Ottobre 24, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Samoa cancella un progetto portuale sostenuto dalla Cina guidato dal nuovo leader Famei Naomi Matafa

L’atteso nuovo primo ministro delle Samoa si è impegnato a cancellare lo sviluppo di un porto da 128 milioni di dollari sostenuto dalla Cina, definendolo sopravvalutato per la piccola isola del Pacifico, che è già fortemente indebitata con la Cina.

Viamy Naomi Matafa, la leader dell’opposizione che diventerà la prima donna primo ministro delle Samoa dopo una crisi politica di settimane, ha detto che intende mantenere buoni rapporti con la Cina, ma ha esigenze più urgenti da affrontare rispetto al progetto portuale.

La proposta di costruzione di un molo a Vaioso Bay è stata una questione controversa a Samoa, che ha avuto un ruolo nelle elezioni di aprile poiché il leader a lungo termine Tuilaipa Sailelli Maligawi ha perso la maggioranza parlamentare.

Il progetto ha anche minacciato di innescare la concorrenza sul lungomare del Pacifico mentre gli Stati Uniti ei loro alleati rispondono alla crescente influenza della Cina nella regione.

Viamy dovrebbe diventare un leader dopo che la Corte Suprema delle Samoa si è pronunciata lunedì contro l’appello contro il risultato elettorale.

“Samoa è un piccolo paese. I nostri porti e aeroporti soddisfano le nostre esigenze”, ha detto Fyame a Reuters per telefono da Apia, la capitale delle Samoa.

Il primo ministro delle Samoa Twilaypa Sailelli ride con il vice premier Hu Chunhua, al banchetto di benvenuto prima del forum.
La Cina ha visto Tuilaiba come uno stretto alleato per due decenni come suo leader.(

Governo delle Samoa

)

“È molto difficile immaginare che avremo bisogno dell’ambito che viene proposto nell’ambito di questo progetto specifico quando ci sono progetti più urgenti a cui il governo deve dare la priorità”.

La sua posizione segna una rottura decisiva con Tuilaiba, su cui la Cina contava come stretto alleato durante i suoi due decenni di governo.

“Il livello del debito del nostro governo nei confronti del governo cinese è stato un problema urgente per gli elettori”, ha detto Viamy, un ex vice primo ministro che si è unito al partito di opposizione FAST lo scorso anno.

Ha aggiunto che il suo governo manterrà buoni rapporti sia con la Cina che con gli Stati Uniti.

Gli Stati Uniti e altri paesi occidentali hanno criticato la Cina per aver concesso prestiti ai paesi poveri per progetti infrastrutturali che rischiano di appesantirli con un debito insostenibile. La Cina respinge le critiche.

La Cina è il più grande creditore singolo delle Samoa, un paese di 200.000 persone che rappresenta circa il 40%, o circa 206 milioni di dollari, del suo debito estero.

Fasi finali

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian ha detto in una conferenza stampa regolare a Pechino che il governo samoano aveva chiesto alla Cina di condurre uno studio di fattibilità per il porto e che qualsiasi assistenza sarebbe arrivata “senza restrizioni politiche”.

Twilaypa ha già affermato che le nazioni del Pacifico si incolpano solo se cadono in un debito insostenibile.

Il molo di Vaiusu è stato descritto in Parlamento come un “progetto finanziato dalla Cina” che creerà posti di lavoro tanto necessari e aumenterà il commercio e il turismo. I progetti dei porti e le modalità di finanziamento non sono stati resi noti.

Il progetto era nelle fasi finali dei negoziati con la Cina, con i lavori che dovrebbero iniziare quando i confini internazionali riapriranno, secondo un rapporto di gennaio del Samoa Observer, citando Tuilaepa.

L’ufficio di Tuilaepa non ha risposto alle domande.

Un governo in fama potrebbe essere formato già venerdì, anche se le sfide legali potrebbero causare ritardi.

Le Samoa, che fanno affidamento sull’agricoltura di sussistenza, insieme al turismo, al pesce e alle esportazioni di prodotti a base di cocco, si sono trasformate in paesi più grandi per finanziare lo sviluppo anche prima che la pandemia di coronavirus interrompa il commercio e sospenda il turismo.

Il porto di Vaiusu si trova vicino al porto principale di Apia a Matautu, che è stato recentemente ampliato con l’aiuto del Giappone.

Tuttavia, gli investimenti della Cina hanno suscitato più interesse e critiche.

Le strutture che potrebbero essere convertite in risorse militari rappresentano una sfida per gli Stati Uniti e i loro alleati regionali, che hanno controllato la loro influenza nel più grande oceano del mondo dal 1945.

Reuters

READ  Il presidente siriano Bashar Al-Assad vince le elezioni con il 95,1 per cento dei voti