Dicembre 9, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Scott Morrison usa le recenti dichiarazioni del G20 per difendere la politica climatica prima della Cop26 | politica australiana

Scott Morrison utilizzerà le sue recenti osservazioni al vertice del G-20 a Roma per dichiarare che i finanziamenti per il clima dovrebbero concentrarsi sull’adattamento e sull'”abilitazione”, non solo sulla riduzione delle emissioni.

Il primo ministro australiano si opporrà anche agli sforzi globali coordinati per eliminare gradualmente i combustibili fossili.

Morrison vola a Glasgow domenica sera per gli incontri delle Nazioni Unite che sta conducendo poliziotto 26 Conferenza sul clima due giorni dopo a Roma al vertice del G20. In Scozia, i paesi discuteranno un nuovo obiettivo per la finanza internazionale per il clima dopo il 2025, compreso il ruolo della finanza privata.

Nelle sue recenti osservazioni al G20, Morrison ha difeso le politiche climatiche del suo governo di fronte alle persistenti politiche interne e Monetario Internazionale.

mentre diversi G20 Paesi che hanno spinto l’Australia ad aumentare le ambizioni nel decennio in corso, inclusi gli Stati Uniti e il Regno Unito che ospita Cop26, Morrison dirà ai colleghi “L’Australia ha già ridotto le sue emissioni di oltre il 20% rispetto ai livelli del 2005, che è più della maggior parte dei paesi seduti intorno a questo tavolo”.

Richiederà anche un cambiamento nel modo di pensare ai finanziamenti per il clima. L’attuale Green Climate Fund (GCF) è stato istituito dall’Accordo sul clima delle Nazioni Unite per aiutare i paesi in via di sviluppo ad adattarsi agli effetti del cambiamento climatico e ridurre le loro emissioni di gas serra.

Morrison ha ritirato l’Australia dal fondo nel 2018 Durante un’intervista con il conduttore radiofonico Alan Jones. Successivamente, l’Australia ha finanziato progetti nella regione del Pacifico e, in vista di Glasgow, il governo Morrison ha delineato ulteriori accordi bilaterali per perseguire le tecnologie emergenti e gli sforzi per creare un nuovo quadro nell’Indo-Pacifico per le compensazioni di carbonio.

Nelle sue osservazioni di domenica, Morrison ha riconosciuto che il finanziamento dovrebbe andare alla riduzione delle emissioni, ma anche a progetti che aiutano i paesi ad adattarsi per affrontare gli effetti del riscaldamento globale. Ha detto che i finanziamenti dovrebbero essere concessi anche all’agenzia del mondo in via di sviluppo.

Il primo ministro ha affermato che la risposta alla crisi climatica non è compensare i paesi in via di sviluppo “o tassarli con tariffe doganali, o farli accettare di meno, ma concentrarsi su soluzioni scientifiche, tecnologiche e ingegneristiche che possano trasformare e potenziare le loro economie”. Per raggiungere il successo, come ha fatto il mondo sviluppato”.

Morrison ha affermato che i patti internazionali sul clima dovrebbero accettare la transizione, piuttosto che cercare “l’abolizione” – un riferimento alle mosse di molte economie avanzate per ridurre le emissioni di metano e accelerare l’eliminazione graduale dei combustibili fossili, in linea con ciò che la scienza del clima dice sia necessario per evitare il riscaldamento globale.

Iscriviti per ricevere le notizie più interessanti da Guardian Australia ogni mattina

Ha affermato che l’Australia sta investendo pesantemente nello sviluppo di nuove tecnologie “per raggiungere gli obiettivi che guideranno la nostra offerta di modelli dial-up e porteranno l’economia netta a zero, non solo in Australia, ma in India, Indonesia, Vietnam, Brasile e Sud Africa” .

Morrison ha affermato che l’approccio in via di sviluppo e incentrato sul mondo comporta “rischi di privazione”. Gli accordi internazionali sul clima non si sono mai concentrati esclusivamente sul mondo in via di sviluppo, ma sono invece inquadrati attorno al principio di responsabilità comuni ma differenziate, il che significa che i paesi ricchi fanno di più perché possono. Una soluzione “diretta solo ai paesi sviluppati non risolve il problema del cambiamento climatico”, ha detto Morrison.

“Qualsiasi soluzione che non conferisca potere ai paesi in via di sviluppo e consenta loro di industrializzare e aumentare i loro redditi e tenore di vita in una nuova economia energetica decarbonizzata, come parte della nostra risposta globale al cambiamento climatico, non risolve il problema del cambiamento climatico”, dice Morrison.

Morrison dirà ai suoi colleghi del G20 che gli investimenti australiani in tecnologia si concentrano su stoccaggio, isolamento, processi industriali e adattamento climatico.

Ha detto che ora esistono molte tecnologie, ma ha riconosciuto che alcuni degli approcci favoriti dall’Australia nella sua strategia net-zero non esistevano ancora, “proprio come un vaccino contro il Covid non esisteva due anni fa”.

Mentre gli esperti affermano che la transizione verso la neutralità del carbonio richiede non solo soluzioni tecnologiche per ridurre le emissioni, ma anche obiettivi, politiche e meccanismi chiari che consentano segnali di prezzo che facilitino investimenti efficienti durante la transizione, Morrison dichiarerà a Roma che “la tecnologia al costo e la scala è la risposta.”

“L’Australia intende svolgere un ruolo importante in questo e nelle catene di approvvigionamento necessarie per guidare la nuova economia energetica e vogliamo collaborare con altri che vogliono ottenere lo stesso”, ha affermato Morrison.

Mentre il motto politico del governo per le sue politiche climatiche è “tecnologia non tasse”, il suo approccio preferito per gestire la transizione è finanziato da una significativa spesa finanziata dai contribuenti.

Domenica, il ministro per la riduzione dell’energia e delle emissioni Angus Taylor ha approvato il piano “tecnologia non fiscale” dell’alleanza per emissioni nette pari a zero entro il 2050. Potrebbe costare ai contribuenti molto di più dei 20 miliardi di dollari già assegnati.

READ  Afghanistan: perché l'acquisizione talebana della valle del Panjshir è così importante