Febbraio 27, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Serie A: DAZN e Sky mantengono i diritti nazionali dopo che i club hanno concordato un accordo da 4,5 miliardi di euro

Serie A: DAZN e Sky mantengono i diritti nazionali dopo che i club hanno concordato un accordo da 4,5 miliardi di euro
  • Un nuovo accordo che si estende dal 2024/25 al 2028/29
  • La Serie A afferma che l’accordo potrebbe eguagliare o superare il valore dei contratti esistenti quando saranno incluse le componenti variabili
  • L’associazione ha fissato un obiettivo di fatturato di 7,2 miliardi di euro per incrementare l’accordo su un periodo di cinque anni

I club della Serie A della Lega Calcio Italiana hanno accettato le offerte di DAZN e Sky Italia per i diritti di trasmissione locale del campionato.

Il nuovo accordo quinquennale tra la società di media sportivi DAZN e il canale televisivo a pagamento Sky avrà inizio nel 2024/25 e si stima che valga complessivamente 4,5 miliardi di euro (4,8 miliardi di dollari). Si dice che DAZN abbia offerto un ricavo minimo garantito di circa 700 milioni di euro (744 milioni di dollari) a stagione per la Serie A, mentre l’offerta di Sky è di circa 200 milioni di euro (213 milioni di dollari) a stagione.

DAZN trasmetterà in esclusiva sette partite di Serie A ogni settimana (266 partite su 380 a stagione). Le restanti tre saranno portate da DAZN e Sky (114 partite a stagione).

L’attuale accordo nazionale della Serie A con DAZN vale 2,5 miliardi di euro (2,7 miliardi di dollari) dal 2021 al 2024, e l’accordo con Sky vale circa 262,5 milioni di euro (279 milioni di dollari) in tre anni.

Come riportato ReutersI funzionari della Lega hanno affermato che i nuovi accordi potrebbero eguagliare o addirittura superare il valore dei contratti esistenti quando saranno incluse alcune componenti variabili. Dei 20 club della Lega italiana, 17 hanno votato a favore dell’accordo.

Giornale italiano La Repubblica I rapporti suggeriscono che i club guadagneranno poco meno di 900 milioni di euro all’anno (957 milioni di dollari) nei primi due anni dell’accordo, con l’importo che aumenterà dal terzo al quinto anno. Nell’ambito dell’accordo DAZN, i club hanno anche il diritto di condividere le entrate legate a criteri di prestazione come la crescita degli abbonati “senza limite”. Bloomberg Il pagamento aggiuntivo è stato fissato a 1 miliardo di euro (1,1 miliardi di dollari) nel periodo di cinque anni.

READ  United Rugby Championship: Edimburgo e Glasgow Warriors imparano una nuova attrezzatura da competizione

Non tutti i club di Serie A, però, sono contenti dell’accordo. Il proprietario del Napoli Aurelio De Laurentiis, in particolare, ha espresso frustrazione per il rifiuto da parte della Serie A dell’opportunità di diventare una società direct-to-consumer (DTC).

A interrompere De Laurentiis, l’amministratore delegato della Lega Italiana, Luigi De Siervo, nel corso di una conferenza stampa Ha detto ai giornalisti“È una sconfitta totale per il calcio italiano. Questi accordi saranno la morte del calcio italiano”.

De Laurentiis ha poi aggiunto: “Il problema è se sei mutuatario o imprenditore. Un imprenditore deve saper misurare la zona di rischio, è più opportuno, ma questo non potrà mai raggiungere il valore del calcio italiano. Il valore del calcio italiano”. passa attraverso investimenti. Lei crede che il calcio italiano abbia sempre bisogno del sostegno degli altri, ma i tifosi sono il patrimonio assoluto della società. Il mio rapporto dovrebbe essere diretto con il tifoso, non direttamente con Sky e DAZN che secondo me non sono qualificati .

“Perché quando vendo un pacchetto in cui trovo cinema, Champions League, calcio italiano, serie tv e intrattenimento, o DAZN che vende calcio italiano e altri sport, non capirò mai il vero valore del calcio italiano. I miei colleghi di campionato Amo lavorare negativamente nel sistema, io che non ho mai giocato passivamente odio lavorare in questo modo.

Poi c’è la stupidità di raggiungere un accordo quinquennale. In tempi di crisi cinema e calcio sono due cose molto potenti, una panacea per i dolori della vita quotidiana ma noi questo sogno lo riponiamo nel cassetto. Sky e DAZN non stanno facendo questi grandi investimenti.

READ  Rapporto ATP: Nick Kyrgios vince per tre set nell'apertura di Houston

La Lega italiana ha esplorato la possibilità di creare un servizio DTC che sarebbe reso disponibile tramite fornitori di pay-TV e come abbonamento autonomo per i clienti, ma il presidente del Torino e proprietario di Cairo Telecom Urbano Cairo ha detto ai giornalisti italiani che i conti non tornano al momento. .

“I numeri erano inferiori alle nostre aspettative iniziali e inferiori ai nostri contratti attuali”, ha affermato. “Penso che abbiamo fatto bene a continuare il nostro rapporto con Sky e DAZN.

“Fare un canale televisivo in Serie A adesso… avrebbe significato aggiungere più rischi ad un business rischioso.”

Il professionista sportivo dice…

La Serie A puntava fino a 7,2 miliardi di euro (7,7 miliardi di dollari) per il suo prossimo accordo sui diritti dei media locali, e ha persino esteso la durata dei contratti nel tentativo di aumentarne il valore. Il mancato raggiungimento di questo obiettivo non dovrebbe essere una sorpresa, ma servirà ancora una volta al campionato una forte dose di realtà.

DAZN e Sky continueranno come partner di trasmissione, ma arrivare a questo punto è stato un processo in fase di stallo. Vale la pena notare che a giugno la Lega italiana è entrata in trattative private dopo che le offerte iniziali erano state considerate troppo basse, prima che ogni decisione fosse rinviata a ottobre.

Dal punto di vista dei broadcaster, DAZN si è affermata all’interno dell’ecosistema dei media sportivi italiani. Ora sarà il principale partner televisivo della Serie A per due cicli completi e con un nuovo contratto quinquennale ha una solida base da cui partire per avviare l’attività redditizia che ha sempre desiderato. Sky, che possiede la maggior parte dei diritti della UEFA Champions League in Italia, è chiaramente felice di essere il vettore dei canali di calcio di DAZN e di guadagnare la sua valuta come partner di distribuzione.

READ  Wolff dice che il record di vittorie di Verstappen non ha nulla a che fare con questo

De Siervo ha dichiarato il mese scorso che la Lega italiana era pronta a lanciare il proprio servizio di live streaming per mostrare le partite in diretta nel caso in cui le emittenti non fossero riuscite a fornire un’offerta accettabile. Se questa è una politica del rischio calcolato, non ha raggiunto i suoi obiettivi negoziali.

Tuttavia, l’opzione DTC interna non era necessaria dato l’ampio consenso di cui godeva il nuovo accordo. Date le macrotendenze attuali del mercato dello streaming, un accordo allo stesso livello, con il potenziale per una maggiore quota di compartecipazione alle entrate, potrebbe anche essere una piccola vittoria.

La Serie A dovrebbe creare una propria piattaforma e De Laurentiis, insieme all’amministratore delegato della Salernitana Danilo Ervolino, ha spinto per un’attesa più lunga.