Gennaio 23, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Ritorna la stabilità del mercato nonostante le crescenti tensioni geopolitiche

L’assenza di sviluppi negativi su Omicron durante il fine settimana sembra aver contribuito a stabilizzare i mercati oggi dopo i drammatici movimenti della fine della scorsa settimana.

Le azioni dell’Asia Pacifico sono state scambiate pesantemente, e tra i grandi mercati, solo che non sono state danneggiate oggi. L’Europa è stata scambiata al rialzo, guidata da Energia, Finanza e Materiali. I futures statunitensi sono stati misti.

Allo stesso modo, le obbligazioni dell’Asia del Pacifico hanno giocato un piccolo ruolo nel raggiungere i grandi titoli del Tesoro visti prima del fine settimana. Si è avvicinato all’1,30%, ma oggi è aumentato di quasi quattro punti base, raggiungendo quasi l’1,39%. Anche i rendimenti europei sono stati in rialzo, sebbene le obbligazioni italiane abbiano sovraperformato dopo un upgrade del credito prima del fine settimana da parte di Fitch.

Era misto. Ed erano loro i più pesanti, mentre gli scandinavi guidavano l’avanzata. Tra le valute dei mercati emergenti, le valute più liquide e liberamente accessibili erano più alte, mentre erano scambiate più basse. L’indice JPMorgan EM Currency è in calo da quattro settimane e ha iniziato la nuova settimana con lievi guadagni.

Inizialmente si è spostato più in alto ma non è cambiato molto. E rimase fermo. Gennaio è stato scambiato piatto all’interno di un intervallo pre-weekend mentre, che è crollato del 24% negli Stati Uniti la scorsa settimana, ha esteso le vendite pesanti di oggi. Il gas naturale europeo ( ) è scambiato in ribasso dopo essere aumentato nelle ultime cinque settimane.

Asia Pacifico

Come indicato dal premier cinese Li la scorsa settimana, la People’s Bank of China (PBOC) ha tagliato lo 0,5%. Questo ha liberato circa 1,2 trilioni di yuan. Molti partecipanti al mercato si aspettavano che la tempistica aiutasse le banche a rimborsare i prestiti concessi dallo strumento di prestito a medio termine. Le banche dovevano circa 950 miliardi di yuan il 15 dicembre e altri 500 miliardi di yuan il 15 gennaio.

Separatamente, molti sviluppatori immobiliari hanno pagamenti del servizio del debito dovuti e Evergrande (HK 🙂 è alla fine del periodo di grazia oggi. Infine, ci si aspettava che gli Stati Uniti e alcuni altri paesi annunciassero un boicottaggio diplomatico delle Olimpiadi invernali. Questo è stato visto come in gran parte simbolico in quanto pochi diplomatici avrebbero partecipato a causa della grave quarantena imposta dai funzionari cinesi.

La Cina ha bisogno di una leva contrattuale se vuole influenzare la politica statunitense. Potrebbe provenire da una fonte inaspettata. Sebbene i recenti rapporti di stampa si siano concentrati sul tentativo della Cina di proiettare il potere in Africa, ha perso uno sviluppo potenzialmente più incisivo.

Consideriamo i Caraibi, che spesso gli Stati Uniti si comportano come propri. Barbados è diventata una repubblica costituzionale la scorsa settimana, sebbene sia ancora membro del Commonwealth britannico. Il governo di centrosinistra è amico di Pechino. Nell’ambito della Belt Road Initiative, Barbados e Giamaica hanno ricevuto diversi miliardi di dollari dalla Cina. Inoltre, un recente rapporto del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha rilevato che i due paesi hanno votato contro gli Stati Uniti circa il 75% delle volte alle Nazioni Unite lo scorso anno.

READ  Dietro le guerre per la produzione di petrolio

I punti salienti regionali di questa settimana includono la Reserve Bank of Australia (primo risultato domani a Wellington) e la Reserve Bank of India (8 dicembre). Tuttavia, la Reserve Bank of Australia potrebbe rivedere le sue prospettive economiche ed è probabile che continui a spingere contro le aspettative del mercato nella fase iniziale. Il mercato dei derivati ​​sembra aver prezzato il suo primo rally alla fine della prossima estate. L’India dovrebbe rimanere in attesa fino all’inizio del prossimo anno, ma potrebbe sorprendervi.

La Cina dovrebbe rilasciare i dati commerciali domani, novembre e mercoledì. I numeri di prestito possono essere rilasciati prima del fine settimana. I momenti salienti in Giappone includono ottobre e domani, e la finale di mercoledì.

Il range USDJPY del 30 novembre (circa 113,90 JPY – 112,55 JPY) è rimasto dominante. Da allora non è più stato scambiato al di fuori di questo intervallo. Un rally dei rendimenti e delle azioni statunitensi ha aiutato il dollaro a riguadagnare un punto d’appoggio sopra i 113,00 JPY. Il massimo prima della fine della settimana era vicino a 113,60 JPY, che potrebbe essere molto lontano oggi.

È stato scambiato sotto $ 0,7000 prima del fine settimana e di nuovo oggi, ma la pressione di vendita è diminuita e il dollaro australiano è stato scambiato a circa $ 0,7040. L’intervallo di resistenza da $ 0,7040 a $ 0,7060 potrebbe essere sufficiente per coprire oggi.

Il dollaro è rimasto sostanzialmente nello stesso range per le tre sessioni (~ 6.3670 CNY – 6.3770 CNY). Se il dollaro non riesce a tornare sopra 6,38 CNY, verrà creato un nuovo intervallo più basso. La People’s Bank of China (PBOC) ha fissato il tasso di riferimento del dollaro a 6,3702 CNY. Previsioni di mercato (media Bloomberg) 6.3690 CNY.

Europa

Il nuovo governo tedesco dovrebbe entrare in carica entro la metà della settimana. Aveva tre sfide urgenti. Il primo è stato l’aumento della diffusione del coronavirus, ancor prima che venisse scoperta la variante Omicron. In secondo luogo, l’economia era debole. L’ultima lettura del PMI della scorsa settimana ha registrato un certo peggioramento dal rapporto flash e ha guadagnato 0,2 pollici, scendendo di oltre 10,0 punti nei tre mesi precedenti. Terzo, oggi la Germania ha riferito di cose orribili. Il mercato si aspettava un leggero ribasso dopo un aumento dell’1,3% a settembre.

La buona notizia è che la serie di settembre è stata rivista a un guadagno dell’1,8%. Tuttavia, ciò è stato compensato dal forte calo del 6,9% degli ordini di ottobre. Se c’è un lato positivo qui, è che gli ordini interni sono aumentati del 3,4% dopo il calo di agosto e settembre. Gli ordini esteri sono diminuiti del 13,1% e gli ordini dall’area euro sono diminuiti del 3,2% (dopo un calo del 6,6% a settembre). E gli ordini al di fuori della zona euro sono crollati del 18,1%.

READ  HIP Alliance per aiutare a creare opportunità economiche dopo le turbolenze in Sudafrica

Il forte calo degli ordini di fabbrica ha avvertito di rischi al ribasso per il rapporto di domani. La produzione industriale è scesa del 3,5% ad agosto e dell’1,1% a settembre. In vista del rapporto di oggi, gli economisti cercavano un guadagno dell’1%. Anche la Germania riporta dicembre domani. Ancora una volta, si prevede che il sentimento si sia deteriorato. Il terzo problema era la Russia.

I rapporti suggeriscono che gli Stati Uniti hanno convinto l’Europa che la Russia è in grado di invadere l’Ucraina all’inizio del prossimo anno. La valutazione dell’intelligence statunitense ha visto la Russia come la pianificazione di un attacco su più fronti. Putin e Biden avrebbero dovuto parlare domani. Putin, intanto, ha compiuto oggi la sua prima visita all’estero in sei mesi. era in India. L’India ha acquistato circa 5 miliardi di dollari in armi russe, incluso il sistema antiaereo S-400 acquistato dalla Turchia con disappunto di Washington, che lo ha escluso dal programma di caccia F-35.

L’India è un membro del Quartetto (insieme a Stati Uniti, Giappone e Australia) ed è un baluardo contro la Cina. La stampa ha citato un funzionario russo che ha affermato che l’India ha inviato un messaggio forte agli Stati Uniti che non avrebbe tollerato che le venissero imposte sanzioni. A dir poco, le alleanze regionali erano sfocate. Gli Stati Uniti mantengono le relazioni con il Pakistan. L’India ha schermaglie di confine con la Cina. Russia e Cina stanno conducendo esercitazioni militari congiunte.

In vista del fine settimana, Fitch ha aumentato il rating creditizio dell’Italia di una tacca a BBB. Ha citato l’alto tasso di vaccinazione, l’aumento della spesa pubblica e privata e la fiducia nella capacità del governo guidato da Draghi di spendere con saggezza i 200 miliardi di euro dei fondi della Commissione europea. Ricorda, la scorsa settimana è salito a 57,6 per eguagliare un minimo di 2 mesi. Il mercato (media Bloomberg) vede l’economia italiana tra le più forti d’Europa quest’anno, con un’espansione intorno al 6,3%. Il Fondo Monetario Internazionale lo mette al 5,8%.

La gamma è stata limitata a circa un quarto di centesimo su entrambi i lati a $ 1,1300. Era all’interno dell’intervallo pre-weekend (~ $ 1,1265 – $ 1,1335). È stato lanciato in Asia e si è rivelato uno spettacolo migliore nelle mattine europee. Detto questo, è probabile che il tono di rafforzamento continui durante la sessione nordamericana. Una mossa al di sopra della media mobile a 20 giorni (~ $ 1,1335), che non accade da oltre un mese, dovrebbe aiutare a sollevare il tono tecnico.

Ha testato $ 1.3200 prima del fine settimana e ha tenuto. Il tono costante di oggi ha visto testare l’area $ 1,3265. È probabile che rimanga al suo minimo oggi, anche se un movimento al di sopra della regione $ 1,3280- $ 1,3300 sarebbe costruttivo.

READ  Fauci dice che c'è ancora più "dolore e sofferenza"

America

I dati statunitensi di oggi includono le prospettive “finali” per . Questi sono derivati ​​dal PIL e di solito non muovono il mercato. Gli Stati Uniti hanno anche affermato che il rapporto sul commercio anticipato delle merci è stato influenzato dal mese di ottobre e dal miglioramento.

Ottobre arriva alla fine della sessione e si prevede un altro grande picco ($ 25 miliardi dopo quasi $ 30 miliardi a settembre. Il credito al consumo è aumentato in media di $ 20,3 miliardi quest’anno. È sceso l’anno scorso e ha raggiunto una media di $ 15,3 miliardi nei primi nove mesi del 2019 Nessuno dei funzionari della Fed ha parlato questa settimana e il momento clou dell’economia è il rapporto di novembre alla fine della settimana.

Il Canada pubblicherà domani i numeri e l’indagine di ottobre. Il clou della settimana sarà la Banca del Canada mercoledì. Non dovrebbe fare nulla, ma è probabile che i funzionari siano più fiduciosi nella ripresa economica, soprattutto dopo la forte forza in vista del fine settimana. La sfida era che il mercato aveva già tagliato cinque massimi nei successivi 12 mesi.

Il Messico annuncia oggi la produzione e le esportazioni di auto a novembre. Gli highlights economici arrivano nella seconda metà della settimana. Giovedì l’IPC di novembre dovrebbe salire sopra il 7%. Solo nell’ultimo mese, i prezzi al consumo dovrebbero aumentare dell’1%. Venerdì, il Messico avrebbe dovuto registrare un aumento dello 0,9% a ottobre dopo il calo dell’1,4% a settembre.

Il Brasile presenta i suoi rapporti e le sue esportazioni oggi e giovedì di ottobre davanti alla Banca centrale. È stato previsto un aumento di 150 punti base del tasso di interesse negativo, la seconda mossa di questo tipo consecutiva, e porterà il tasso chiave al 9,25%. Prima del fine settimana, l’inflazione dovrebbe essere misurata. Si prevede che si sia avvicinato all’11% (dal 10,67%). Infine, notiamo che giovedì ci si aspettava che il Perù fornisse un altro aumento di 50 punti base, che lo porterebbe al 2,5%.

Il dollaro USA ha avuto una giornata rialzista nei confronti del dollaro canadese prima del fine settimana. L’atteggiamento di avversione al rischio ha messo in ombra gli effetti positivi dei dati positivi sull’occupazione. Non ci sono state successive vendite di dollari canadesi oggi. Fondamentale un calo del dollaro USA in vista del fine settimana vicino a 1,2745 dollari canadesi.

Il range di mercoledì scorso è rimasto intatto contro l’USD (~MXN21.180-MXN21.5150). Finora, è stato limitato alla gamma pre-fine settimana. Il supporto iniziale è visto vicino a MXN21.16. Il cappuccio attorno all’MXN21.50 sembrava solido. Nel frattempo, ha chiuso oggi sopra BRL5,60 per le prossime sei sessioni consecutive.