Giugno 17, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Sei Nazioni femminile 2023: è improbabile che l’Inghilterra infortunata vacilli contro l’Italia

Sei Nazioni femminile 2023: è improbabile che l’Inghilterra infortunata vacilli contro l’Italia

fonte dell’immagine, Immagini Getty

didascalia foto,

L’Inghilterra ha battuto l’Italia 74-0 nel Sei Nazioni femminile nel 2022

Campionato Sei Nazioni Femminile: Inghilterra v Italia

posto: Giardini Franklin, Northampton data: domenica 2 aprile Di partenza: 15:00 GMT

copertura: guarda in diretta su BBC Two; Segui il commento di testo in diretta sul sito web e sull’app della BBC Sport.

All’Inghilterra mancano 19 giocatrici nel Sei Nazioni femminile, la maggior parte delle quali per infortunio. Otto di questi erano nella squadra che ha perso di poco la finale della Coppa del Mondo a novembre.

Tuttavia, i Red Roses sono fortemente favoriti per battere l’Italia domenica. Anche Simon Middleton, l’allenatore dell’Inghilterra, si è detto “imbarazzato di essere ricco”.

La sua squadra è come un cattivo robot del cinema: i successi continuano ad arrivare ma a malapena si bloccano.

Tre piloni scoperti sono stati coinvolti mentre l’Inghilterra ha superato il girone della Scozia vincendo 58-7 nel turno di apertura.

Middleton afferma che la sua collezione di giocatori è una testimonianza dell’investimento che la Rugby Football Union (RFU) ha fatto nel gioco femminile.

L’Inghilterra è professionistica dal 2019 e ha iniziato la Premier League nazionale nel 2017 con l’obiettivo di fornire ai club una competizione settimanale di alto livello.

“Siamo passati da un team di alta qualità di oltre 30 anni a un team di alta qualità di oltre 50 anni, e lo vedi solo diventare più grande e migliore”, afferma Middleton.

“Abbiamo dovuto lavorare molto duramente per farlo. È il prodotto di un buon programma e di un buon processo”.

L’Inghilterra brilla davanti agli altri

Il centro Tatiana Hurd ha sostituito l’infortunata Amber Reid contro la Scozia per formare una partnership di successo a centrocampo con Laje Tuema.

I due inizieranno ora insieme contro l’Italia, con due potenti centrali che promettono buona palla ai tre entusiasmanti terzini dell’Inghilterra.

Middleton spera che Cleall e gli altri giocatori chiave tornino per il compito più duro del Galles nel Round 3 il 15 aprile.

Il centro Reed spera di tornare per allora, così come l’esterno Alex Matthews, il terzino Eli Keldon e i terzini Hannah Potterman e Maud Muir.

Parte della facilità dell’Inghilterra con gli infortuni è, ovviamente, dovuta alla mancanza di competizione nel Sei Nazioni femminile.

Sebbene abbiano fallito nella finale della Coppa del Mondo lo scorso anno, il loro dominio sul Campionato Europeo è completo dal 2019.

Le Red Roses hanno la serie di vittorie più lunga nella storia del Sei Nazioni femminile, avendo vinto le ultime 20 partite.

Al contrario, il record dell’Italia in questa partita porta poca gioia. Le Azzurre non hanno mai battuto l’Inghilterra e non segnano una meta contro di loro dal 2018.

Mentre l’Inghilterra è avanti di anni nel proprio programma professionistico, tutte le altre squadre del torneo, ad eccezione della Francia, hanno distribuito contratti retribuiti ai propri giocatori solo negli ultimi due anni.

spiegare il video,

Sei Nazioni femminile: i momenti migliori del primo turno

L’Inghilterra “sicuramente non è contenta” dei calci di rinvio

Se c’è una piccola crepa nella macchina inglese, è il loro tiro in porta.

Tutte le prime quattro scelte dei Red Roses sono rimaste infortunate con Emily Scarrat, Zoe Harrison e Helena Rowland fuori per il torneo e Reid assente dalla partita con l’Italia.

L’Inghilterra ha segnato 10 mete lo scorso fine settimana e, dopo che Reid ha lasciato il campo e Twima ha assunto l’incarico di calciare, quattro di quelli che hanno segnato sono stati convertiti.

Domenica, il mediano d’apertura Holly Aitchison si occuperà dei calci.

La squadra “sicuramente non è contenta dei calci dal fondo”, dice Middleton, aggiungendo che gran parte della colpa risiede nella mancanza di supporto tecnico per le giocatrici in quella zona.

Ora, l’Inghilterra ha portato l’ex mediano d’apertura del Bath Alex Davies come allenatore dei calci.

“Le ragazze si stanno allenando duramente e hanno bisogno di più supporto da parte nostra – ed è quello che abbiamo portato”, ha spiegato Middleton.

“Dipende da noi, non dai giocatori”.

“Iniziamo il gioco degli scacchi.”

Forse è troppo presto per sfidare l’Inghilterra, ma l’Italia è una squadra in crescita.

Ha raggiunto i quarti di finale della Coppa del Mondo lo scorso anno e ha sfidato la Francia per gran parte della sconfitta per 22-12 dello scorso fine settimana.

L’ex centrocampista italiano Giovanni Ranieri, alla sua prima partita da allenatore nel Sei Nazioni femminile, ha apportato quattro cambi a questa squadra.

Sofia Stephan si sposta da mediano di mischia all’ala per sostituire l’infortunata Alyssa D’Enca, mentre Sara Baratten, il pilone Jaya Maris e la sicura Sara Tonessi sono tutte promosse dalla panchina al numero 15.

Marley Packer – che assume la carica di capitano dell’Inghilterra dopo che Sarah Hunter si è ritirata lo scorso fine settimana – ha dichiarato a BBC Sport: “Non puoi uscire con l’Italia.

“Puoi fare la tua analisi e poi presentarti nel corso della giornata e giocare con un piano di gioco completamente diverso”.

Middleton ha descritto l’Italia come una “squadra molto attiva”, aggiungendo: “Nella parte centrale della partita siamo riusciti a battere la Scozia e penso che saremo in grado di farlo contro l’Italia.

“Avevano minacce in tutto il campo e la loro imprevedibilità.

“Hanno dato un’occhiata al nostro gioco e hanno cercato di trovare aree dove potessero raggiungere. Abbiamo cercato di aggiustarlo. Che la partita di scacchi inizi domenica”.

allineare

Inghilterra: Dow-Breach, Toyma, Heard, MacDonald; Aitchison, L. Packer; Carson, Coquin, Burn, O’Donnell, Burns, Capia, Packer (Capt), Aldcroft.

Alternative: Davies, Crick, Clifford, Beckett, Robinson, Waras, McKenna, Singh.

Italia: Ostuni-Minuzzi-Muzzo, Celari, Rigoni, Stefan; Madia, Baratin; Maris, Vecchini, Guy, Tounsi, Duca, Scorpini, Franco, Giordano (capitano).

Alternative: Steka, Kasagi, C, Federighi, Locatelli, Stefanin, Busato, Kapumagi.