Giugno 29, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Spingere l’Europa a colmare i suoi divari energetici

Le sanzioni alla Russia e il blocco del Covid in Cina hanno ridotto i volumi di merci a Rotterdam, il porto marittimo più trafficato d’Europa. Ma una spedizione è fiorente: il GNL.

Importare più GNL è una priorità poiché l’Unione Europea cerca di ridurre la sua dipendenza dal gas fornito dalla Russia, con l’obiettivo di privare Mosca dei fondi per la sua guerra in Ucraina. Ma il terminal GNL di Rotterdam è al completo. L’espansione è in corso ma non sarà veloce.

“Il GNL è una sfida. Ci salverà la maggior parte delle restrizioni su tutte le merci che importiamo”, ha affermato il CEO del porto Allard Castellin. [LNG] Durante la notte. “

Nel frattempo, a 1.500 chilometri, la Spagna deve affrontare un diverso problema di capacità. Il Paese ha impianti GNL più che sufficienti: anche uno di loro è fuori servizio. Ciò che manca sono sufficienti gasdotti per portare il gas ai mercati di cui ha bisogno nell’Europa centrale. Un piano per costruire un altro collegamento con la Francia, il gasdotto Midcat, è sospeso da anni.

La Spagna rappresenta una parte significativa della capacità di importazione di GNL dell’UE, con sei terminali di importazione in funzione. Ma portare il gas in tutta Europa è complicato, con solo due gasdotti attraverso i Pirenei verso la Francia, in grado di gestire appena un decimo della capacità di importazione del GNL. Un altro gasdotto, noto come Midcat, è stato respinto dalle autorità di regolamentazione nel 2019 in quanto troppo costoso. Madrid ha rinnovato gli appelli per la sua costruzione.

La Spagna vorrebbe importare e contribuire alla sicurezza dell’Europa. . . Vorremmo inviare gas in Romania, ma come possiamo se non arriva a Perpignan [on the French side of the border]? abbiamo [fewer] I collegamenti gas con la Francia sono più che con l’Algeria.

In tutta Europa abbondano esempi di simili debolezze e falle infrastrutturali, che tradiscono i problemi che il continente deve affrontare mentre è alle prese con come ridurre la sua dipendenza dalla Russia, che fornisce il 40% del fabbisogno di gas dell’Unione Europea.

Ce n’è in abbondanza perché l’Unione Europea ha fatto affidamento per decenni sul flusso di gas russo da est a ovest, mentre i fornitori privati ​​di energia hanno avuto pochi incentivi a costruire capacità inutilizzate. Ora viene prestata maggiore attenzione a come proteggere il GNL da luoghi come gli Stati Uniti e spostare l’energia da ovest a est e verso gli stati centrali e orientali senza sbocco sul mare.

READ  Come gestire tutte le cose

Creare più capacità di GNL in Germania e in Italia

Maggiore capacità di rigassificazione gas-gas in Germania e Italia mappa

La Germania non ha terminali GNL, tuttavia è uno dei paesi più dipendenti dal gas russo. Sarebbe anche un gateway naturale per altri paesi europei senza sbocco sul mare per ottenere il GNL. La Germania ha noleggiato quattro navi per riconvertire il GNL in gas naturale, alcune delle quali dovrebbero essere operative entro la fine dell’anno, prima che le strutture convenzionali a terra siano completate nel 2025 e nel 2026.

Mercoledì, la Commissione europea svelerà un piano da 195 miliardi di euro volto a risparmiare sui trattamenti, sottolineando la necessità di più energie rinnovabili, minori consumi e fornitori alternativi affidabili. Ma il piano rappresenterebbe anche un tentativo di Bruxelles di collegare l’infrastruttura energetica dell’UE in modo più coerente, eliminando le strozzature e ponendo fine ai ritardi su progetti come il gasdotto Midcat.

Se solo avessimo stabilito questi collegamenti quando sono stati concordati [with France in 2014 and subsequently]L’Europa non sarà più in questa situazione di dipendenza [on Russia]Lo ha detto il primo ministro portoghese Antonio Costa quando ha incontrato i suoi omologhi di Italia, Spagna e Grecia a Roma a marzo.

Le carenze nelle infrastrutture fisiche rendono alcuni Stati membri dell’UE estremamente vulnerabili ai tagli alle forniture russe. Le preoccupazioni in Ungheria, il cui petrolio proviene interamente dalla Russia e si lamenta di avere poche alternative, stanno ostacolando i tentativi dell’UE di imporre un divieto su tutto il greggio russo.

La dipendenza dal gas è altrettanto dolorosa. I terminali di importazione di GNL a Rotterdam, Zeebrugge e Dunkerque stanno quasi raggiungendo la capacità e i flussi di gas dalla Francia alla Germania e ai paesi del Benelux sono limitati.

“In assenza di gas russo, i paesi occidentali non possono fornire gas aggiuntivo ai paesi dell’Europa orientale perché c’è una capacità limitata in questa direzione”, ha affermato in un recente rapporto la Rete europea dei gestori dei sistemi di trasmissione del gas.

Adeguamento delle condotte in modo che scorrano nella direzione opposta a est

Adeguamento dei gasdotti per il flusso inverso verso la mappa est

Una parte significativa della rete di gasdotti in Europa è progettata per pompare gas russo da est a ovest. L’Unione Europea ha cercato dal 2009 di migliorare le infrastrutture del gas da ovest a est, ma la Rete europea degli operatori dei sistemi di trasporto del gas afferma che le restrizioni infrastrutturali nell’Europa nord-occidentale e meridionale impediranno il flusso di gas aggiuntivo nell’Europa centrale e orientale, se lo fosse la Russia. per interrompere l’erogazione del gas.

Un altro ostacolo al flusso di gas dalla Francia alla Germania è che la rete di trasporto tedesca non accetta gas maleodoranti, il che lo rende più sicuro per i consumatori che rilevano perdite ma possono causare impurità.

READ  In che modo il turismo nell'UE si sta riprendendo dal COVID-19 quest'anno?

Gli analisti affermano che la maggior parte dei progetti per eliminare i punti di strozzatura richiederanno anni. Tra le opzioni più veloci ci sono gli impianti galleggianti per la rigassificazione del GNL; e aggiungendo compressori alle tubazioni esistenti in modo che il gas possa fluire in una direzione diversa. A lungo termine, sarà vantaggioso migliorare le infrastrutture per trasformare la Turchia in un hub GNL e portare più importazioni di gas azerbaigiano e GNL greco nell’Europa sudorientale. Oltre a costruire unità di stoccaggio e interfacce con il Regno Unito.

In Spagna, Arturo Gonzalo, amministratore delegato della società di trasporti Enagás, ha affermato che, con una rapida approvazione, il nuovo gasdotto Midcat potrebbe essere completato in 30 mesi e costare non più di 600 milioni di euro per un gasdotto per il trattamento dell’idrogeno e del gas naturale.

“Stiamo sviluppando l’opera d’arte con la nostra controparte francese, quindi, se [both] I governi decidono, possiamo iniziare il più rapidamente possibile”, ha detto.

Jonathan Stern, ricercatore presso l’Oxford Institute for Energy Studies, ha affermato che molti dei progetti riconsiderati erano stati pianificati per anni, ma erano stati respinti in quanto non commercialmente validi se confrontati con le forniture di gas russe a basso costo. Questa valutazione è ora cambiata.

“C’è stata una rivoluzione nel modo in cui i governi hanno pensato alle infrastrutture. Si perde concorrenza e libero mercato quando la sicurezza energetica è in cima all’agenda”, ha affermato Massimo de Oduardo, vicepresidente della ricerca globale sul gas e sul GNL di Wood Mackenzie .

Miglioramenti al corridoio meridionale del gas

Miglioramenti alla mappa del corridoio meridionale del gas

I miglioramenti qui aiuteranno a portare più gas dall’Azerbaigian e le importazioni di GNL dalla Turchia all’Europa sudorientale. Da ottobre è prevista l’entrata in esercizio della linea di interconnessione elettrica tra Grecia e Bulgaria, che aiuterà la Bulgaria a superare il problema della mancanza di gas russo.

Esistono vecchi gasdotti per il trasporto del gas russo dalla Bulgaria alla Turchia e possono essere annullati previo accordo tra i due paesi.

Un terminale galleggiante di GNL ad Alexandroupolis, nel nord della Grecia, dovrebbe essere operativo entro la fine del 2023 per collegarlo a TAP e alimentare il gas in Bulgaria e in altri paesi.

Bruxelles ha allentato le regole sugli aiuti di Stato per consentire ai governi di aiutare a finanziare progetti che collegheranno i paesi ed è anche pronta a investire parte del bilancio dell’UE in progetti.

READ  La crisi energetica colpisce la ripresa globale con l'avvicinarsi dell'inverno

Marco Alvera, imprenditore energetico ed ex amministratore delegato della rete italiana del gas Sanam, ha affermato che il costo delle infrastrutture necessarie sembrava piccolo rispetto a quanto la regione aveva pagato per l’energia nei sei mesi invernali a causa dei prezzi più elevati.

“Chi dovrebbe pagarlo non è un problema quando lo metti nel contesto di quanto paghi per l’energia”, ha detto.

Fare un uso migliore della capacità nel Regno Unito

Il ruolo del Regno Unito: gasdotti e GNL

Il Regno Unito può fungere da ponte per le forniture di GNL in Europa. Tuttavia, la capacità insufficiente del gasdotto e lo stoccaggio del gas nel Regno Unito impediscono alle forniture dai terminali di importazione di Milford Haven di raggiungere l’Europa continentale. La crisi del transito è stata esacerbata dalla chiusura del terminal di stoccaggio grezzo nel Mare del Nord nel 2017.

Alcuni criticano la fretta di costruire infrastrutture in Europa. “Dovremmo fermarci e fare un’analisi: quali infrastrutture abbiamo? Cosa può essere utilizzato di più e migliorarlo? “”Invece della follia edilizia e edilizia”, ​​ha affermato Anna Maria Galler-Makariewicz, analista dell’Institute for Energy Economics e Analisi Finanziaria. come un intero continente insieme.”

Vi è anche il dubbio se investire in infrastrutture per spostare più facilmente petrolio e gas in tutta Europa sia coerente con la determinazione dell’UE di decarbonizzare l’economia. L’UE prevede di chiedere un aumento a breve termine del gas seguito da un calo a più lungo termine mentre cerca di raggiungere l’azzeramento delle emissioni nette di carbonio nel 2050.

Simon Tagliabitra, membro anziano del think tank Bruegel con sede a Bruxelles, ha affermato che gli investitori privati ​​non vogliono investire in “attività bloccate” che potrebbero essere ridondanti una volta costruite.

È impossibile sostituire tutte le molecole di gas russe con un’altra. In caso di un taglio completo della Russia, ha affermato, i paesi sarebbero costretti a razionare il gas per alcune industrie.

Anche se il CEO di Port Rotterdam Castelein cerca di trovare modi per importare più GNL, sta anche guardando a un futuro energetico diverso per l’Unione Europea, citando piani per complessi di elettrolizzatori per produrre impianti di idrogeno e biocarburanti per sostituire i depositi di carbone e le raffinerie di petrolio.

“Il cinquanta per cento della nostra produzione si basa sui combustibili fossili”, ha affermato Castelen. “La transizione che dobbiamo attraversare non ha precedenti”.

Disegni di Liz Founce. Segnalazione aggiuntiva di Peter Wise a Lisbona