Novembre 27, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Scienza e industria in Italia collaborano per abbattere il Corona virus con un laser

Un centro di ricerca scientifica sostenuto dalle Nazioni Unite ha collaborato con un’azienda tecnologica italiana per esplorare se la luce laser può essere utilizzata per uccidere le particelle di coronavirus sospese nell’aria e aiutare a mantenere sicuri gli spazi interni.

Lo sforzo congiunto tra il Centro internazionale per l’ingegneria genetica e le biotecnologie (ICGEB) nella città di Trieste, nel nord Italia, e la vicina Eltech K-Laser, è stato lanciato lo scorso anno quando il COVID-19 ha colpito il paese.

Hanno creato un dispositivo che spinge l’aria attraverso una camera di sterilizzazione che contiene un filtro a raggio laser che schiaccia virus e batteri.

“Pensavo che il laser fosse più di un semplice sciamano medico, ma ho dovuto cambiare idea. Serena Zacchini, leader del gruppo di biologia cardiovascolare presso il Centro internazionale per l’ingegneria e la tecnologia genetica (ICGEB), Serena Zacchini ha dichiarato: “Il dispositivo ha dimostrato di essere in grado di uccidere virus in meno di 50 millisecondi. al secondo”

Ambienti interni sani con un numero di agenti patogeni significativamente ridotto sono essenziali per la salute pubblica nella crisi post-COVID-19, un’infezione respiratoria che ha causato oltre quattro milioni di morti in tutto il mondo in soli 18 mesi.

Zacchini ha avuto rapporti con l’ingegnere italiano Francesco Zanata, fondatore di Eltech K-Laser, un’azienda di laser medici i cui prodotti usano le star dello sport per trattare i muscoli doloranti e le fratture.

Alcuni esperti hanno avvertito dei potenziali rischi derivanti dall’utilizzo di tecnologie luminose per attaccare il virus che causa il COVID-19.

Uno studio pubblicato nel novembre 2020 dal Journal of Photochemistry and Photobiology ha evidenziato preoccupazioni che vanno dai potenziali rischi di cancro al costo di costose fonti di luce.

READ  I ristoranti italiani stanno apparecchiando i tavoli all'aperto prima dell'allentamento delle restrizioni COVID-19

Ma Zacchini e Zanata hanno negato qualsiasi problema di salute, affermando che il laser non entra in contatto con la pelle umana.

“Il nostro dispositivo utilizza la natura contro natura. È sicuro al 100% per le persone e quasi completamente riciclabile”, ha affermato Zenata.

Tuttavia, questa tecnologia non uccide virus e batteri quando cadono dall’aria sulle superfici o sul pavimento. Inoltre, non può prevenire l’infezione diretta quando una persona infetta starnutisce o parla ad alta voce vicino a un’altra persona.

Eltech K-Laser ha ricevuto un brevetto dalle autorità italiane e sta cercando di espanderlo in tutto il mondo.

La versione portatile dell’invenzione è alta 1,8 metri (5,9 piedi) e pesa circa 25 chilogrammi (55 libbre). La società ha affermato che la tecnologia potrebbe essere collocata anche all’interno di unità di condizionamento dell’aria.

Nel frattempo, i primi potenziali clienti si stanno mettendo in fila, inclusa la tedesca EcoCare, un fornitore di servizi di soluzioni di test e vaccinazione.

“L’azienda mira a concedere in licenza la tecnologia ai mercati tedesco e degli Emirati Arabi Uniti”, ha scritto un portavoce di EcoCare in una e-mail.

In un momento di disinformazione e di molte informazioni, Il giornalismo di qualità è più importante che mai.
Iscrivendoti, puoi aiutarci a ottenere la storia giusta.

Iscriviti ora

Galleria fotografica (clicca per ingrandire)