Giugno 17, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Rischio di infezione da BA.5 tra le persone esposte a precedenti varianti SARS-CoV-2

Rischio di infezione da BA.5 tra le persone esposte a precedenti varianti SARS-CoV-2

All’editore:

Negli ultimi mesi, omicron (B.1.1.529) è diventato la variante dominante del coronavirus 2 (SARS-CoV-2) di sindrome respiratorio acuto severo, mostrando un certo grado di evasione immunitaria.1 Le sottovarianti primarie dell’omicron, BA.1 e BA.2, vengono gradualmente sostituite da BA.5 in molti paesi, probabilmente a causa dell’aumento della trasmissibilità e dell’evasione immunitaria parziale causata da BA.1 e BA.2.2,3 La protezione fornita da BA.1 contro l’infezione dalla sottovariabile BA.5 è fondamentale perché i vaccini adattati negli studi clinici si basano su BA.1.

Il Portogallo è stato uno dei primi paesi colpiti dal dominio BA.5. Abbiamo utilizzato il Registro Nazionale per la Malattia da Coronavirus 2019 (Covid-19) (SINAVE) per calcolare il rischio di infezione da BA.5 tra soggetti con infezione documentata con varianti precedenti, tra cui BA.1 e BA.2. Il registro include tutti i casi segnalati nel paese, indipendentemente dalla presentazione clinica.

Effetto protettivo della precedente infezione da SARS-CoV-2 sull’infezione con la variante Omicron BA.5.

Come mostrato nel pannello (a), abbiamo identificato i periodi (in diversi colori) in cui una singola variante era rappresentata in oltre il 90% degli isolati del campione (dati del coronavirus 2 della sindrome respiratoria acuta grave nazionale). [SARS-CoV-2] controllo della diversità genetica4). I periodi in grigio rappresentano i momenti in cui era in circolazione più di una variabile. Data la transizione relativamente lenta tra il predominio della variante omicron BA.1 e il predominio della variante omicron BA.2, abbiamo unito BA.1 e BA.2 nell’analisi. Non sono stati inclusi soggetti infetti nei 90 giorni precedenti la dominanza del sottofattore BA.5 di omicron. Il pannello B mostra l’efficacia della protezione contro le infezioni durante il periodo di controllo BA.5 (dal 1 giugno 2022) tra soggetti con una singola infezione nei periodi di dominanza delle diverse varianti, come mostrato nel pannello A, rispetto a soggetti senza documentazione infezione dal 1 giugno. Le persone con un’infezione prima del 1 giugno non sono state incluse nello studio. 𝙸 Le barre rappresentano intervalli di confidenza al 95%.

READ  La rabbia è stata confermata nei gatti selvatici trovati a North Conway, nel New Hampshire

La sorveglianza genetica nazionale per SARS-CoV-2 ha identificato periodi in cui varianti diverse rappresentano oltre il 90% degli isolati.4 Abbiamo identificato tutti i soggetti che hanno avuto la prima infezione nei periodi di controllo per ciascuna variabile, per calcolare il loro rischio di infezione durante il periodo di controllo BA.5 (Figura 1a). Abbiamo unito BA.1 e BA.2 a causa della lenta transizione tra le due sottovariabili nella popolazione. Infine, abbiamo calcolato il rischio di BA.5 per una popolazione che non aveva un’infezione documentata prima della dominanza di BA.5 (1 giugno 2022).

Abbiamo scoperto che la precedente infezione da SARS-CoV-2 aveva un effetto protettivo contro l’infezione da BA.5 (Figura 1b e la tabella S1 nell’appendice supplementare, disponibile con il testo completo di questa lettera su NEJM.org), e questa protezione era massima per l’infezione precedente con BA.1 o BA.2. Questi dati devono essere considerati nel contesto dell’infezione da penetranza in una popolazione altamente vaccinata, dato che oltre il 98% della popolazione in studio in Portogallo ha completato la serie di vaccinazioni primarie prima del 2022.

Il disegno dello studio non può eliminare tutti i fattori confondenti (vedere la sezione di discussione nell’Appendice Supplementare). Inoltre, una limitazione è il presunto effetto di una ridotta immunità in una popolazione con immunità eterozigote (precedente infezione e vaccinazione). Abbiamo scoperto che l’infezione da BA.1 o BA.2 nei soggetti vaccinati ha fornito una protezione maggiore contro BA.5 rispetto all’infezione con varianti pre-micron, coerentemente con un recente rapporto di un disegno di test negativo.5 Tuttavia, le infezioni da BA.1 o BA.2 si sono verificate più vicino al periodo di dominanza di BA.5 rispetto alle infezioni con varianti precedenti. Vi è la percezione che la protezione offerta da una precedente infezione da BA.1 o BA.2 sia molto bassa, dato il gran numero di infezioni da BA.5 tra le persone precedentemente infettate dal virus BA.1 o BA.2. I nostri dati suggeriscono che questa percezione è probabilmente il risultato di un gruppo più ampio di soggetti con infezione da BA.1 o BA.2 rispetto all’infezione da altre sottovariabili e non è supportata dai dati.

READ  Il telescopio Webb mette a fuoco le prime galassie e Giove

Nel complesso, abbiamo scoperto che le infezioni penetranti con la variante BA.5 erano meno probabili tra le persone con una precedente storia di SARS-CoV-2 in una popolazione altamente vaccinata, in particolare per precedenti infezioni da BA.1 o BA.2, rispetto ai soggetti non infetti . . .

Joao Malato, MA.
Instituto de Medicina Molecular João Lobo Antunes, Lisbona, Portogallo

Roy M. Ribeiro, Phil D.
Laboratorio Nazionale Los Alamos, Los Alamos, Nuovo Messico

Pedro P. Leite, MD
Pedro Casaca, MD
Eugenia Fernandez, Ph.D.
Direção Geral da Saúde, Lisbona, Portogallo

Carlos Antunes, Ph.D.
Università di Lisbona, Lisbona, Portogallo

Válter R. Fonseca, MD, Ph.D.
Direção Geral da Saúde, Lisbona, Portogallo

Manuel C. Gomez, Ph.D.
Università di Lisbona, Lisbona, Portogallo

Luis Graca, MD, Phil D.
Instituto de Medicina Molecular João Lobo Antunes, Lisbona, Portogallo
[email protected]

Con il sostegno dell’Unione Europea Orizzonte 2020 Programma di ricerca e innovazione (numero progetto ERA, 952377 – iSTARS) e da Fondazione per la scienza e la tecnologia tramite 081_596653860 e PTDC/MAT-APL/31602/2017 e tramite Istituto Nazionale della Salute Concessione R01-AI116868.

I moduli di divulgazione forniti dagli autori sono disponibili con il testo completo di questa lettera su NEJM.org.

Questo messaggio è stato pubblicato il 31 agosto 2022 su NEJM.org.

Dott.. Gomez e Graca hanno contribuito in egual modo a questo messaggio.

  1. 1. cho bE il Varoni JE il Evans JB, e altri. Neutralizzazione delle sottovarianti omicron SARS-CoV-2 BA.4/5 e BA.2.12.1. In Angel J Med 2022; 386:25262528.

  2. 2. yo cE il Collier AE il rom, e altri. Neutralizzazione delle varianti omicron SARS-CoV-2 BA.1 e BA.2. In Angel J Med 2022; 386:15791580.

  3. 3. Cao WeiE il YisimaiE il Jian F, e altri. Anticorpi causati da infezione da omcron BA.2.12.1, BA.4 e BA.5. temperare la natura 2022; 608:593602.

  4. 4. Instituto Nacional de Saúde Doutor Ricardo Jorge. Diversità genetica del nuovo coronavirus SARS-CoV-2 (COVID-19) in Portogallo. (in portoghese) 2022 (https://insaflu.insa.pt/covid19).

  5. 5. Tarawneh hE il Kimiteli HE il Ayoub Smou, e altri. Protezione dall’infezione naturale da SARS-CoV-2 contro la reinfezione con le sottovarianti omicron BA.4 o BA.5. Luglio 12E il 2022 (https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2022.07.11.22277448v1). prestampa.

READ  Perché lo zucchero può svolgere un ruolo così importante nella cucina deliziosa