Maggio 19, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Riprendono gli incubi finanziari in Europa: Italia e Francia sotto il microscopio a causa degli elevati deficit

Riprendono gli incubi finanziari in Europa: Italia e Francia sotto il microscopio a causa degli elevati deficit

La Bank of America avverte delle inevitabili misure di disavanzo eccessivo per Italia, Francia e altri paesi, riportando i timori finanziari del passato. A partire dal 2025 si prevede un rigoroso monitoraggio fiscale e sforzi di consolidamento, che potrebbero avere un impatto sulla crescita economica nei paesi colpiti.

annuncio

Gli incubi finanziari che affliggevano l’Europa in passato sono tornati, colpendo l’Italia, la Francia e altri paesi europei.

La settimana scorsa, durante un’audizione parlamentare, il ministro delle Finanze italiano, Giancarlo Giorgetti, ha indicato che la Commissione europea probabilmente raccomanderà al Consiglio di avviare una misura di disavanzo eccessivo contro l’Italia e diversi altri paesi.

All'inizio di marzo, l'Istituto nazionale di statistica italiano ha rivisto il disavanzo dell'anno precedente dal 5,3% al 7,2% del PIL. Questa settimana l’Italia presenterà il suo Documento economico e fiscale (DEF), che fornirà maggiori informazioni sulle implicazioni del disavanzo pubblico previste in futuro.

Si prevede che gli obiettivi di disavanzo nel 2024 e nel 2025 raggiungeranno rispettivamente il 4,3% e meno del 4%.

Giorgetti ha osservato che l'attuale piano di bilancio di Roma, annunciato lo scorso settembre e previsto per la revisione il 9 aprile, è in linea con i requisiti dell'UE per ridurre il gap fiscale nel tempo.

Ha commentato dicendo: “Non siamo così ingenui da avviare negoziati senza comprendere lo scenario in cui stavamo entrando”.

Cos’è una procedura di invalidità eccessiva?

La misura del disavanzo eccessivo obbliga gli Stati membri ad adeguare i livelli di disavanzo e/o i grandi debiti in conformità con l’articolo 126 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea.

La Commissione europea può avviare questa procedura se un paese ha violato la soglia di disavanzo del 3% del PIL o è a rischio di superarla, o se viola la regola del debito mantenendo un livello di debito pubblico superiore al 60% del PIL che non sia decrescente a ritmo soddisfacente.

READ  Business e crypto: ecco le top stories della settimana del 4 giugno 4

Perché Francia e Italia potrebbero dover affrontare una misura di disavanzo eccessivo?

Dopo anni di sospensione a causa della pandemia e della crisi energetica causata dalla guerra in Ucraina, la Commissione Europea ha rinviato al 2024 l’imposizione di sanzioni agli Stati membri con deficit o debito eccessivo.

“Molte questioni finanziarie stanno tornando in Europa in questo momento, con Francia e Italia in particolare sul radar del mercato”, ha osservato Bank of America in un recente rapporto.

Poco prima di Pasqua, la Francia ha rivelato un deficit di bilancio del 5,6% per il 2023, in gran parte dovuto a entrate più deboli del previsto, che dovrebbero spingere verso l’alto la traiettoria del rapporto debito/PIL del paese.

Chiara Angeloni, economista della Bank of America, ha sottolineato che lo scivolone fiscale dell’Italia nel 2023 è stato più pronunciato, guidato dall’aumento della spesa, in particolare dal Superbonus – uno schema di credito d’imposta sull’edilizia progettato per stimolare l’economia durante la pandemia.

Questo peggioramento del deficit, aggravato dal superbonus, è stato significativamente maggiore del previsto, ammontando secondo i dati definitivi dell’Istituto federale di statistica a ulteriori 39 miliardi di euro e rappresenta un “motivo di cautela”.

Anche la Germania deve affrontare delle sfide. La necessità di investimenti nelle infrastrutture pubbliche, incluso uno spostamento significativo nel mix energetico rispetto al gas russo, e una maggiore spesa per la difesa potrebbero spingere il rapporto debito/PIL della Germania sopra il 65% del PIL entro il 2027 se la spesa per la difesa finanziata dal deficit aumenta dello 0,8-0,9%. del PIL. La Bank of America ha detto che il PIL.

READ  Una gestione efficiente dell'acqua nelle Alpi è fondamentale per la sicurezza energetica dell'UE

cosa è successo dopo?

Secondo la Bank of America, un intervento eccessivo sul deficit in Italia, Francia e in altri dieci Stati membri è “ormai quasi inevitabile”. Ciò richiede un monitoraggio e un’attuazione più rigorosi degli sforzi di risanamento dal 2025 in poi.

Dopo aver attivato questa misura, la Francia dovrà apportare strutturalmente una correzione di bilancio costante di almeno 0,5 punti percentuali all’anno a partire dal 2025, secondo i calcoli dell’economista della Bank of America Ruben Segura Cayuela.

Permane il rischio che i paesi possano essere costretti ad attuare forti aggiustamenti fiscali e politiche fiscali strutturalmente restrittive, che potrebbero ostacolare la futura crescita economica.