Dicembre 4, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Sono in corso contatti tra Putin e i leader francesi e tedeschi

La polizia finanziaria italiana ha sequestrato il superyacht di Andrei Melnichenko a Trieste, in Italia, il 12 marzo. (Giorgio Boemo/Reuters)

Venerdì sera la polizia finanziaria italiana ha sequestrato uno yacht gigante di proprietà dell’oligarca russo Andrei Melnichenko a Trieste, in Italia.

Lo ha annunciato la Guardia di Finanza in un comunicato diffuso venerdì sera. La dichiarazione afferma che lo yacht, soprannominato “SY A”, è stato immagazzinato nel porto di Trieste.

Il suo valore è stimato in 530 milioni di euro (578 milioni di dollari), ha aggiunto la dichiarazione. È uno dei più grandi yacht di lusso al mondo, secondo il produttore Nobiskrug.

Un video diffuso dalla Guardia di Finanza mostra i clienti a bordo dello yacht.

Le sanzioni a Melnichenko sono state imposte dall’Unione Europea il 9 marzo come parte delle sanzioni estese contro l’oligarchia russa. Secondo l’Unione Europea, possiede il principale produttore di fertilizzanti EuroChem Group e la società carboniera SUEK.

Nel Risoluzione del Consiglio dell’Unione EuropeaMelnichenko, che ha autorizzato l’imposizione di sanzioni a Melnichenko, ha osservato che lui e altri 36 leader aziendali si sono incontrati con il presidente russo Vladimir Putin dopo l’invasione dell’Ucraina per discutere del potenziale impatto economico delle sanzioni europee e statunitensi.

“Il fatto che sia stato invitato a questo incontro dimostra che è un membro della cerchia più stretta di Vladimir Putin e che sostiene o attua misure o politiche che minano o minacciano l’integrità territoriale, la sovranità e l’indipendenza dell’Ucraina, nonché la stabilità e sicurezza dell’Ucraina”, si legge nella risoluzione del Consiglio Ue.

“Dimostra anche che è uno degli importanti uomini d’affari coinvolti nei settori economici che forniscono una significativa fonte di reddito per il governo russo, responsabile dell’annessione della Crimea e della destabilizzazione dell’Ucraina”.

Sabato, il portavoce di Melnichenko, Alex Andreev, ha detto alla Galileus Web che l’oligarca russo si era rimosso dai consigli di amministrazione di Eurochem e SUEK (le società da lui fondate) dopo che l’Unione Europea gli aveva imposto sanzioni. Andreev ha anche affermato che Melnichenko non è più il “beneficiario” delle società, in una dichiarazione alla CNN.

READ  Olimpiadi di Tokyo 2021 | Bhavani Devi si allena con la nazionale italiana di scherma come parte dei preparativi

Alla domanda della CNN se Melnichenko avesse commenti sulla situazione in Ucraina, Andreev ha rifiutato di commentare ulteriormente e ha invece fatto riferimento alla sua dichiarazione iniziale inviata via email alla CNN.

“Andrey Melnichenko è un uomo d’affari internazionale che si è fatto da sé. Non ha nulla a che fare con i tragici eventi in Ucraina. Non ha affiliazioni politiche”, ha affermato Andreyev in quella dichiarazione. Non c’è assolutamente alcuna giustificazione per inserirlo nell’elenco delle sanzioni dell’UE. Discuteremo queste sanzioni infondate e ingiustificate. Crediamo che lo Stato di diritto e il buon senso prevarranno”.

La notizia arriva quando una sfilza di élite russe si affretta a trasferire e vendere beni durante l’invasione russa dell’Ucraina.

Pochi giorni dopo che l’oligarca russo e proprietario del Chelsea Roman Abramovich ha annunciato che avrebbe venduto la squadra di calcio, il Regno Unito ha aggiunto il 55enne alla sua lista di individui sanzionati come parte dei suoi sforzi per “isolare” Putin.

Il 3 marzo, il ministero delle Finanze francese ha annunciato che il Paese aveva sequestrato uno yacht di sua proprietà oligarca russo E amministratore delegato Il colosso petrolifero russo Rosneft Igor Sechin.

L’Unione europea ha imposto sanzioni a Sechin all’inizio di quella settimana, definendolo uno dei “consiglieri più fidati e più stretti di Putin, nonché suo amico personale”.

Kara Scannell, Jessica Schneider, Amy Woodyat e Niamh Kennedy della CNN hanno contribuito a questo post.