Maggio 26, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Stanley Tucci: Alla ricerca dell’Italia Stagione 2: Cosa c’è nel menu di Piemdont

Stanley Tucci: Alla ricerca dell'Italia Stagione 2: Cosa c'è nel menu di Piemdont

(CNN) – Dagli squisiti tartufi bianchi ai ricchi risotti e ai vini più pregiati, il Piemonte è un paradiso gastronomico.

Di seguito una guida dove puoi trovare alcuni dei piatti che Tucci divora in Piemonte. Ti sei perso l’episodio? Puoi aggiornarti qui su CNNgo.

Caffè, cioccolato e panna

L’Italia è famosa per il suo caffè, ma da nessuna parte è più ovvio di Torino, il capoluogo del Piemonte.

La sua bevanda caratteristica è la pecerina, che dagli anni ’60 del Settecento produce un potente pugno.

Si compone di tre strati – caffè, cioccolato e crema – ciascuno di una temperatura diversa e sospeso magnificamente in una tazza.

Ecco un consiglio: non muoverti, sorseggia il capolavoro con caffeina.

Se questo sbava, puoi creare la tua versione a casa. Food 52. versione Richiede cinque ingredienti: cioccolato fondente, caffè espresso, zucchero, cacao in polvere e panna.

Il nuovo chef affronta un classico secolare

Dopodiché, Tucci si fermò Del Campo Il ristorante che serve l’élite torinese dal 1757.
Lo chef Matteo Baronetto ha fatto della sua missione di trascinare questo punto di riferimento storico nel 21° secolo, mantenendo l’essenza di ciò che rende unico il ristorante. È un atto di equilibrio di alta qualità che guadagno Stella Michelin.

Prova Tochi FinanzieraUn vecchio stufato fatto con parti di animali più economiche. Contiene il cervello del vitello, i reni, i testicoli e il centro della colonna vertebrale. Baronetto realizza due versioni: la versione tradizionale e la sua versione unica.

Innanzitutto la tradizione: in questo antico piatto contadino, la carne viene tagliata a pezzetti, fatta appassire con aceto e marsala.

READ  Crypto.com Piattaforma di trading di criptovaluta per lanciare NFT UFC

“Questo è davvero gustoso e delizioso”, ha detto Tucci.

Ora, per reinventare il baronito: la sua versione presenta grossi pezzi di carne al vapore con una salsa a parte.

“Wow,” disse Tucci, “avevo paura dei testicoli, ma ora no.” “È molto delizioso.”

Buon leccarsi le dita con salsa di aglio caldo

La bagna càuda è un piatto classico piemontese. A Stanley Tucci piaceva l’aglio nel suo libro Stanley Tucci: The Search for Italy. Sintonizzati la domenica alle 21:00 ET per tutti i nuovi episodi.

La cucina dello chef Elisabetta Chiantiluo La coda di BagnaSpecialità piemontese. Il sugo è fatto con acciughe e aglio e servito caldo. È perfetto per intingere le verdure.

“Sarebbe il migliore. La coda di Bagna Mangerai nella tua vita”, ha detto Tucci.

Ha acconsentito quando l’ha provato. Disse: “Oh, mio ​​Dio! È fantastico”.

Ma il figlio dello chef ha avvertito: avrai l’alitosi dopo aver gustato questo delizioso pasto.

cibo creativo

Due fratelli servono il risotto in modi originali e il loro approccio innovativo è valso loro una stella Michelin. Non perderti “Stanley Tucci: Alla ricerca dell’Italia” nelle domeniche della CNN alle 21:00 EST/PT.

Cos’è la pizza per Napoli e il risotto per il Piemonte. Tucci ha sentito dire che il miglior risotto si nasconde nel retro di un hotel degli anni ’60 a Vercelli.

due fratelli corsero Ristorante Christian e Manuel. I risotti sono serviti in modi moderni e innovativi e questo approccio innovativo gli è valso una stella Michelin.

Il loro piatto forte è un risotto a base di caffè, birra ridotta e grana padano.

READ  Big Night at 25: la commedia da far venire l'acquolina in bocca di Stanley Tucci è ancora così deliziosa

È un suggerimento”, ha detto Tucci, cercando di mordere.

tartufo bianco decadente

Matt Hollywack

Se visiti il ​​Piemonte, qualcosa che cresce lì è così speciale che devi semplicemente provare: il tartufo bianco.

Il tartufo bianco, che cresce solo allo stato brado, è così appetibile che viene venduto per ingenti somme di denaro.

Il cacciatore di tartufi Igor Bianchi – conosciuto come il “re dei tartufi” – mostrò a Tucci come cacciare funghi teneri e cucinare un semplice piatto di tartufo.

Le ricette semplici sono le migliori quando si tratta di ostentare il sapore del tartufo, quindi Bianchi ha fritto un uovo nel burro, lo ha ricoperto di tartufo zuccherato e lo ha coperto con un coperchio per scaldare i tartufi e assorbire il profumo di tartufo.

“Per tutti i cuscini carini e soffici, quando si tratta di questo, i tartufi bianchi sono davvero una delizia semplice e terrosa, direttamente da Madre Natura”, ha detto Tucci.

Sulla nuvola di vino

Successivamente, Tucci si è recato nelle Langhe per provare il Barolo, uno dei vini rossi migliori e più costosi d’Italia.

Giulia Negri È la prima persona della sua famiglia a produrre Barolo dalle vigne della loro proprietà.

All’età di 24 anni ha iniziato a produrre vino. I pendii della casa della sua famiglia ricevono molta luce solare, perfetta per crescere nebulosaÈ un’uva dalla buccia sottile che è difficile da coltivare al di fuori di questa regione. È l’unica uva che può essere utilizzata per fare il Barolo.

“I tannini sono più prominenti, ma allo stesso tempo un po’ più leggeri. E più delicati”, ha detto Tucci mentre assaggiava un bicchiere di Barolo.

READ  Le riprese di un nuovo film al Legendary Vic's a Bradley Beach

Negri acconsentì. “E’ incredibile come Barolo l’abbia messa in tazza, e in 10 minuti è completamente cambiata”, ha detto.

Fonduta Italiana

Nella seconda stagione di “Stanley Tucci: Alla ricerca dell’Italia”, Tucci si reca nelle Alpi e prova la fonduta per cui i suoi vicini sono famosi. Ma la versione italiana si chiama Fonduta. Nuovi episodi in onda su CNN domenica alle 21:00 EST/PT.

Infine, Tucci è salito nella regione più piccola e con il maggior incasso d’Italia, la Valle d’Aosta. Situata nelle Alpi, la sua cucina è influenzata dalle vicine Francia e Svizzera.

A Ristorante Albag, Tucci ha provato un piatto per cui i suoi vicini sono famosi, la fonduta. Ma la versione italiana si chiama fonduta: è fatta con fontina. Il formaggio è così rigoglioso che non ha bisogno del vino bianco che aggiungono in Francia o in Svizzera.

Oh mio Dio, è così buono”, disse Tucci, intingendo il pane nella pentola calda della fonduta.