Luglio 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Sono preoccupato per il dibattito di Biden con Trump questa settimana Roberto Reich

Sono preoccupato per il dibattito di Biden con Trump questa settimana  Roberto Reich

Ho appena compiuto 78 anni e, francamente, ho paura di ciò che potrebbe accadere giovedì sera, quando i candidati più anziani di sempre in una corsa presidenziale si scontreranno.

Sono meno preoccupato che Joe Biden abbia un difetto mentale o un vacillamento fisico, ma sono più preoccupato che Biden sembri debole e Donald Trump sembri forte.

Uno dei trucchi di maggior successo di Trump è stato quello di dipingere le prossime elezioni come una gara tra forza e debolezza, convincendo molti americani che la durezza e la testardaggine sono segni di forza mentre verità e umiltà indicano debolezza.

Nel 1960, quando vidi John F. Kennedy competere contro Richard Nixon, la personalità e il temperamento erano le due variabili più importanti.

Secondo la leggenda, la maggior parte delle persone che hanno ascoltato il dibattito alla radio hanno definito il primo dibattito un pareggio o hanno pensato che Nixon avesse vinto, ma Kennedy vinse facilmente tra i telespettatori.

La televisione danneggiò Nixon, e non solo a causa della carnagione pallida di Nixon. Kennedy guardò direttamente nella telecamera mentre rispondeva a ogni domanda. Ma Nixon guardò di traverso per rivolgersi a diversi giornalisti che facevano domande, spostando lo sguardo per evitare il contatto visivo con il pubblico – una mossa che sembrava dimostrare evasione, il difetto caratteriale che valse a Nixon il soprannome di “Il Burlone”. asta”.

L’ultima volta che ho visto una registrazione del dibattito televisivo Kennedy-Nixon è stato nel 1992, quando ero seduto accanto a Bill Clinton, che la usò per preparare il suo dibattito con George H.W Bush e Ross Perot. Clinton voleva emulare la personalità di Kennedy: la sua fiducia in se stesso, il senso dell’umorismo e l’ottimismo.

READ  L'Unione Europea minaccia di assumere una posizione più dura nei confronti della Cina mentre crescono le preoccupazioni sulle politiche economiche di Pechino in vista del vertice

Il lamentoso malcontento di Beirut ha alienato gli spettatori. George H.W. guardò oltre la collina. Clinton era energico, affascinante e connesso con gli spettatori.

Il che mi riporta al personaggio. Nel corso di 78 anni ho incontrato o osservato un piccolo numero di persone nella vita pubblica americana che definirei spregevoli. Penso immediatamente al senatore Joseph McCarthy, al governatore George Wallace e al presidente della Camera Newt Gingrich, così come a Rush Limbaugh e Roger Ailes.

Ciò che li rendeva spregevoli, a mio avviso, era il loro cinico opportunismo – l’entusiasmo con cui sfruttavano le paure delle persone per ottenere potere o fama, o entrambi. Avevano tutti la personalità dei bulli del cortile.

Donald Trump è il più cattivo di sempre.

L’odio di Trump si estende a ogni aspetto del suo essere: il suo flusso costante di bugie, l’entusiasmo con cui cerca di mettere gli americani gli uni contro gli altri, il suo capro espiatorio per gli immigrati, il suo disprezzo per le donne e i disabili.

E l’assoluta mancanza di rispetto di Trump per la carica di presidenza – per le leggi del paese, per la Costituzione degli Stati Uniti, per i senatori, i deputati, il personale e la polizia le cui vite ha intenzionalmente messo in pericolo il 6 gennaio 2021, e per centinaia di migliaia di lavoratori elettorali le cui vite ha direttamente o indirettamente minacciato con le sue affermazioni infondate. La base è la frode elettorale.

Del personaggio non si parlerà giovedì sera, ma spero che gli americani indecisi o tentennanti nel sostegno a Joe Biden se ne accorgano. Il personaggio è – e dovrebbe essere – nella votazione del 2024.

READ  Proteste in Europa mentre i governi cercano di porre fine alla crisi del coronavirus con mandati di vaccinazione

Ricordo di aver discusso dell’ex governatore repubblicano dell’Arizona Jan Brewer prima delle elezioni del 2016. Le chiesi se pensava che Trump avesse la personalità e il temperamento giusti per essere presidente. Quando Brewer fu in ritardo, lo chiese di nuovo. Alla fine ha detto di sì. La sua risposta è stata forse la parola più falsa che qualcuno abbia mai detto in questa stagione elettorale, a parte le avide bugie di Trump.

Qualche giorno fa, stavo parlando con un giovane conservatore che ha ammesso che Trump era un “orribile delinquente”, come ha detto, ma ha detto che l’America e il mondo erano diventati un tale disastro che avevamo bisogno di un delinquente odioso come presidente.

“Pensa a Putin, Xi, Kim, Ali Khamenei, Netanyahu: sono tutti delinquenti odiosi”, ha detto. “Abbiamo bisogno del nostro re Un delinquente odioso per tenergli testa.

Salta la precedente promozione della newsletter

Ho obiettato, dicendo che lo scontro diretto potrebbe portare a ulteriori spargimenti di sangue, e forse anche a una guerra nucleare.

Ha continuato: “Abbiamo bisogno di un delinquente odioso che scuota Washington, solleciti tutte le burocrazie fossilizzate che ora stanno distruggendo l’America e faccia tutte le cose che nessuno ha avuto il coraggio di fare”.

Quando sembrava scettica, ha detto: “Abbiamo bisogno di qualcuno che subentri!”

Non appena ha detto quelle ultime parole, lui e io sapevamo che la conversazione era finita. Ha vuotato il sacco. Ha perso la pazienza con il caos e la lentezza della democrazia. Voleva un dittatore.

Non sono sicuro di quanti americani siano attratti da Trump e si sentano in questo modo. È coerente con il quadro di forza contro debolezza adottato da Trump.

Trump può essere odioso, si dicono, ma almeno è forte, e abbiamo bisogno di forza piuttosto che di debolezza.

Sono nato 78 anni fa. A quel tempo, il mondo aveva appena sperimentato cosa poteva accadere quando una persona piena di odio che trasudava “potere” prendeva il controllo di un grande paese e minacciava il mondo. Molti dei miei lontani parenti morirono combattendo i nazisti o morirono nei campi di concentramento nazisti.

Non posso fare a meno di chiedermi se il giovane conservatore con cui ho parlato si sarebbe sentito diversamente se avesse avuto 78 anni.