Aprile 18, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Sindaco: il titolo di Napoli scatenerà un terremoto di grande gioia

Napoli, Italia – Prima che Gaetano Manfredi fosse eletto sindaco di Napoli nel 2021, era un professore universitario specializzato in ingegneria sismica – preparazione e progettazione di edifici per la resistenza ai terremoti.

Quando Manfredi divenne Rettore dell’Università di Napoli Federico II, fu condotto uno studio per misurare l’effetto dei tifosi che festeggiavano i gol segnati dal Napoli FC all’interno di quello che oggi è conosciuto come lo Stadio Diego Armando Maradona.

“L’edificio del dipartimento di ingegneria è vicino allo stadio e lì c’è un sismografo, e ogni volta che il Napoli segna un gol registrerà abbastanza scosse da quasi registrare un terremoto”, ha detto Manfredi all’Associated Press in una recente intervista.

Quindi quanto sarebbe grande il record di un sismografo universitario quando il Napoli ha vinto il suo primo titolo di Serie A in oltre tre decenni? Con 17 punti di vantaggio e sette partite alla fine, arriva la prima possibilità di vincere questo fine settimana: il weekend lungo del Labor Day (Labour Day in Europe).

“Non possiamo prevedere il numero, ma di sicuro ci saranno molte scosse”, ha detto Manfredi, agitando la mano su e giù per simulare il tremore. “Un terremoto. Un grande terremoto di gioia”.

Il sindaco non sta esagerando.

Il tifo del Napoli è considerato simile alla religione nella città del sud, e la squadra non ha vinto la Serie A da quando Diego Maradona ha portato il club a soli due campionati italiani nel 1987 e nel 1990.

“La passione per il calcio nel Napoli è una delle più grandi al mondo”, ha detto Manfredi.

READ  31 ciclisti sono stati squalificati per trattenimento su veicoli sullo Stelvio durante il Giro Next Gen

È piuttosto interessante che i napoletani abbiano spazzato via le loro superstizioni sul celebrare – o addirittura menzionare – la parola “scudetto” o titolo, prima che accadesse e abbiano addobbato la città con striscioni, striscioni, bandiere e modelli di cartone di giocatori napoletani, tutto in napoletano blu.

Il moniker potrebbe anche essere un ascensore sociale per il Napoli, una città che ha lottato con la rimozione dei rifiuti e la criminalità ed è vista come una cugina povera a sud delle tradizionali capitali calcistiche del nord Milano e Torino.

“Se facciamo questa cosa, saremo per sempre sui muri del Napoli”, ha detto l’allenatore del Napoli Luciano Spalletti, evitando la parola “scudetto”.

Ogni quartiere della città, dai ripidi e stretti vicoli dei caratteristici Quartieri Spagnoli al più moderno quartiere di Fuorigrotta dove si trova lo stadio, ha il suo stile di festa.

Uno dei cartelli che si estendono lungo la strada del quartiere Forcella del centro storico, noto per gli affreschi di San Gennaro, patrono della città, recita “Scusate per il ritardo” o “Scusa per il ritardo” – un riferimento al titolo di un film del 1983 diretto e interpretato dall’attore nostrano Massimo Troisi, nonché 33 anni dall’ultimo titolo del Napoli.

“Siamo unici. Non c’è nessun altro posto al mondo come Napoli. Napoli è un teatro all’aperto”, ha detto il tassista locale Giovanni Mori, riferendosi a una poesia del drammaturgo napoletano Eduardo De Filippo.

C’è un detto sentito spesso in questi giorni in città che dice: “I festeggiamenti a Napoli sono diversi da qualsiasi altra parte”.

Come ha spiegato il sindaco: “E’ perché il napoletano è allegro. L’allegria napoletana è famosa in tutto il mondo”.

READ  NS Moura 2 - 1 Tottenham

Napoli ha atteso così tanto che la città si sta preparando a molteplici festeggiamenti.

Ci sarà un’esplosione spontanea quando una squadra conquista il titolo, che può durare giorni, settimane o addirittura mesi.

“Ovviamente non sappiamo quando accadrà o cosa accadrà effettivamente”, ha detto il sindaco.

Poi, il 4 giugno, si svolgerà una festa organizzata nel centro della città, in Piazza Plebiscito, dopo che il club ha vinto la Coppa di Serie A dopo l’ultima partita della stagione.

“Sarebbe come festeggiare due volte Capodanno, anzi (più grande) di Capodanno”, ha detto Vincenzo Masiello, che gestisce la trattoria e pizzeria O Vesuvio nei Quartieri Spagnoli.

Per evitare la folla in centro e una scena come il caos quando l’Argentina è tornata a casa con il trofeo dei Mondiali, il 4 giugno la città organizzerà festeggiamenti simultanei in diversi quartieri, tra cui uno a Scampia, il grintoso sobborgo settentrionale rivelato come un crimine pieno di criminalità mondiale nel libro “Gomorra”, il cinema e la serie TV.

Anche due anni e mezzo dopo la sua morte, l’eredità di Maradona rimane un’attrazione importante a Napoli.

Nei Quartieri Spagnoli, un enorme murale di Maradona funge da museo non ufficiale per l’ex grande argentino.

“È un problema in termini di sovraffollamento”, ha detto Manfredi. “È una specie di culto laico ed è molto apprezzato”.

Il sindaco ha detto che nei giorni dei grandi giochi del Napoli o nei periodi di festa, fino a 30.000 persone visitano ogni giorno “Piazza Maradona”, rendendola una delle attrazioni più visitate in Italia.

“Anche dopo la sua morte, continua a portare gente a Napoli”, ha detto Antonio Tortura, un altro tassista locale. “È un santo.”

READ  Le Olimpiadi di Tokyo indicano la voglia di ripartire, dice Mattarella - Italian

Andrew Dampf è su https://twitter.com/AndrewDampf

Altro da AP soccer: https://apnews.com/hub/Soccer e https://twitter.com/AP_Sports