Agosto 10, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Sotto l’Australia è stato identificato un pezzo di crosta terrestre di 4 miliardi di anni fa

Gli scienziati possono utilizzare vari indizi per scoprire cosa c’è sotto la superficie terrestre senza dover eseguire alcuna perforazione, incluso sparare laser ultra sottili più sottili di un capello umano sui minerali nella sabbia della spiaggia.

Questa tecnica è stata utilizzata in un nuovo studio che punta a un pezzo di crosta terrestre di 4 miliardi di anni all’incirca delle dimensioni dell’Irlanda, che è rimasto sotto l’Australia occidentale e ha influenzato l’evoluzione geologica della regione nel corso di milioni di anni.

Potrebbe essere in grado di fornire indizi su come il nostro pianeta sia passato dall’essere inabitabile a sostenere la vita.

I ricercatori ritengono che la massiccia estensione della crosta avrebbe influenzato notevolmente la formazione della roccia poiché il vecchio materiale si è mescolato con il nuovo, poiché è emersa per la prima volta come una delle formazioni prostatiche più antiche del pianeta sopravvissuta a molti eventi di costruzione di montagne.

“Quando si confrontano i nostri risultati con i dati esistenti, sembra che molte regioni del mondo abbiano sperimentato tempi simili per la formazione e la conservazione della corteccia precoce”, dice il dottorando in geologia e autore principale Maximilian Droelnerdalla Curtin University, Australia.

“Questo indica un cambiamento significativo nell’evoluzione della Terra circa 4 miliardi di anni fa, quando il bombardamento di meteoriti svanì, la crosta si stabilizzò e la vita sulla Terra iniziò a stabilirsi”.

Un laser è stato utilizzato per vaporizzare grani di zircone minerale prelevati da campioni di sabbia prelevati da fiumi e spiagge dell’Australia occidentale.

Tecnicamente noto come ablazione laser con spettrometria di massa al plasma accoppiata a induzione laser, questo metodo consente agli scienziati di datare i grani e confrontarli con altri per vedere da dove provengono.

READ  I bioingegneri stanno sviluppando un algoritmo per confrontare le cellule tra le specie, con risultati sorprendenti

Questo team ha fornito informazioni sulla volta cristallina del sottosuolo in questa particolare regione, mostrando da dove sono stati originariamente erosi i grani, le forze utilizzate per crearli e come la geologia della regione si è modellata nel tempo.

Oltre all’importanza dei resti di protozoi ancora esistenti – circa 100.000 chilometri quadrati (38.610 miglia quadrate) di essi – i confini del blocco aiuteranno anche gli scienziati a determinare cosa è nascosto molto al di sotto della superficie terrestre e come potrebbe essersi evoluto essere nel suo stato attuale.

“Il bordo dell’antico pezzo di crosta sembra segnare un importante confine crostale che controlla dove trovare minerali economicamente importanti”, Il supervisore della ricerca geologica Milo Parham afferma:della Curtin University.

“L’identificazione di antichi resti crostali è importante per il futuro dell’esplorazione ottimale delle risorse sostenibili”.

Come ci si potrebbe aspettare dopo 4 miliardi di anni, non è rimasta molto da studiare della crosta originale della Terra, il che rende risultati come questo ancora più interessanti e utili per gli esperti, offrendoci un’importante finestra sul lontano passato.

È difficile prevedere lo spostamento della crosta terrestre e i vortici del mantello caldo sottostante e mapparlo in retrospettiva. Quando si possono trovare prove di movimento interno e geologia in superficie, gli scienziati sono molto desiderosi di trarne vantaggio.

Inoltre, i risultati dello studio qui descritto possono aiutare gli scienziati a cercare altri pianeti: il modo in cui si formano questi pianeti, come si forma la loro prima crosta e persino come può sorgere la vita aliena su di essi.

“Studiare la Terra primordiale è impegnativo a causa della quantità di tempo che è trascorso, ma è di grande importanza per comprendere l’importanza della vita sulla Terra e la nostra ricerca per trovarla su altri pianeti”, dice Braham.

READ  Il Big Bang di una stella massiccia - Una nuova sorprendente visualizzazione astronomica

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista terra Nova.