Ottobre 25, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

SpaceX invia il primo motore Raptor sottovuoto di Starship a Boca Chica

Per la prima volta, SpaceX ha spedito un motore Raptor potenziato dal vuoto al suo stabilimento di Boca Chica, Texas Starship, giorni dopo aver riaffermato gli attuali piani dell’azienda per un tentativo di lancio orbitale inaugurale già a luglio.

Nel marzo 2021, il CEO Elon Musk ha confermato di aver fissato SpaceX come obiettivo Il primo tentativo di lancio orbitale dell’astronave No dopo Dalla fine di luglio – circa quattro mesi e mezzo in quel momento. Quindici settimane dopo, anche se le probabilità di un tentativo di lancio orbitale che si verifica a luglio si sono praticamente ridotte a zero, il COO di SpaceX e il presidente Gwen Shotwell – che sono noti per essere più influenzati dalle stime spesso poco pratiche di Musk – hanno confermato che l’azienda è ancora “. Luglio shooting” per il primo tentativo di lancio orbitale dell’astronave.

A partire dalla fine di giugno, raggiungere questo obiettivo richiederà a SpaceX di maturare diverse straordinarie imprese di ingegneria e razzi in tempi record o di cercare di tagliare un angolo molto non convenzionale.

La rampa di lancio e l’hardware del veicolo di lancio necessari per il primo imaging spaziale dell’astronave sono tutt’altro che pronti per il volo. Il 24 giugno, Musk ha rivelato inaspettatamente che un prototipo del booster super pesante di SpaceX è ora nelle ultime fasi di assemblaggio, non nella realtà aumentata che trasporterà l’astronave nel suo primo tentativo di lancio nello spazio. In altre parole, nonostante decine di episodi in diverse situazioni lavorative essere Sparsi intorno allo stabilimento di Boca Chica di SpaceX, la società deve ancora iniziare ad assemblare il massiccio booster di 65 metri (circa 215 piedi) necessario per il suo primo tentativo di lancio orbitale.

READ  Commemorazione dell'eruzione del Monte Sant'Elena | Terra

Utilizzando Super Heavy Booster 3 (B3) come righello, l’assemblaggio può richiedere facilmente 9-10 settimane, a partire da quando inizia effettivamente il processo. Se SpaceX inizia a impilare Booster 4 oggi, in altre parole, è improbabile che il razzo lo sia completamento fine di agosto. Fatta eccezione per SpaceX che prende scorciatoie senza precedenti, il completamento del booster è solo una parte del processo di preparazione del volo e il B4 dovrà comunque essere qualificato al volo, probabilmente includendo almeno un test a prova di freddo e un test di incendio statico.

Nel migliore dei casi in cui SpaceX inizia oggi l’assemblaggio, riesce a dimezzare il tempo di assemblaggio del Booster 4 in un colpo solo, il secondo Super Heavy si intrufola attraverso i test di qualificazione in una settimana e il booster per il test di volo orbitale non sarà pronto per Starship installazione (probabilmente prima senza precedenti) prima di metà agosto.

Ciò lascerebbe quindi a SpaceX cinque o sei settimane per assemblare completamente la Starship S20, un processo che deve ancora iniziare. Come la Starship SN15, che Musk ha detto che presenta “centinaia di miglioramenti”, Musk ha anche affermato che la nave 20 e tutte le altre avranno un’altra serie di aggiornamenti necessari per prendere l’orbitale della nave stellare. La navicella spaziale SN15 è stata impilata e assemblata molto gradualmente nel corso di circa quattro mesi, anche se è probabile che questo lento assemblaggio sia dovuto al fatto che SpaceX è stata impegnata a testare le astronavi da SN8 a SN11 e stava effettivamente aspettando di vedere se ce n’era bisogno. Altri importanti cambiamenti.

La cupola di spinta della Starship SN20 (ora S20) è il primo dispositivo senza paletta dotato di supporti Raptor Vacuum. (NASA Volo spaziale – Bocacachigal)

Mentre la maggior parte degli aggiornamenti dell’S20 sono un mistero, la cupola di spinta della nave – che è stata avvistata in azione a Boca Chica all’inizio di questo mese – ha già confermato che il prototipo sarà il primo con l’hardware necessario per installare il motore Raptor Vacuum. Ciò probabilmente significa che l’S20 sarà anche il primo veicolo spaziale a tentare di lanciare sei motori Raptor stazionari*, che potrebbero produrre più spinta di un booster Falcon 9. Il 27 giugno, un Raptor (RVC) ottimizzato per il vuoto (RVC) è arrivato in Boca Chica per la prima volta al lancio, il che dimostra che il motore relativamente nuovo potrebbe essere già pronto per iniziare a testare l’integrato della navicella.

*Aggiornare: Dice Elon Musk, CEO di SpaceX Che il Raptor Vacuum consegnato a Boca Chica il 27 giugno sia in realtà per lo Starship S20, a quanto pare confermando che il prototipo volerà con ben sei motori Raptor.

Ovviamente, oltre a Starship e Super Heavy, SpaceX Anche Ha ancora una notevole quantità di lavoro per far funzionare parzialmente le strutture di lancio orbitale di Classe 1 del razzo. SpaceX dovrà completare e attivare almeno uno o due serbatoi di stoccaggio del carburante appositamente progettati, riempire questi tre o quattro serbatoi con tre o quattro enormi “gusci” simili a thermos, completare migliaia di piedi di tubature e cavi isolati e finire un enorme ‘tavolo di lancio’ , installa quel tavolo su una ‘piattaforma di lancio’ esagonale; equipaggiare e installare questo tavolo con un set di apparecchiature elettriche, avionica, idraulica, rifornimento di carburante e idraulica; Completa una “torre di integrazione” di 145 m (~ 475 piedi) ed esegui i primi controlli di adattamento e test di distanza con un vero booster o un veicolo spaziale.

Solo allora SpaceX capace Per tentare il lancio della prima navicella spaziale. Detto questo, potrebbe non essere così Letteralmente È impossibile per SpaceX completare tutto il lavoro di cui sopra in meno di cinque settimane, ma è sicuro dire che le probabilità che ciò accada potrebbero rendere probabile che il biglietto della lotteria arrossisca. Indipendentemente da ciò, se l’astronave raggiunge l’orbita a Quale Prima della fine del 2021, supererà i missili più semplici di “nuova generazione” come Ariane 6, Vulcan di ULA e Blue Origin New Glenn, sebbene lo sviluppo coordinato sia iniziato anni dopo e con una situazione di finanziamento meno certa.

SpaceX invia il primo motore Raptor sottovuoto di Starship a Boca Chica