Luglio 2, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Selfridges vende un altro capitolo nella storia delle montagne russe del marchio di lusso | Settore vendite

I nuovi proprietari di Selfridges controllano un marchio premium in un accordo che unirà il grande magazzino con il suo ex capo.

La famiglia Weston, proprietaria di Selfridges dal 2003, ha venduto i suoi principali negozi europei a un gruppo tailandese, Central Retail Group, e a una società immobiliare austriaca, Signa Holding, che ha già grandi magazzini in Italia, Germania e Danimarca attraverso una divisione. È gestito dall’ex presidente di Selfridges Vittorio Rades.

L’accordo è l’ultima puntata nella storia delle montagne russe per il marchio fondato dalla leggenda del retail.

Dopo oltre 20 anni di ascesa nei ranghi dei grandi magazzini Marshall Field di Chicago, nel 1906 l’uomo d’affari americano Harry Gordon Selfridge arrivò nel Regno Unito con un’intenzione: creare un grande magazzino.

Secondo alcuni, è stato tentato da Samuel J. Waring, Jr. di Liverpool, che aveva costruito una catena di negozi di mobili a Londra e voleva che qualcuno gestisse un negozio adiacente al suo nuovo negozio, Waring e Jello in Oxford Street, secondo alcuni ,

Inizialmente doveva essere chiamato Selfridge-Waring Store, ma Selfridge prese il sopravvento quando il suo partner si imbatté in difficoltà finanziarie e aprì il nuovo negozio nel marzo 1909 solo con il suo nome.

Fin dall’inizio, Selfridge ha abbracciato il teatro al dettaglio ed era fermamente convinto che il suo negozio sarebbe stato “un centro civico, dove gli amici possono incontrarsi e acquistare è solo una considerazione secondaria”. Il giorno dell’inaugurazione, che ha attirato folle enormi, il negozio ha entusiasmato gli acquirenti con musica dal vivo, abbondanti spettacoli floreali e un’abbondante illuminazione nelle sue sale ariose.

L’apertura del negozio Selfridges in Oxford Street nel 1909 suscitò molta eccitazione. Foto: collezionista di stampe/immagini Getty

Il negozio vendeva un’ampia gamma di prodotti, ma per rispetto del suo primo socio in affari, non era il cibo o l’arredamento. Ospitava una biblioteca, un bagno per donne, una pinacoteca e un ristorante collegato a un giardino sul tetto.

Selfridges ha stabilito un nuovo standard per i supermercati nel Regno Unito, abbandonando la tradizione di alloggiare il personale sopra il negozio e optando per grandi finestre moderne che assomigliano più alla pubblicità rispetto alla pratica di accatastare il maggior numero possibile di merci.

Quando il negozio ha acquisito una delle targhe blu dall’English Heritage nel 2003, l’ente di beneficenza ha dichiarato: “È in gran parte grazie a Selfridge se Oxford Street rimane il cuore commerciale del West End”.

Harry Gordon Selfridge
Ritratto di Harry Gordon Selfridge, l’uomo d’affari americano che ha fondato il negozio, intorno al 1910. Foto: Holton Archive/Getty Images

Il negozio era originariamente molto più piccolo di quello che è oggi, ma gradualmente si è esteso indietro e ad ovest lungo Oxford Street negli anni ’20, occupando quasi due isolati. Un tempo aveva 100 reparti, tra cui un poligono di tiro e una pista di pattinaggio, e oggi ospita un cinema.

Dalla fine degli anni ’20, Selfridges si è espanso in tutto il Regno Unito, ma questi negozi regionali sono stati venduti a John Lewis negli anni ’40 e il fondatore è stato rimosso dal consiglio di amministrazione. L’auto principale è stata acquistata in Oxford Street dai proprietari del gruppo di negozi Lewis a Liverpool.

Nel 1965 Selfridges è stata acquisita dal Gruppo Sears, che possiede una catena di marchi di scarpe come Dolcis e Saxone. È stato utilizzato come trampolino di lancio per la serie Miss Selfridge e ha aperto una sala da pranzo e un hotel, ma è diventato gradualmente impopolare e impopolare.

Il grande magazzino è stato separato da Sears nel 1998, due anni dopo che Radice, un esperto di vendita al dettaglio italiano ed ex capo di Habitat, è stato nominato amministratore delegato. Radice ha condotto un’audace ristrutturazione del negozio da 100 milioni di sterline come “casa dei marchi”, rendendolo ancora più lussuoso. Proprio come Gordon Selfridge, ha sostenuto la pubblicità con eventi elaborati e ha lanciato una riestensione del marchio al di fuori di Londra.

Nel 2003, il miliardario canadese Galen Weston ha acquistato Selfridges, allora quotata alla Borsa di Londra, per oltre 600 milioni di sterline, dopo l’uscita di Radice nel 2002 per un periodo fallito alla guida della divisione mobili di Marks & Spencer.

I Weston, una delle famiglie più ricche del Canada, hanno confermato per la prima volta nel giugno di quest’anno che potrebbero considerare di vendere i loro negozi europei dopo essere stati avvicinati da un misterioso acquirente.

Vetrina natalizia
Un acquirente ammira una delle vetrine esposte da Selfridges in Oxford Street, Londra, questo mese. Fotografia: James Manning/Penn

L’accordo include quattro negozi British Selfridges – a Londra e Birmingham e due a Manchester – oltre a Brown Thomas e Arnots in Irlanda e De Bijenkorf nei Paesi Bassi. Copre anche circa 2 miliardi di sterline delle principali attività immobiliari della catena, inclusa la proprietà del suo flagship store registrato in Oxford Street a Londra, ma non i negozi Holt Renfrew della famiglia in Canada.

Iscriviti alla mail quotidiana di Business Today o segui Guardian Business su Twitter su BusinessDesk

Non è chiaro perché Westons abbia deciso di vendere durante la pandemia. Tuttavia, l’asta è iniziata poco dopo la morte di Jalen Weston, 80 anni, il capofamiglia. Central Retail Group e Signa Holding stanno assumendo la proprietà proprio mentre è probabile che l’attività richieda un afflusso di nuovi soldi.

Nell’anno fino a febbraio 2020, le vendite di Selfridges sono aumentate del 7% a 1,97 miliardi di sterline, ma i profitti sono scesi del 10% a 88 milioni di sterline. Da allora, i grandi magazzini, soprattutto a Londra, hanno subito un calo dei viaggi internazionali, mentre i loro grandi e costosi edifici continuano ad attirare tasse di proprietà elevate e sono stati costretti a chiudere per lunghi periodi durante la chiusura delle strade.

READ  Aida si prepara a stupire quando l'alta tecnologia incontra l'antico Egitto