Maggio 24, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Roma, recensione del film Città Aperte: Un classico senza tempo

Roma, recensione del film Città Aperte: Un classico senza tempo

Catturando l’essenza del Neorealismo italiano, Roberto Rossellini Roma città aperta È uno di quei film che non invecchierà mai.


Roma città aperta (Roma Città Aperta) è stato uno dei primi film che ho visto per me Neorealismo italiano lezione all’università e uno dei primi film che abbia mai visto durante i miei studi. Inutile dire che me ne sono innamorato all’istante. Da allora sono tornato più volte al film di Roberto Rossellini: ogni volta mi ha permesso di notare nuovi dettagli nel film. Narrazione complessa e ricca E le immagini del film.

Ma la migliore rivisitazione del film è stata quest’anno, brillantemente Recupero Per un film così iconico e importante: che privilegio vedere la sua versione restaurata adesso, 5 anni dopo. Questo nuovo restauro coincide anche con il prossimo restauro 80° anniversario Il film fa parte della stagione del Neorealismo italiano al British Film Institute a maggio e giugno.

Il film inizia Roma occupata Nel 1944, le forze tedesche tentano di arrestare Giorgio Manfredi (Marcello Pagliero), uno dei leader del movimento di resistenza contro i nazisti e i fascisti italiani. Piace Roma città aperta Manfredi continua a cercare di fuggire dalla città ed eludere i tedeschi ancora e ancora con l’aiuto di Don Pietro Pellegrini (Aldo Fabrizi), un prete cattolico che aiuta la resistenza, Francesco (Vito Anicchiarico), e un’altra combattente della resistenza, Pina (Anna Magnani). ). E la fidanzata incinta di Francesco e suo figlio Marcello (Vito Anicchiarico), che fa parte di un gruppo di ragazzi che combattono la resistenza. Il film segue questi diversi aspetti Personaggi che si uniscono contro l’occupazione nazista nonostante tutte le loro differenze.

Emesso nel 1945, Roma città aperta Potrebbe non essere il primo film neorealista, ma lo è Il film che ha fatto conoscere il neorealismo italiano a livello internazionale. A quel tempo, il Neorealismo italiano rappresentava una trasformazione culturale e sociale in Italia, che si rifletteva fortemente nel film. Molte delle caratteristiche fondamentali che oggi identifichiamo con il Movimento cinematografico nazionale appaiono oggi nel film e lo rendono un capolavoro. Esteticamente, le riprese in esterni, l’uso di riprese lunghe e l’uso di attori non professionisti per i personaggi secondari si aggiungono all’estetica documentaristica del film. Dal punto di vista tematico, l’attenzione alla gente comune della classe operaia e alle loro condizioni di vita quotidiana di povertà, oppressione e ingiustizia gli consente di rimanere fedele alla realtà storica del tempo.

READ  Eminem ha aperto un ristorante chiamato Mom's Spaghetti, apparendo di persona per servire i clienti
Una donna corre alzando la mano per chiedere aiuto, in mezzo alla strada, con un'auto dietro e gli ufficiali nazisti che puntano i fucili contro le persone alla sua destra, nel film Roma città aperta
Roma città aperta (Il nostro Paese per le industrie alimentari)

Guardala adesso, Roma città aperta Vernici Un ritratto straziante e accurato di come era la vita nel 1944 Sotto l’occupazione nazista della gente comune, ma a quel tempo Rossellini si limitava a fotografare ciò che accadeva intorno a lui. Il film può essere visto come un riflesso della situazione politica in Italia durante la Seconda Guerra Mondiale – con molte forze opposte, in particolare i partiti comunisti e religiosi – che si uniscono per combattere l’occupazione nazista e garantire che ciò non accada mai più nell’Italia del dopoguerra. ma penso che l’obiettivo principale di un film fosse sempre quello di mostrare innanzitutto la verità del suo tempo.

religione Svolge anche un ruolo importante in Roma città aperta. Questo non solo perché Don Pietro è uno degli eroi, ma anche perché i personaggi spesso discutono sulla religione e sulla fede durante la guerra. Visivamente, il cattolicesimo è costantemente presente nel film attraverso i simboli religiosi e la Cupola di San Pietro nello skyline di Roma. C’è anche un’immagine simile a Cristo di Manfredi picchiato alla fine del film, che ricorda la crocifissione di Cristo sia visivamente che tematicamente. Manfredi è disposto a morire per ciò in cui crede e per un futuro migliore che intravediamo alla fine del film.

Se guardiamo all’interpretazione religiosa di Roma città apertaAnche Manfredi morì, immolandosi, per i peccati dell’umanità che lo affliggevano nel suo caso. Stereotipi razzisti e idee fasciste. Anche le ultime parole di don Pietro – “Dio, perdona loro…” – lo suggeriscono fortemente e confermano il sacrificio del sacerdote. Ma le immagini strazianti della morte ingiusta del protagonista vanno oltre, perché parlano del contesto più ampio di un’epoca in cui così tante persone innocenti furono uccise e torturate allo stesso modo semplicemente per essersi opposte al governo totalitario contro cui avevano dato la vita combattendo.

READ  Chloe Chow è diventata la prima donna di colore a vincere un premio DGA

Spesso ho sentito dire che un film di Rossellini ha un finale piuttosto ottimista, rispetto a tanti altri film della stessa epoca e genere. Tuttavia, quando arrivano i titoli di coda, mi ritrovo sempre in lacrime. IL FINE Roma città aperta Non felice – Se lo fosse stato il film non sarebbe stato fedele al suo contesto storico né ai principi del neorealismo italiano, ma è Speranza.

Roma Città Aperta: Trailer (Il nostro Paese per le industrie alimentari)

Alla fine del film, la città appare più silenziosa e vuota dopo la perdita di due eroi della resistenza, ma Rossellini conclude il film con un’inquadratura di bambini piccoli che camminano insieme mentre sullo sfondo si staglia la cupola della Basilica di San Pietro. È la speranza per un futuro migliore per questi bambini a spingere avanti il ​​film. E alla fine, tutte le sofferenze e gli orrori a cui abbiamo assistito finora Roma città aperta Questi giovani erano profondamente coinvolti nella mischia politica dell’epoca, ma si sperava che avrebbero ereditato una Roma migliore in cui vivere, nonostante – o forse grazie – ai fantasmi del suo passato.

Rossellini Roma città aperta Non solo è uno dei film più famosi e famosi usciti dal neorealismo italiano, se non il più famoso a livello internazionale, ma è anche un classico senza tempo. Pur essendo profondamente radicato nel contesto storico dell’epoca, il messaggio di Rossellini di unità contro l’ingiustizia, desiderio di pace e speranza per il futuro Rimane incredibilmente attuale e attuale Ancora oggi lo spettro del fascismo sembra vivo e vegeto sia in Italia che all’estero, e innumerevoli guerre e sofferenze sono ancora lontane dall’essere finite in tutto il mondo.

READ  Un intero mondo pronto a costruire la realtà virtuale non ha limiti

Scaricalo su Apple TVScaricalo su Apple TV

Roma città aperta Tornerà nei cinema britannici nel 17 maggio 2024, per festeggiare il suo ottantesimo anniversario. Il film è ora disponibile per la visione in tutto il mondo in formato digitale e on demand.

Inseguendo la realtà: il neorealismo italiano”, che viene presentato in collaborazione con Cinecittà e comprende 20 titoli, e durerà tra maggio e giugno Il nostro Paese per le industrie alimentari.

C’è ancora domani (C’è Ancora Domani) Recensione – Forte e chiaro

Recensione: Nel suo potente debutto C’è Ancora Domani (C’è Ancora Domani), Paola Cortellisi parla a generazioni di donne italiane.

Loud and Clear Reviews ha una partnership di affiliazione con Apple, quindi riceviamo una quota delle entrate derivanti dall’acquisto o dallo streaming di film quando fai clic sul pulsante in questa pagina. Ciò non influirà sull’importo che pagherai per averli e ci aiuta a mantenere il sito gratuito per tutti.