Maggio 19, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Sebastian Negri, assistente dell’Italia, ricorda un periodo in cui dovette fuggire dagli aiutanti di Robert Mugabe in Zimbabwe.

Sebastian Negri ricorda ancora la vista dal finestrino posteriore dell’auto di suo padre. Buio. La fattoria di famiglia fugge dalle mani di Robert Mugabe e scompare alla vista.

“Quando avevo otto anni, lo Zimbabwe stava attraversando un periodo difficile e gli agricoltori furono sfrattati con la forza”, dice. Ricordo che un giorno giocavo in giardino e mi godevo la vita in fattoria con i miei fratelli, e tutto questo casino inizia la sera.

‘Vengono alla nostra fattoria, dice papà, ‘Bambini, dobbiamo andare per un po’.’ Vado in camera mia, prendo la mazza da cricket e la palla da rugby, prendo alcuni giocattoli e non vedo l’ora di tornare a casa tra qualche giorno.

Sebastian Negri d’Italia ricorda il tempo in cui Robert Mugabe fuggì dallo Zimbabwe per la propria protezione.

Negri ha perso 37-10 contro la Francia in sei paesi lo scorso fine settimana.

Negri ha perso 37-10 contro la Francia in sei paesi lo scorso fine settimana.

«Ricordo di essere salito sul sedile posteriore della macchina. Papà dice: “Stai zitto” e poi spegne tutte le luci della macchina e scappiamo da casa nostra. Ricordo di aver guardato la casa attraverso la finestra, che è stata l’ultima cosa che ho visto. In 12 ore tutto era perso.’

Ogni volta che Negri canta l’inno nazionale italiano, ricorda quella notte in Zimbabwe. Ha ricordato come l’ambasciata italiana sia intervenuta per salvare sua madre dall’ostaggio e come i parenti di Milano l’hanno aiutata quando è arrivata nella capitale Harare.

‘Mamma è tornata a prendere degli oggetti costosi ed è stata tenuta in ostaggio per 12 ore. È stata trattenuta all’interno della casa e le è stato detto che non sarebbe andata da nessuna parte. È stato scioccante. Non riuscivo nemmeno a immaginare com’era. Siamo stati degli ufficiali fortunati e l’ambasciata italiana è stata coinvolta e l’ha cacciata di lì. Fortunatamente nessuno è stato ferito.

Negri ha raccontato il momento in cui sua madre è stata

Negri ha raccontato il momento in cui sua madre è stata “tenuta in ostaggio” e il momento in cui mia zia è stata “picchiata” in Zimbabwe.

“Siamo andati ad Harare per 12 mesi e abbiamo detto: ‘Papà, perché non possiamo andare a casa?’ Crescendo abbiamo avuto spazi aperti, cavalli, pesca, moto. Papà impiegava oltre 1000 persone nella fattoria. È tabacco, mais, meleti. Una mossa massiccia. Perdere tutto è enorme.

«Mio zio e mia zia sono stati picchiati. Molti cittadini dello Zimbabwe hanno attraversato tempi ancora più difficili. Le persone hanno perso la vita. Quando succede qualcosa del genere, ti rendi conto che la famiglia è la cosa più importante. I miei genitori hanno assunto un atteggiamento così positivo e ci hanno messo in risalto in tutto.

“La nostra famiglia in Italia era lì per noi quando ne avevamo bisogno. C’erano molti sudafricani e zimbabwani per noi. Se in seguito hai l’opportunità di rappresentare coloro che ti hanno aiutato lungo il percorso, aggiunge interesse e desiderio per renderli orgogliosi.

Negri è l’ultimo giocatore uscito dalla linea di produzione dello Zimbabwe, seguendo le orme di David Bogak, Dentai Mt Warrior e Dave Evers. La sua famiglia è emigrata in Sud Africa prima che Negri si trasferisse nel Regno Unito nel 2014 per studiare all’Hartbury College. Prima di tornare a Treviso, ha giocato nella stessa squadra universitaria del mediano di mischia inglese Harry Randall.

‘C’è quella lotta all’interno di molti cittadini dello Zimbabwe. Non solo per il rugby, ma per tutti gli sport. Cresci all’aperto e pratichi molti sport a scuola. Sii un discreto Jim XV. Ho giocato con Dave Tenton.

Il mio migliore amico Tom Curran gioca per l’Inghilterra. Siamo cresciuti insieme e abbiamo giocato a cricket. Lo conoscevo dall’età di tre o quattro anni. È venuto anche in Sud Africa e siamo andati al college insieme.

‘Durante l’ultimo blocco, quando la nostra partita contro l’Inghilterra è stata interrotta, sono andato a Londra per il compleanno di Tom e sono rimasto bloccato lì. Sono stato con lui per meno di due mesi. Penso che fosse felice di vedermi le spalle!’

Negri è il giocatore più esperto della classifica italiana con 37 presenze. Non ha mai vinto una partita in sei paesi, ma i suoi genitori gli hanno insegnato ad essere positivo.

Il suo migliore amico Tom Curran, 27 anni, è andato insieme al college in Sud Africa

Il suo migliore amico Tom Curran, 27 anni, è andato insieme al college in Sud Africa

“La nostra grande cosa per il futuro è che vogliamo riguadagnare rispetto e credibilità”, dice. “Tutti guardano l’Italia e dicono” che meritano di essere in sei paesi “. Stiamo ancora mostrando perché meritiamo di esserci.

“È difficile per te giocare contro le squadre migliori, ma dobbiamo costruire una base solida per ottenere rispetto e credibilità. I ragazzi qui sono davvero affamati di successo e vogliono fare le cose per bene.

“È molto facile dire che le cose sono positive, ma dobbiamo continuare a dimostrare che tutte le persone si sbagliano”.

Contro l’Inghilterra oggi, Negri deve inviare ogni goccia di quella lotta dello Zimbabwe.

READ  L'Italia impone il controllo dei costi energetici e il rafforzamento delle forze contrarie all'acquisizione