Novembre 28, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Scena artistica: Portland incontra l’Egitto tramite la regina Nefertari | arti

Scena artistica: Portland incontra l'Egitto tramite la regina Nefertari |  arti

Se hai la possibilità di andare al Portland Museum of Art prima del 16 gennaio, puoi scoprire il mondo della regina Nefertari, la grande moglie reale del faraone Ramses II, in una mostra intitolata “L’Egitto della regina Nefertari”.

Tratto dal famoso Museo Egizio di Torino, Italia, la regina Nefertari d’Egitto immerge i visitatori nei magnifici palazzi e tombe dell’antico Egitto, inclusa la camera funeraria della regina Nefertari. La mostra celebra il ruolo delle donne – divinità, regine e gente comune – e offre scorci sulla vita reale e la vita quotidiana degli artigiani attraverso più di 220 opere d’arte.

Una delle regine più famose dell’antico Egitto, la regina Nefertari era la moglie preferita di Ramses II, che la chiamava “Regina per la quale sorge il sole”. Un imponente tempio è stato costruito in suo onore ad Abu Simbel, e la sua tomba nella Valle delle Regine, riscoperta dall’archeologo italiano Ernesto Schiaparelli nel 1904, è famosa per la sua vivace arte. A volte chiamata la “Cappella Sistina d’Egitto”, la tomba di Nefertari è la più opulenta della Valle delle Regine, con scene magistralmente dipinte che mostrano dei e dee alati, animali e insetti e geroglifici che illustrano il complesso processo di passaggio attraverso gli inferi alla vita eterna.

I documenti archeologici mostrano che Nefertari era molto apprezzato e istruito. A differenza di altre donne della sua statura, sapeva leggere e scrivere geroglifici e, usando queste abilità, aiutava il faraone nel suo lavoro diplomatico. Mentre l’antica società egiziana era rigorosamente divisa in classi, le donne erano partecipanti attive in tutte le aree, dai campi e l’aula dei tribunali ai templi e ai palazzi. Il libro egiziano della regina Nefertari esplora il ruolo delle donne nella religione, la vita nella famiglia reale di una donna e i suoi rituali di bellezza e ornamenti. Strumenti musicali, specchi di bronzo, cassapanche, utensili per il trucco, unguenti e gioielli preziosi offrono uno sguardo sulla vita delle donne e sui concetti di bellezza.

READ  Dopo 32 anni, un eremita italiano saluta la sua isola

I visitatori scopriranno anche il villaggio di Deir el-Medina, dove gli artigiani vivevano e lavoravano, creando tombe elaborate e oggetti necessari per l’aldilà. L’Egitto durante il regno della regina Nefertari contiene oggetti per la casa, strumenti come pennelli e bastoni da pittore, asce e scalpelli, incisioni (dipinti in pietra calcarea o ceramica di antichi scribi e artisti egiziani) e statue votive funerarie che forniscono un senso del modo in cui le persone vivevano , ha lavorato e praticato la religione per più di 3000 anni.

“L’arte ha il potere di connetterci e approfondire la nostra comprensione della vita degli altri, attraverso il tempo e lo spazio”, ha affermato Brian Veriso, direttore e capo curatore del Portland Museum of Art. “Siamo lieti di offrire a Portland questo fantastico sguardo sulla vita degli antichi egizi attraverso le meravigliose opere d’arte in questa galleria”.

Visita “Queen Nefertari’s Egypt” fino al 16 gennaio al Portland Museum of Art, 1219 SW Park Ave.

• David Links è il direttore esecutivo della Larson Gallery allo Yakima Valley College. Scrive questa rubrica settimanale per SCENE. Scopri di più attraverso www.larsongallery.org.