Dicembre 3, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Scienziati australiani scoprono onde nello spazio | Leader Quotidiano del Nord

Scienziati australiani scoprono onde nello spazio |  Leader Quotidiano del Nord

notizie nazionali

Gli scienziati australiani che hanno testato la teoria della relatività generale di Einstein hanno scoperto un’ondata di onde gravitazionali che si schiantano nell’universo. L’Australian National University afferma che si tratta del maggior numero di onde gravitazionali mai rilevato. Queste onde sono causate da enormi eventi cosmici, a miliardi di anni luce di distanza, che generano enormi increspature nel tempo e nello spazio. Includono coppie di buchi neri, stelle di neutroni che si scontrano tra loro e un buco nero che si fonde insieme. “Queste scoperte rappresentano un aumento di dieci volte del numero di onde gravitazionali rilevate”, ha detto lunedì il fisico Susan Scott. Gli astrofisici dell’ANU fanno parte di un team internazionale che sta sviluppando una nuova tecnologia all’avanguardia per tracciare onde gravitazionali sfuggenti. Il loro lavoro aiuterà l’umanità a fare un enorme balzo in avanti nella sua ricerca per risolvere alcuni degli enigmi più complessi nella vasta distesa dell’universo, incluso il funzionamento dello spaziotempo. Il team ha scoperto 35 eventi tra novembre 2019 e marzo 2020. “Questo è enorme”, ha affermato il professor Scott. “Al contrario, abbiamo fatto tre scoperte nel primo giro di osservazione, che è durato quattro mesi nel 2015-16”. Porta il numero totale di rilevamenti a 90 dopo tre cicli di osservazioni tra il 2015 e il 2020. “Questa è davvero una nuova era per le scoperte di onde gravitazionali”, ha affermato il professor Scott. “Il numero crescente di scoperte sta rivelando molte informazioni sulla vita e la morte delle stelle in tutto l’universo”. I miglioramenti nel modo in cui le onde gravitazionali vengono rilevate negli osservatori negli Stati Uniti e in Europa hanno permesso al team di effettuare le scoperte. “Questa nuova tecnologia ci consente di rilevare più onde gravitazionali che mai”, ha affermato il professor Scott. “Stiamo anche esaminando le due regioni del gap di massa del buco nero e fornendo ulteriori test della teoria della relatività generale di Einstein”. La relatività generale è la comprensione di Albert Einstein di come la gravità influenzi il tessuto dello spaziotempo. Il famoso fisico pubblicò i suoi risultati nel 1915 ed estese la teoria della relatività ristretta che aveva prodotto 10 anni prima. La relatività ristretta sosteneva che spazio e tempo sono strettamente correlati, ma questa teoria non riconosceva l’esistenza della gravità. Einstein ha trascorso il decennio tra le due pubblicazioni determinando che oggetti particolarmente massicci distorcono il tessuto dello spaziotempo, una distorsione che si manifesta sotto forma di gravità, secondo la NASA. Lo studio del team internazionale è stato pubblicato lunedì su arXiv. Australian Associated Press

READ  Amazon Alexa: Tiktoker trova una cartella con migliaia di registrazioni audio di gadget

/images/transform/v1/crop/frm/silverstone-feed-data/91a8a93c-beda-4ebf-abe7-c38f4f84a14f.jpg/r0_74_800_526_w1200_h678_fmax.jpg