Ottobre 22, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

SA ottiene un punteggio scarso nell’indice di trasmissione di potenza del WEF

di Denyo Faco Un’ora prima

Condividi questo articolo:

JOHANNESBURG – Il Sudafrica si è classificato 110 ° su 115 paesi nell’indice di transizione energetica (ETI) del Forum economico mondiale pubblicato questa settimana, riflettendo i lenti progressi verso un sistema energetico sostenibile e conveniente.

La versione 2021 del rapporto, intitolata Promoting Effective Energy Transition, classifica 115 paesi in base alla loro disponibilità per una transizione equa basata su sviluppo economico, crescita, sicurezza energetica e sostenibilità ambientale.

Il termine transizione equa è generalmente definito come il passaggio a un’economia sostenibile dal punto di vista ambientale, contribuendo al contempo agli obiettivi di un lavoro dignitoso per tutti, l’inclusione sociale e l’eliminazione della povertà.

Ha posizionato il Sudafrica in fondo alla classifica, davanti al vicino Venezuela, Libano, Mongolia, Haiti e allo Zimbabwe 115 ° classificato.

Il nuovo obiettivo del Sudafrica per lo zero netto entro il 2050 è supportato da una strategia per ridurre le forniture di energia a carbone da circa il 90% al 46% entro il 2030 e al 30% entro il 2050, aumentando al contempo l’energia eolica, solare e idroelettrica. “Questo non è all’altezza degli obiettivi di Parigi, ma l’ambizione – contro il grave colpo economico provocato dall’aumento dei tassi di Covid-19 – è encomiabile”, afferma il rapporto.

Secondo uno studio dell’Università di Città del Capo nel 2017, le emissioni di gas serra del Sud Africa ammontano all’1,1% delle emissioni globali, mentre la quota del paese sul PIL globale era solo dello 0,6%.

READ  In Italia sale la povertà estrema sullo sfondo della piaga del Corona virus

Le sfide rimangono, afferma il rapporto, nonostante il miglioramento dei punteggi del Sudafrica in termini di sostenibilità ambientale a causa della minore intensità energetica del PIL.

“La quota di carbone nell’elettricità e l’intensità di carbonio nel mix energetico rimane elevata in Sud Africa, evidenziando la necessità di accelerare gli sforzi per decarbonizzare il mix energetico, attraverso misure come l’efficienza energetica, l’espansione delle risorse rinnovabili, l’elettricità, nonché la uso di tecnologie per la cattura del carbonio “, ha affermato il rapporto.

Il settore energetico è attualmente responsabile di quasi l’80% delle emissioni di gas serra del Sud Africa. Nel tentativo di raggiungere le emissioni nette zero entro il 2050, il governo ha introdotto l’Integrated Resources Plan 2019 (IRP2019), il programma energetico per il Sud Africa, che promuove un mix diversificato di energia, che include carbone, energie rinnovabili ed energia nucleare.

Tuttavia, il Paese dipenderà ancora principalmente dal carbone, secondo il piano, che prevede l’abbandono graduale delle vecchie centrali a carbone, con 10.500 megawatt che dovrebbero chiudere entro il 2030.

La Svezia è in testa alla classifica, seguita da Norvegia, Danimarca e Svizzera. Tra le principali economie mondiali, solo gli Stati Uniti e l’Italia sono apparsi nella lista dei primi dieci paesi, mentre la Cina si è classificata al 68 ° posto.

I primi 10 paesi rappresentano solo il 3% circa delle emissioni di anidride carbonica legate all’energia e circa il 2% della popolazione mondiale.

“L’elenco dei dipendenti con le migliori prestazioni di ETI è rimasto sostanzialmente coerente nel corso del decennio. Sebbene il percorso di transizione energetica sia diverso in ogni paese, tutti condividono caratteristiche comuni”.

READ  Il governatore Phil Murphy ha criticato la sua partenza per una villa italiana mentre il New Jersey affronta l'aumento del COVID
[email protected]

Rapporto di affari