Maggio 18, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Roman Abramovich: i beni del proprietario del Chelsea dovrebbero essere confiscati, afferma il deputato laburista del governo | notizie di calcio

Un vice governo ha affermato che il proprietario del club del Chelsea e il miliardario russo-israeliano Roman Abramovich dovrebbe confiscare i suoi beni.

Parlando alla Camera dei Comuni, il deputato laburista Chris Bryant ha affermato di aver trapelato un documento del Ministero dell’Interno che suggerisce che Abramovich non dovrebbe essere autorizzato a stare nel Regno Unito.

Bryant ha detto di aver mostrato all’epoca che Abramovich era di interesse del governo “a causa dei suoi legami con lo stato russo e della sua aperta associazione con attività e pratiche corrotte”.

Ha detto che il documento citava procedimenti giudiziari in cui Abramovich ammetteva di aver pagato per l’influenza politica.

“Sono passati quasi tre anni, eppure non è stato fatto molto al riguardo. Sicuramente il signor Abramovich non dovrebbe essere in grado di possedere una squadra di calcio in questo paese?

“Sicuramente dovremmo prendere in considerazione la confisca di alcuni dei suoi beni, inclusa la sua casa da 152 milioni di sterline?” Bryant ha aggiunto.

Un portavoce di Abramovich ha rifiutato di commentare.

“Non posso commentare individui in questo modo o far trapelare documenti di questo tipo”, ha detto il portavoce del primo ministro.

Nel frattempo, gli Stati Uniti hanno annunciato sanzioni contro USM Ltd, la holding di Alisher Usmanov e il proprietario dell’Everton Farhad Moshiri.

Usmanov è un ex azionista dell’Arsenal e ora la sua società USM ha una partnership per i diritti sul nome con il campo di allenamento dell’Everton. Il livello di interesse di Usmanov per l’Everton è stato ipotizzato da quando il partner Moshiri ha preso il controllo del club.

READ  Libri 2022: cosa leggere dopo

Downing Street ha confermato che saranno puniti altri cinque oligarchi particolarmente vicini al Cremlino, tra cui il più giovane miliardario russo ed ex marito della figlia di Vladimir Putin Kirill Shamalov, il presidente e amministratore delegato di BSB Peter Fradkov, il vicepresidente di VTB Denis Bortnikov, il direttore generale di Yuri Slyusar e CEO di Novikombank Georgieva Elena Aleksandrovna, United Aircraft Corporation.

In totale, Boris Johnson ha affermato che sarebbero state trattate più di 100 aziende e individui, inclusi “tutti i principali produttori che supportano la macchina da guerra di Putin”.

La UEFA si trasferirà alla finale di Champions League da San Pietroburgo

La Federcalcio europea (UEFA) trasferirà la finale di Champions League da San Pietroburgo, in Russia, venerdì a causa dell’escalation della situazione in Ucraina.

La finale doveva svolgersi alla Gazprom Arena da 68.000 posti a San Pietroburgo il 28 maggio, ma venerdì il presidente UEFA Aleksander Ceferin ha convocato una “riunione straordinaria” del Comitato Esecutivo per confermare la decisione di spostare la partita.

Non è chiaro se il consiglio di amministrazione confermerà una nuova sede per la finale.

La Federazione ucraina vuole anche spostare la finale di Supercoppa 2023 da Kazan in Russia e ha chiesto a FIFA e UEFA di bandire le squadre russe dalle loro competizioni.

Il presidente russo Vladimir Putin ha impartito istruzioni per lanciare un attacco all’Ucraina ascoltando esplosioni nella capitale ucraina, Kiev, mentre ci sono state segnalazioni di esplosioni nelle città di Odessa e Kharkiv.

In altri sviluppi:

  • Polonia, Svezia e Repubblica Ceca hanno rilasciato una dichiarazione congiunta affermando che non si sarebbero recati in Russia per le partite degli spareggi della Coppa del Mondo per motivi di sicurezza. La Russia affronterà la Polonia il 24 marzo allo stadio Dinamo Central di Mosca, mentre la vincitrice affronterà la Svezia o la Repubblica Ceca in Russia o Polonia. Sky Sport Notizie Ha contattato la FIFA per commentare se i giochi sarebbero stati spostati.
  • Sky Sport Notizie Ha contattato la Federcalcio scozzese in merito alla partita di qualificazione alla Coppa del Mondo contro l’Ucraina all’Hampden Park il 24 marzo e alle partite della UEFA Nations League di giugno in Scozia e settembre in Ucraina.
  • La Federcalcio irlandese ha dichiarato che sta lavorando con il governo, la UEFA e la Federcalcio ucraina sulla partita della UEFA Nations League a Leopoli il 14 giugno.
  • Il primo ministro Boris Johnson ha annunciato che la compagnia aerea russa Aeroflot non potrà operare nel Regno Unito. Aeroflot è uno dei principali sponsor del Manchester United ed è descritto come il “vettore ufficiale” del club.
  • Il club tedesco Schalke 04, che gioca in seconda divisione, ha annunciato che il logo del main sponsor Gazprom è stato rimosso dalle maglie del club e sostituito con “Schalke 04”.
  • Il campionato ucraino – che riprenderà questo fine settimana dopo la pausa invernale – è stato sospeso dopo che il presidente ha dichiarato la legge marziale nel Paese.
  • cielo in italia Roberto De Zerbe, il manager italiano dello Shakhtar Donetsk, è attualmente bloccato in un hotel di Kiev insieme a otto dipendenti.
  • Nello stesso hotel, i giocatori brasiliani di Shakhtar e Dynamo Kiev e le loro famiglie hanno pubblicato un video sui social chiedendo al governo brasiliano di aiutare a lasciare il Paese.
  • Giovedì ci sono stati segnali di consolidamento nelle partite europee per club. I giocatori di Barcellona e Napoli si uniscono dietro uno striscione con la scritta ‘Stop the war’.
  • L’ex campione del mondo Sebastian Vettel ha detto che non correrà il Gran Premio di Formula 1 di Russia in questa stagione poiché lo sport afferma che sta “osservando da vicino” gli eventi, ma non ha fornito commenti sul fatto che la gara di settembre continuerà..
  • I pugili Wladimir Klitschko e Vitali Klitschko hanno esortato la comunità internazionale a “rimanere unita contro l’aggressione russa” ea non permettere che “accada in Ucraina, in Europa e, infine, nel mondo”. Oleksandr Usyk ha rivelato la sua presenza in Ucraina e ha affermato che “questa guerra deve finire”
  • Alexander Dyukov, presidente della Federcalcio russa, dovrebbe parlare contro la decisione della UEFA di spostare la finale di Champions League in una riunione di venerdì.
READ  Novak Djokovic si libera dalla ruggine con la vittoria al Paris Masters