Maggio 23, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Scoperta della Bibbia ‘malvagia’ che incoraggia l’adulterio in Nuova Zelanda | Nuova Zelanda

È stato scoperto un vangelo estremamente raro famoso per il suo sfortunato errore che incoraggia la fornicazione Nuova Zelanda.

La Bibbia “malvagia” del 1631, come divenne nota, omette la parola “no” dal settimo comandamento, dicendo ai lettori “fornirete”. Furono stampate mille copie del testo, noto anche come Bibbia della fornicazione o dei peccatori, e l’errore fu scoperto solo un anno dopo.

Dopo aver scoperto l’errore, gli stampatori Robert Parker e Martin Lucas furono convocati dal re Carlo I e portati in tribunale, dove furono avvertiti dell’egregio errore di battitura e della lavorazione sciatta. Sono stati privati ​​della licenza di stampa, multati di £ 300 sulla testa per anni (anche se alla fine revocati) e la maggior parte dei testi è stata distrutta. Solo circa 20 sono rimasti in circolazione.

La Bibbia lo fa Vieni all’asta Di tanto in tanto, la maggior parte si trova in Gran Bretagna o negli Stati Uniti, ma questa è la prima volta che ne viene scoperta una nell’emisfero meridionale, afferma l’Università di Canterbury a Christchurch. L’università è stata informata per la prima volta della sua esistenza nel 2018, ma ha scelto di mantenere segreta la scoperta fino ad ora per consentire a ricercatori e contabili abbastanza tempo per studiare e preservare il libro.

“È un mistero, è affascinante e si è fatto strada dall’altra parte del mondo”, ha detto lunedì Chris Jones, professore associato di studi medievali all’università e membro della Society of Antiquities di Londra.

Un’ex studentessa di Jones gli ha portato la copia nel 2018 dopo che la sua famiglia l’ha acquistata due anni prima dalla vendita di una proprietà deceduta. Il defunto proprietario era il legatore britannico Don Hampshire, che si è trasferito a Christchurch dal Regno Unito nel 2009, ma per quanto ne sapeva Jones, l’Hampshire non ha mai detto a nessuno di possederlo.

L’ex allievo di Jones gli ha detto che pensava che fosse una Bibbia “malvagia”, ma che era “molto miscredente perché questi non sono oggetti comuni”.

Il famoso testamento, come appare nel libro del 1631, fu in seguito chiamato il vangelo dei malvagi o dei peccatori. Foto: Fotografia digitale di New Zealand Micrographic Services, Ltd. © Università di Canterbury

“Non sono cose che entri in un ufficio dopo che ne ho trovata una in un garage a Christchurch. Ma l’ho guardato e ho pensato, Wow, è esattamente quello che pensa il mio ex studente: è una Bibbia malvagia. Ne sono rimasto sbalordito. “

Jones ha detto che esiste una versione in Canada, alcune negli Stati Uniti, alcune nel Regno Unito e in Irlanda e una “versione molto carina” a Dublino.

“Gli australiani affermano di averne uno, ma non lo fanno”, ha riso Jones, aggiungendo che la loro versione non contiene alcuna famigerata omissione di “no”.

“Avere uno che viene da me a Christchurch è fantastico”.

La scoperta del libro suscitò l’interesse di Jones per la storia biblica e i miti sul motivo per cui l’errore è stato commesso, il caso giudiziario che lo circonda e l’industria della stampa in generale all’epoca, su cui intende pubblicare articoli.

Il dibattito infuria su come si è verificato l’errore tipografico, con teorie secondo cui potrebbe essere stato un atto deliberato di sabotaggio industriale da parte di una tipografia concorrente. Ma Jones ha criticato la voce, dicendo che era molto più probabile che le tipografie, operando in un settore spietato, stessero semplicemente tagliando i costi per i copy editor.

La vita della versione neozelandese, di proprietà del Phil and Louise Donnithorne Family Trust, rimane un mistero prima che arrivasse nel paese. Laddove molti Vangeli contengono descrizioni dettagliate di alberi genealogici, date e luoghi e registrazioni di nascite e morti, questa versione ha un nome illeggibile.

La copia era in condizioni relativamente cattive quando è stata riscoperta, con la copertina persa, alcuni danni causati dall’acqua e alcune pagine andate definitivamente sul retro. Ma ha anche alcune caratteristiche uniche: è una delle poche copie ad avere un inchiostro rosso e nero più decorativo ed è una versione molto più completa rispetto alle altre là fuori.

Sarah Asci, conservatrice di libri e carta, ha conservato l’oggetto, gestendo meticolosamente il lavoro, creando una nuova copertina rigida e conservandola per i posteri. Askey ha documentato qualsiasi piccola caratteristica che potrebbe aiutare a fornire indizi su dove si trova il libro – tra alcune delle pagine ha trovato resti di piante, capelli umani e fibre tessili.

“Era una piccola cosa imbarazzante su cui aggirare… e c’era un sacco di risoluzione dei problemi, ma è stato molto soddisfacente”, ha detto Aski.

Il libro è ora completamente digitalizzato e nei prossimi mesi sarà gratuito per il pubblico tramite un sito Web, qualcosa che Jones spera aiuterà a far luce sul nome ambiguo e illeggibile della versione scritta all’interno.

“Spero che qualcuno arrivi e dica ‘Chris Jones, idiota, è davvero ovvio’, e non vedo l’ora”.

READ  Israele spara contro obiettivi libanesi mentre il conflitto si intensifica in Medio Oriente