Giugno 30, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Russia e Cina hanno rilanciato la democrazia del libero mercato. Ora le loro economie stanno vacillando

In un discorso alla Camera dei Comuni nel 1947, Winston Churchill ha scherzato dicendo che “la democrazia è la peggiore forma di governo, a parte tutto ciò che è stato provato”.

Dato che la democrazia e il capitalismo di solito abbracciano l’anca, questo detto è stato regolarmente adattato per descrivere il modo migliore per gestire un’economia.

Fino all’inizio di questo secolo.

La rivoluzione economica cinese – con la sua combinazione unica di uno stato a partito unico pianificato centralmente su un’economia basata sul mercato – ha trasformato il paese da una società agricola negli anni ’70 in una potenza economica globale. La velocità e l’enormità del suo successo erano senza precedenti.

Il suo vicino, sotto Vladimir Putin, ha deciso di ripristinare la sua posizione economica e militare nel mondo dopo l’umiliazione del crollo dell’impero sovietico. Governò con pugno di ferro, sempre aiutato da un gruppo di ricchi oligarchi a Uber.

Per molti in Occidente, le transizioni erano preoccupanti. E quando il sistema finanziario occidentale ha barcollato sull’orlo di un crollo caotico nel 2008, è stata la Cina a venire in soccorso, rafforzando ulteriormente l’idea che la democrazia del libero mercato avesse alimentato la sua corsa.

Azioni decisive, leader autoritari che accendono il fervore nazionalista, un improvviso aumento del tenore di vita e un’influenza globale: tutto ottenuto senza dettagli e senza bisogno di compromessi. Era una miscela inebriante che virava a destra in molti paesi occidentali.

Ma all’improvviso non è più così.

Il rapporto tra il presidente cinese Xi Jinping e il presidente russo Vladimir Putin è fonte di preoccupazione per l'Occidente.
Sia il signor Putin (a sinistra) che il signor Xi possono essere accusati di aver esagerato le loro decisioni nel 2022.(Reuters: Jason Lee)

Sia la Cina che la Russia stanno annaspando. Le loro economie sono in gravi difficoltà. I loro leader, sia per arroganza che per disperazione, stanno insistendo con insistenza a qualunque costo, e ora sono accusati di essere incredibilmente spropositati.

Nel caso di Xi Jinping, il suo rifiuto di accettare l’inadeguatezza dei vaccini COVID di fabbricazione cinese ha portato l’economia in un catastrofico tracollo che minaccia di minare la sua candidatura per un lungo periodo di leadership.

Per Putin, la follia della sua sconsiderata avventura militare si è ritorta terribilmente contro. Ha unito l’Europa e gli Stati Uniti, invece di dividerli, infliggendo pesanti perdite umane all’Ucraina e al benessere dei normali cittadini russi.

Poiché l’Occidente isola la Russia e si ritira dalla Cina, incoraggiando entrambi ad abbracciare l’altro, i costi a livello globale saranno proibitivi.

Il paradosso della Cina

Il premier cinese Li Keqiang appare su uno schermo mentre si rivolge alla sessione di apertura dell'Assemblea nazionale del popolo.
Il premier Li Keqiang ha affermato che la Cina deve affrontare sfide economiche maggiori quest’anno rispetto a quando l’epidemia è emersa per la prima volta nel 2020.(Reuters: Carlos Garcia Rollins)

Non c’è da stupirsi che i quadri siano confusi. Segnali contrastanti da Pechino sono cresciuti la scorsa settimana, quando il premier Li Keqiang ha lanciato un terribile avvertimento sullo stato dell’economia.

“Gli indicatori economici della Cina sono diminuiti in modo significativo e le difficoltà in alcuni aspetti sono maggiori rispetto a quando abbiamo colpito duramente l’epidemia nel 2020”, avrebbe detto a migliaia di funzionari del governo locale, delle imprese statali e del settore finanziario.

Disse loro che dovevano fare di più per stabilizzare la crescita.

Tuttavia, è un messaggio che contrasta ampiamente con quello di Xi, che ha costantemente esortato la nazione ad aiutare a sradicare il COVID-19 indipendentemente dai costi economici.

Ma i costi stanno aumentando. La produzione industriale si è ridotta per la prima volta in due anni e la disoccupazione è in aumento. Il tasso di disoccupazione è balzato al 6,1% ad aprile, poco meno di un livello record. Peggio ancora, la disoccupazione giovanile nelle aree urbane è salita al 16%.

Dopo quasi tre anni di rivoluzione culturale contro sviluppatori immobiliari e imprenditori tecnologici, Pechino ha improvvisamente iniziato a promuovere. Le affermazioni secondo cui l’alloggio è un rifugio e non un investimento sono state sostituite da misure urgenti per iniziare a investire nel settore immobiliare.

Bandiere cinesi vicino al logo dell'Evergrande Center a Shanghai, Cina, il 24 settembre 2021.
Evergrande è tra i giganti immobiliari in Cina che sono stati colpiti dalle difficoltà finanziarie.(Reuters: Alì Canzone)

Quasi una dozzina di importanti sviluppatori immobiliari, tra cui China Evergrande, sono crollati o sono sull’orlo del collasso. Ha spinto i funzionari ad abbassare i tassi di interesse, ad allentare i regolamenti sulle vendite immobiliari, a fornire incentivi e persino ad aiutare gli acquirenti di case.

Ma il suo impatto è minimo poiché l’economia cinese si sta avviando verso una battuta d’arresto.

Centinaia di milioni di cittadini cinesi sono stati sottoposti a rigidi blocchi a Shanghai, Pechino e altri importanti centri industriali, causando colli di bottiglia nei porti e interrompendo la produzione e i servizi.

Il motivo potrebbe essere nascosto nei due vaccini prodotti localmente e nella loro capacità significativamente ridotta di combattere l’epidemia di Omicron.

A questo si aggiunge la scarsa assunzione di dosi di stimolanti, soprattutto tra gli anziani, in un Paese con una delle popolazioni che invecchiano più velocemente al mondo.

Né Sinovac né Sinopharm considerano i vaccini mRNA e la leadership è riluttante ad approvare vaccini di fabbricazione straniera. Se ciò continua, l’unica risposta sarà un blocco più rigoroso mentre il virus continua a diffondersi.

Senza vaccini stranieri o un massiccio aumento delle vaccinazioni di richiamo, c’è una netta scelta: o il bilancio delle vittime è enorme o l’economia deve affrontare una recessione ancora più grande rispetto a due anni fa.

rubli o niente

Un modello di gasdotto naturale è posizionato sulla moneta cartacea russa e sulla bandiera.
Il rublo si è apprezzato del 16 per cento rispetto al dollaro USA nel 2022.(Reuters: Dadu Rovich)

Il rublo spegne le luci. Dopo un disastroso calo sulla scia delle sanzioni imposte in risposta alla brutale invasione dell’Ucraina da parte di Vladimir Putin, il rublo ha riguadagnato tutte le sue perdite, salendo del 150 per cento al livello più alto dal 2018.

Quest’anno è aumentato del 16% rispetto al dollaro USA, rendendola la seconda valuta con le migliori performance al mondo dopo il real brasiliano.

La macchina della propaganda russa ti farà pensare che questo è un pezzo di genio da parte di Putin. Non.

L’economia russa è alle prese con la più grande recessione degli ultimi decenni e la manipolazione casuale della sua valuta non farà che aggravare il problema.

Di solito, quando un’economia è in difficoltà, la sua valuta si deprezza, fungendo da ammortizzatore naturale, rendendo le esportazioni più competitive e fornendo reddito estero.

Subito dopo l’imposizione delle sanzioni, Mosca ha risposto vietando la vendita di valuta locale e costringendo gli acquirenti di beni russi, in particolare il gas naturale, a pagare in rubli. Mandalo in orbita.

Alza la mano di Vladimir Putin
Putin ha visto la guerra con l’Ucraina andare avanti per più di tre mesi con scarsi successi.(Reuters: Kevin Lamarck)

Potrebbe aver potenziato la psiche di Putin. Ma si è ritorto contro. Le sanzioni hanno bloccato le importazioni e creato carenza di beni di prima necessità come il cibo poiché i prezzi sono aumentati del 20%.

Peggio ancora, dal momento che la maggior parte del gettito fiscale del paese da petrolio e gas è stimato in dollari USA, la forza del rublo ha minato il bilancio del Cremlino. Nel frattempo, l’economia locale è sulla buona strada verso una contrazione del 10%.

Renderà solo la vita più difficile a Putin mentre cerca di finanziare una lunga guerra in Ucraina, un progetto che avrebbe dovuto concludersi nel giro di pochi giorni. Poi ci sono i costi aggiuntivi per la sicurezza derivanti dall’avere nuovi vicini ostili come Svezia e Finlandia ai suoi confini.

Una facile soluzione ad alcuni dei suoi problemi di finanziamento potrebbe essere quella di abbandonare i controlli sui capitali e lasciare che il rublo ricada al suo livello naturale. Questo è altamente improbabile.

L’inflazione e l’incendio

Un'auto poco appariscente che corre sull'autostrada e dietro mostra i prezzi della benzina
I prezzi della benzina stanno aumentando in tutto il mondo con l’inflazione dilagante.(Notizie ABC: Luke Bowden)

L’effetto immediato è stato rapido e intenso. Tutti paghiamo di più per quasi tutto. L’energia è necessaria per tutto, dalla produzione e trasporto alle necessità domestiche quotidiane come cucinare e riscaldamento.

READ  Immagini dell'equipaggio di un sottomarino indonesiano affondato che canta settimane prima del destino della nave