cibo Di Stanley Tucci (The Fig Tree, £ 20) Disponibile ora.

Leggi ora

Stanley Tucci sul suo amore per il cibo e il patrimonio italiano

I 21 migliori libri di cucina da acquistare nel 2021

READ  Annuncio di oggi: Campari riunisce la troupe originale per creare un cortometraggio di Fellini utilizzando l'intelligenza artificiale

GQ Food & Beverage Awards 2022: vota i tuoi preferiti