Luglio 24, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Segreti di sopravvivenza e misteriosa estinzione sull’isola di Wrangel

Segreti di sopravvivenza e misteriosa estinzione sull’isola di Wrangel

Provenienti da una popolazione molto piccola, i mammut lanosi dell’isola di Wrangel sono riusciti a sopravvivere per 6.000 anni nonostante gli ostacoli genetici. La sua improvvisa estinzione rimane un mistero e fornisce lezioni per gli sforzi di conservazione contemporanei. Diritto d’autore: Beth Zaikin

L’analisi genetica degli ultimi mammut lanosi dell’isola di Wrangel ha rivelato una popolazione che è riuscita a sopravvivere per 6.000 anni nonostante l’intensa consanguineità e la bassa diversità genetica.

Inizialmente questo gruppo era composto da soli otto individui, poi si è espanso fino a 200-300 membri. Sebbene i problemi genetici non abbiano causato direttamente la loro estinzione, non è ancora chiaro cosa abbia portato alla fine alla loro estinzione. Lo studio fornisce informazioni su come tali raccolte possano informare le attuali strategie di conservazione per le specie minacciate. Classificare Oggi.

Diecimila anni fa, l’ultimo gruppo di mammut lanosi rimase isolato sull’isola di Wrangel, al largo della costa della Siberia, a causa dell’innalzamento del livello del mare che separò l’isola montuosa dalla terraferma. Una nuova ricerca genomica suggerisce che questo gruppo isolato, che visse sull’isola per i successivi 6.000 anni, iniziò con non più di otto individui e si espanse fino a raggiungere un numero compreso tra 200 e 300 individui entro 20 generazioni. Pubblicato sulla rivista cellula Il 27 giugno, lo studio ha dimostrato che i mammut dell’isola di Wrangel mostravano segni di consanguineità e una bassa diversità genetica, ma questi fattori da soli non spiegano la loro eventuale misteriosa estinzione.

Canino siberiano continentale

Canino siberiano continentale. Copyright: Amore Dalin

Rivalutare le teorie dell’estinzione

“Ora possiamo respingere l’idea che la popolazione fosse molto piccola e che fosse destinata all’estinzione per ragioni genetiche”, afferma l’autore principale dello studio Löv Dahlen, un genetista evoluzionista del Centro di Paleogenetica, un progetto congiunto tra il Museo Svedese di Storia Naturale e dell’Università di Stoccolma. “Forse è stato solo un evento casuale a ucciderli, e se quell’evento casuale non fosse accaduto, oggi avremmo ancora i mammut.”

Adoro Dalin

Adoro Dalin. Diritto d’autore: Ian Watts

Approfondimenti sugli attuali sforzi di conservazione

Oltre a far luce sulle dinamiche della popolazione dei mammut lanosi, questa analisi del mammut dell’isola di Wrangel può aiutare a definire le strategie di conservazione per gli animali oggi in via di estinzione.

READ  Ascolta le spaventose emissioni radio della sonda spaziale Juno della NASA registrate da Giove e dalla sua luna Io

“I mammut sono un eccellente sistema per comprendere l’attuale crisi della biodiversità e cosa succede da un punto di vista genetico quando una specie attraversa un collo di bottiglia nella popolazione perché riflettono il destino di gran parte della popolazione odierna”, afferma Marianne DeHaske, prima autrice del Center for Paleogenetica.

Laboratorio del DNA antico di Marian DeHasek

Marian DeHasek lavora nell’antico laboratorio del DNA. Credito immagine: amo Dalin

Sfide genetiche ed eredità durature

Per comprendere le conseguenze genomiche del collo di bottiglia dell’isola di Wrangel sulle popolazioni di mammut, il team ha analizzato i genomi di 21 mammut lanosi: 14 dell’isola di Wrangel e 7 di popolazioni di mammut che vivevano prima del collo di bottiglia. Nel complesso, i campioni coprono gli ultimi 50.000 anni di esistenza del mammut lanoso, fornendo una finestra su come la diversità genetica dei mammut è cambiata nel tempo.

Rispetto ai loro antenati della terraferma, i genomi dei mammut dell’isola di Wrangel mostravano segni di consanguineità e una bassa diversità genetica. Oltre alla diminuzione della diversità genetica complessiva, hanno mostrato una diminuzione della diversità nel complesso maggiore di istocompatibilità, un gruppo di geni noti per il loro ruolo critico nella risposta immunitaria dei vertebrati.

Isola di Wrangel Tusk

Nab Wrangel Island. Copyright: Amore Dalin

Influenze genetiche a lungo termine e ricerca futura

I ricercatori hanno dimostrato che la diversità genetica della popolazione ha continuato a diminuire durante i 6.000 anni in cui i mammut hanno abitato l’isola di Wrangel, anche se a un ritmo molto lento, suggerendo che la dimensione della popolazione è rimasta stabile fino alla fine. Sebbene la popolazione mastodontica dell’isola abbia gradualmente accumulato mutazioni più o meno dannose nel corso dei suoi seimila anni di esistenza, i ricercatori hanno dimostrato che la popolazione stava lentamente perdendo le mutazioni più dannose.

READ  La positività al test California Covid si avvicina al record e continua a salire - scadenza

“Se un individuo ha una mutazione molto deleteria, fondamentalmente non è vitale, quindi quelle mutazioni scompaiono gradualmente dalla popolazione nel tempo, ma d’altra parte, vediamo che i mammut accumulavano mutazioni abbastanza deleterie fino a quasi estinguersi”, dice. . “È importante che gli attuali programmi di conservazione tengano presente che non è sufficiente riportare le popolazioni a dimensioni decenti; è anche necessario monitorarle attivamente e geneticamente perché questi effetti genomici possono durare per più di 6.000 anni.”

L’ultimo mistero dietro l’estinzione del mammut lanoso

Sebbene i genomi dei mammut analizzati in questo studio coprano un ampio arco di tempo, non includono gli ultimi 300 anni di esistenza di questa specie. Tuttavia, i ricercatori hanno scoperto fossili del periodo finale della vita del mammut e progettano di sequenziarne il genoma in futuro.

“Quello che è successo alla fine è ancora un po’ un mistero: non sappiamo perché si sono estinti dopo essere stati più o meno bene per 6.000 anni, ma pensiamo che sia successo all’improvviso”, dice Dallin speranza di scoprire perché si sono estinti, ma non ci sono “promesse”.

Riferimento: “Dinamica temporale dell’erosione del genoma dei mammut lanosi prima dell’estinzione” 27 giugno 2024, cellula.
DOI: 10.1016/j.cell.2024.05.033