Settembre 25, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Selfridges venduto all’asta per £ 4 miliardi | Settore vendite

I proprietari di Selfridges iniziano a mettere all’asta un grande magazzino di lusso e hanno messo 4 miliardi di sterline nel prezzo della società.

La famiglia Weston, una delle famiglie più ricche del Canada, ha ammesso per la prima volta che potrebbe prendere in considerazione la vendita delle attività del suo negozio europeo il mese scorso dopo l’approccio di un misterioso acquirente.

L’approccio è arrivato poche settimane dopo la morte dell’ottantenne capofamiglia, W Galen Weston, che ha guidato l’acquisto di Selfridges per 628 milioni di sterline nel 2003.

Ora la famiglia ha assunto consulenti del Credit Suisse per supervisionare l’asta e prevede di inviare i documenti di vendita a un gruppo d’élite di potenziali acquirenti nelle prossime settimane.

Le attività disponibili per l’acquisizione includono i quattro negozi Selfridges del Regno Unito – a Londra, Manchester e Birmingham – così come Brown Thomas e Arnots in Irlanda e de Begenkorf nei Paesi Bassi.

La vendita sarà l’ultimo capitolo della movimentata storia di Selfridges, che è stata aperta dall’uomo d’affari americano Harry Gordon Selfridge nel 1909. Un tempo, il negozio di Oxford Street aveva più di 100 dipartimenti, tra cui un poligono di tiro e una biblioteca.

Negli anni ’90, era diventato obsoleto, ma è stato coraggiosamente ripreso dal guru della vendita al dettaglio italiano Vittorio Radis, ex presidente di Habitat. Radice ha rinnovato gli interni, ha introdotto marchi più alla moda e ha iniziato a organizzare eventi per attirare più acquirenti. Inizia anche l’espansione di Selfridges fuori Londra.

Selfridges, che era quotata alla Borsa di Londra, fu acquistata da Westons poco dopo che Rades se ne andò per un periodo senza successo alla Marks and Spencer.

READ  TV Tonight: la madre di Amy Winehouse ricorda la vita di sua figlia | TV e radio

La famiglia ha continuato a mantenere Selfridges in prima linea nella vendita al dettaglio, investendo milioni di sterline nei negozi, organizzando grandi eventi e sviluppando ristoranti di fascia alta, un cinema e persino una pista di pattinaggio nella sua filiale londinese per attirare visitatori. La strategia ha incrementato le vendite: nell’anno fino a febbraio 2020, sono aumentate del 7% a 1,97 miliardi di sterline, anche se i profitti sono scesi del 10% a 88 milioni di sterline.

Gli osservatori del settore si sono chiesti perché la famiglia avrebbe portato i supermercati sul mercato durante la pandemia, quando le vendite e i profitti sarebbero stati colpiti da un calo di turisti e viaggiatori diretti ai negozi del centro.

“Tutti i grandi negozi hanno un problema con Internet. L’unica cosa su cui competono davvero è il prezzo. Selfridges è uno dei migliori, ma non lo comprerei”, ha detto un investitore.

Gli addetti ai lavori al dettaglio hanno affermato che il figlio di Weston, Galen, a capo della holding di famiglia Wittington Investments Ltd del Canada, e la figlia Alannah, che guida il gruppo Selfridges, non avevano “la convinzione di continuare” a gestire la divisione europea dei negozi dopo 18 mesi difficili. .

Sebbene Selfridges sia vista come un’azienda di successo che si è trasformata in una destinazione per visitatori provenienti da tutto il mondo, è improbabile che si sia dimostrata immune alle mutevoli abitudini degli acquirenti. Ciò ha portato alla scomparsa delle catene di fascia media Debenhams e Beales e alla chiusura di molti punti vendita John Lewis e House of Fraser.

Anche la sua casa in Oxford Street ha subito un calo dei visitatori, con molti negozi vuoti lungo di essa, comprese le ex filiali principali di Debenhams e Topshop. Marks & Spencer e John Lewis hanno pianificato di convertire una parte dei loro negozi di strada in spazi per uffici.

READ  La Compagnie parte alla scoperta del mondo per le vendite commerciali negli USA e in Italia

Si ritiene che le parti che potrebbero essere interessate a Selfridges includano Central Retail Group in Thailandia, che possiede già i supermercati La Rinascente in Italia, Illum in Danimarca e KaDeWe a Berlino, tramite una divisione gestita dall’ex capo di Selfridges Radice.

Altri potenziali acquirenti potrebbero includere HBC, proprietario di Saks Fifth Avenue negli Stati Uniti, e The Lane Crawford Joyce Group a Hong Kong, dove l’attuale presidente di Selfridges, Andrew Keith, ha lavorato in precedenza. Le società cinesi sostenute dallo stato e un fondo sovrano del Medio Oriente come la Qatar Investment Authority, che già possiede Harrods, sono stati descritti come potenziali acquirenti.

Si ritiene che i negozi europei di Westons includano circa 2 miliardi di sterline di importanti attività immobiliari, inclusa la proprietà del flagship store di Oxford Street quotato in borsa.

Galen e Alana Weston sono cugini di George Weston, presidente di Associated British Foods, che possiede Primark, Twinings Tea e Kingsmeal Bread.

Tuttavia, la proprietà Selfridges è separata dal braccio britannico della famiglia, discendente dal fratello Galen Garfield Weston, che possiede una grossa partecipazione in ABF, nonché il negozio di alimentari di lusso Fortnum & Mason e il negozio di mobili di Heal.

Si spera che l’affare per Selfridges venga concluso entro la fine dell’anno, anche se resta inteso che la famiglia potrebbe decidere di non vendere.