Maggio 19, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Shibuh Shubh è un wine bar Brunswick West semplice e molto ricercato

Hootan Heydari ha una lunga relazione con Brunswick. Lui e il socio in affari Juno Hill hanno creato un’originale caffetteria A Minor Place in Albion Street nel 2004 prima che la più ambiziosa strada aperta fosse aperta vicino a Barclay Square nel 2009.

La relazione di Heydari con Brunswick West è più recente. Lui e la compagna Emily Peto, la scrittrice vincitrice del Premio Stella, si sono trasferiti nella zona circa cinque anni fa.

“Ogni volta che pensavamo di andare da qualche parte a bere qualcosa, la passeggiata fino a Sydney Rd era di 20,25 minuti”, dice. “Almeno non è una città lontana, ma non è locale.”

La coppia ha deciso – forse incautamente – che se nessun altro avesse aperto un posto per far bere la gente del posto, avrebbero dovuto farlo da soli. Il risultato è Shabooh Shoobah, un semplice wine bar situato in un’ex macelleria italiana decennale, che prende il nome dal terzo album della band australiana INXS.

“Non posso stare a lungo in un bar in questa zona perché sarò io a fare tutti i turni”, dice Heydari con una risata.

Hanno collaborato con lo chef Sam Steak, che ha lavorato con loro al Carlton’s Heartattack and Vine e in seguito ha lavorato come capo chef al Neighborhood Wine.

Nonostante l’esperienza di Steck in cucina, Shabooh Shoobah non è un ristorante che è un wine bar, come lo sono Marion, Embla e Friends. Non è possibile prenotare e il menu è rigorosamente orientato verso snack in stile mediterraneo: niente bistecche o pollo arrosto. Tuttavia, Steak afferma: “L’attenzione alla produzione è la stessa. Quasi tutti i giorni vado al mercato, cerco cibo e raccolgo dal frutteto”.

READ  AM Best conferma il merito creditizio di Net Insurance SpA

Uno dei piatti, arachidi bollite con un cespuglio di sale e limone, risale alla sua infanzia nel Queensland, dove ricorda di aver fatto uno spuntino al mercato. Semplice come i lupini sott’aceto, questa è la risposta mediterranea all’edamame. Steck mostra le sue abilità in modo un po’ più aggressivo con acciughe e cipolle su biscotti al burro, barbabietola affumicata e feta di macadamia su pane di segale e ndoja (salame piccante e spalmabile) tostato tagliato a dita sottili per un facile consumo. Un tavolo da quattro persone può ordinare il menu completo, ovvero dieci piatti in totale, senza allungare.

Allo stesso modo, la lista dei vini è priva di stress decisionale: occorrono circa 60 secondi per leggerla dall’inizio alla fine. Ci sono quattro gemme, nove bianche, nove rosse, due arance e tre rose, con particolare enfasi sulle uve italiane come Vite, Viano, Vermentino e Sangovez. Bitto, la mente principale dietro il menu, desiderava includere l’opzione “vecchio” e l’opzione “amante del vino naturale” ad ogni svolta.

Sono possibili anche la birra alla spina e i cocktail classici e irremovibili, tra cui martini, negrones, americanos e il rinfrescante repojito con foglie di fico, un’invenzione spagnola di sherry, limone, lime e soda. Ci sono anche molti tipi di vermouth e amari da provare, quest’ultimo è un bel cenno alla storia italiana della regione.

Il bar è già diventato un punto di sosta per i locali, che vengono a godersi i suddetti drink, registrazioni di sborrate di Heydari e Steck (lo-fi anni ’90, pop anni ’80, new wave, reggae, Italo disco e altro) prima o dopo cena alla pizzeria Postmistress . adiacente.

“All’inizio c’erano alcuni vecchi locali che passavano di lì, ‘Più alcol? Non abbiamo bisogno di più alcol! “Abbiamo alcol qui”, dice Peto.

READ  Il Presidente di LuisaViaRoma delinea i piani di crescita per il 2022

A giudicare dal fidato Full House delle 17:00 allo Shabooh Shoobah quasi ogni giorno è aperto, le menti sono cambiate.

gente fantasma

59A Melville Rd, Brunswick Ovest

(03) 9917 2702

Ore

Dal mercoledì al sabato 16:00 – 23:00

domenica 14 – 21