Maggio 17, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Soldato ucraino ucciso mentre aumentano le tensioni in Russia

Sabato l’esercito ucraino ha annunciato l’uccisione di un primo soldato in poche settimane e ha accusato i ribelli sostenuti da Mosca di una forte escalation di attacchi che ha accresciuto i timori di un’imminente invasione russa.

Il comando militare congiunto dell’Ucraina orientale ha affermato che un soldato è stato ferito a morte da schegge nella zona di conflitto, che si estende attraverso due regioni separatiste vicino al confine russo.

Il servizio di emergenza ucraino ha affermato che due dei suoi dipendenti sono rimasti feriti durante l’ondata di attacchi di venerdì.

Le forze armate hanno affermato che i ribelli avevano usato mortai da 82 e 120 mm – vietati da precedenti accordi di cessate il fuoco – nelle città lungo il fronte che si estendevano attraverso le regioni orientali di Lugansk e Donetsk.

L’esercito ucraino ha affermato che i combattenti separatisti stavano “sparando proiettili di artiglieria nei centri abitati e posizionando sistemi di artiglieria vicino alle case residenziali”.

“In questo modo, il nostro nemico sta cercando di costringere le nostre forze armate a rispondere con il fuoco e poi incolparle per aver bombardato i civili”, ha aggiunto.

L’esercito ha aggiunto che continua a “respingere e contenere l’aggressione armata” senza attaccare i civili e ha accusato la Russia di dirigere gli attacchi dei suoi alleati.

Mosca nega ufficialmente il coinvolgimento nel conflitto, descrivendolo come un affare interno ucraino.

Ma gli osservatori dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione nel servizio di sicurezza europeo hanno riferito di spedizioni regolari di armi russe attraverso il confine durante gli otto anni di guerra.

READ  Spike di Jeremy Farrar con Anjana Ahuja - Ignore the Flag

L’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa ha riportato 870 massicce violazioni del cessate il fuoco in tutta la zona di conflitto nel suo ultimo rapporto di venerdì, che citava incidenti dei giorni precedenti.

“Negli ultimi giorni, il monitoraggio speciale dell’Ucraina (SMM) dell’OSCE ha rilevato un aumento significativo dell’attività motoria lungo la linea di contatto nell’Ucraina orientale”, ha affermato l’OSCE in una dichiarazione.

I leader ribelli accusano le forze armate ucraine di aver tentato di riconquistare con la forza due regioni separatiste, un’affermazione che Kiev nega.

Sabato, i leader ribelli a Donetsk e nella piccola regione di Lugansk hanno descritto la situazione come “pericolosa” e hanno annunciato una “mobilitazione generale”.