Giugno 30, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Roy Roger festeggia i 70 anni di denim a Pitti Uomo con Bruce Weber – WWD

Roy Roger festeggia i 70 anni di denim a Pitti Uomo con Bruce Weber - WWD

“Ricorderò questa come la mia casa [Uomo] “Per tutta la vita: prima per la preoccupazione di far funzionare tutto, poi per tutti i festeggiamenti”, ha affermato Patricia Biondi, presidente del gruppo Sevenbell, che controlla il marchio italiano di denim Roy Roger.

Il marchio festeggia il suo 70° anniversario durante la fiera dell’abbigliamento maschile, che si apre martedì e durerà fino a giovedì. Per celebrare questo traguardo, oltre a presentare un set celebrativo, la compagnia ospiterà un evento martedì sera a Palazzo Vecchio con uno spettacolo dal vivo di Planet Funk seguito dall’uscita di un cortometraggio diretto dal fotografo e regista Bruce Weber.

La collaborazione con Weber fa parte di una più ampia strategia di riposizionamento e miglioramento dell’immagine che Roy Roger ha avviato negli ultimi anni, quando l’azienda ha sfruttato artisti del calibro di Rankin e Francesco Caruzini per filmare le sue campagne.

Biondi ha sottolineato il ruolo di Webber nel ritrarre “un certo mondo del denim, in particolare il mondo americano” nel corso della sua carriera, indicando ad esempio le vecchie pubblicità di Ralph Lauren. “Quindi, quando abbiamo avuto l’opportunità di lavorare con lui, giusto in tempo per i nostri anni ’70, è stato come chiudere il cerchio”, ha detto.

Il padre di Biondi, Francesco Bacchi, è stato fondato da Roy Roger, titolare della Manifattura 7 Bell, che produceva abiti da lavoro in cotone e gabardine a Campi Bisenzio, vicino a Firenze, al ritorno da un viaggio a New York. Lì, Bacci si è imbattuto in tutti i tipi di denim e ha stretto un accordo con il famoso fornitore di tessuti Cone Mills Corp. Tornato in patria, Bacchi ha lanciato quelli che sono visti come i primi blue jeans realizzati in Italia dal denim americano. Per dimostrare la sua ammirazione per gli Stati Uniti, ha chiamato l’etichetta in onore di un sarto americano che alla fine del XIX secolo utilizzava abiti speciali per i contadini della California.

Foto d’archivio di Manifatture 7 Bell, ora Collezione Sevenbell.
Per gentile concessione di Roy Roger

Bacchi e sua moglie Giuliana sono anche accreditati per essere stati i primi a lanciare una linea di jeans da donna negli anni ’60, espandendo il loro approccio creativo dai capi business all’abbigliamento casual.

Le modifiche e le soluzioni innovative introdotte dai fondatori e dalle prossime due generazioni della famiglia nell’arco di sette decenni saranno evidenziate nella Collezione Anniversary a Pitti Uomo.

La gamma ripercorrerà l’evoluzione del marchio attraverso una replica di cinque pezzi iconici di decenni diversi, ciascuno presente nell’abbigliamento dell’anno in questione, oltre a stili aggiuntivi e una serie di camicie, camicie a scacchi, giacche e accessori per completare il look.

I pezzi chiave includeranno un jeans a cinque tasche con il caratteristico logo del marchio a triangolo e tasche con zip – un brevetto Roy Rogers introdotto negli anni ’50 per consentire agli uomini di riporre in sicurezza i propri oggetti personali mentre sono al lavoro – insieme a jeans a vita alta per le donne, e una giacca di jeans Camicie patchwork lavate.

Replica dei primi blue jeans lanciati da Roy Roger nel 1952.

Replica dei primi blue jeans lanciati da Roy Roger nel 1952.
Per gentile concessione di Roy Roger

Ad ulteriore conferma di questo traguardo, gli organizzatori della fiera hanno deciso di assegnare a questa edizione dell’azienda il Premio Pitti Uomo, in riconoscimento della sua storia e del benefico impatto che ha avuto sul territorio. Biondi è particolarmente orgoglioso di questo traguardo, soprattutto perché i precedenti vincitori sono stati Giorgio Armani, Jean Paul Gaultier, Helmut Lange, Gianfranco Ferre, Brunello Cucinelli e Diesel, solo per citarne alcuni.

“Guardando indietro, ci sono stati molti momenti cruciali, momenti in cui abbiamo dovuto confrontarci con nuove aziende in ascesa e una concorrenza frenetica che ha plasmato cambiamenti drastici. Solo pensando che i jeans fossero l’indumento più democratico, ora ogni azienda del lusso sta realizzando denim inoltre”, ha anche notato l’approccio dirompente di Diesel e Replay quando sono stati lanciati per la prima volta, “Hanno aperto negozi indipendenti e hanno raggiunto direttamente i consumatori mentre lavoravamo con i grossisti. Quindi ci sono stati molti momenti in cui abbiamo dovuto riorganizzarci, ricominciare e andare diversi modi.”

Nel 2021, la società ha annunciato vendite per 20,5 milioni di euro e Biondi ha previsto che i ricavi di fine anno avrebbero raggiunto l’obiettivo di 25 milioni di euro.

Il principale cambio di passo per il marchio si è verificato negli anni ’90, quando il marito di Biondi, Fulvio, ha dato una spinta al marchio con un riposizionamento in negozi migliori e una strategia di marketing strutturata che includeva una maggiore attenzione alla comunicazione – con Biondi che affermava che tutti gli aspetti secondo Biondi erano “inimmaginabile”. Per mio padre.”

Ma Fulvio Biondi crede che “non c’è futuro se non hai una storia vera”, quindi lo storytelling è diventato fondamentale man mano che le collezioni cambiano per esplorare nuovi design, lavaggi e trattamenti per adattarsi alle tendenze e alle esigenze del mercato.

“Mentre i consumatori maschi sono tradizionalmente fedeli – trovano uno stile che funzioni per loro e continuano ad acquistarlo per il resto della loro vita – le donne vogliono opzioni e le nostre collezioni dovevano rispecchiarlo. Avevamo bisogno di alternative nella scaletta”, il presidente disse.

Giubbotto di jeans Roy Roger.

Giubbotto di jeans Roy Roger.
Per gentile concessione di Roy Roger

“Mio marito era anche molto entusiasta di lanciare collezioni per la casa. Avevamo un tavolo e un divano in denim in casa nostra, poiché pensava che dovessimo sempre offrire qualcosa in più, per creare una sorta di stile di vita”, ricorda Biondi, aggiungendo che alla fine un più è stato adottato un approccio cauto Orientamento all’abbigliamento.

Tuttavia, Roy Roger ha esplorato le relazioni con altri marchi, comprese le collaborazioni con Aspesi, Sebago per le scarpe da barca in denim e i mocassini e Vilebrequin per i costumi da bagno, tra gli altri.

Nell’ultimo decennio i figli dei coniugi Nicolò e Guido, rispettivamente amministratore delegato e direttore creativo, hanno potenziato la distribuzione, lanciando negozi indipendenti per il marchio.

“Per noi è stata una vera sfida, perché non abbiamo mai avuto il controllo diretto sulla vendita al dettaglio e abbiamo dovuto elaborare un intero concetto e design”, ricorda Biondi. Roy Roger ora ha negozi a Firenze, Forte dei Marmi, Bologna e Padova, e sta esplorando sedi a Milano per riaprire un’unità lì dopo che un periodo nel centro di Corso Venezia non è stato adatto al cliente target del marchio.

Il marchio è disponibile anche in 900 porte multimarca in Italia e, sebbene l’azienda si concentri principalmente sul mercato interno, Biondi desidera guardare oltre i confini italiani ed espandere il proprio e-commerce.

READ  Gli appassionati di pattinaggio di velocità sono entusiasti del legame con la star del cinema della medaglia d'argento Lollobrigida