Maggio 17, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Rigida regola Covid jab per i nuovi dipendenti di Apple

I dipendenti Apple ora saranno tenuti a farsi vaccinare contro il Covid o ad affrontare severe normative sui test se si rifiutano di farsi un’iniezione.

La società ha annunciato che ora i dipendenti Apple dovranno ottenere filmati Covid migliorati o affrontare severe normative sui test.

Una volta che un dipendente è idoneo per i boost, ora avrà quattro settimane per conformarsi o dovrà sostenere test frequenti per entrare in un negozio al dettaglio, in un negozio partner o in un ufficio Apple a partire dal 15 febbraio.

Le nuove regole sono state dettagliate in una nota e pubblicate il bordo.

Trasmetti in streaming più notizie finanziarie in diretta e on demand con Flash. Il più grande servizio di trasmissione di notizie dell’Australia. Nuovo su Flash? Prova subito 14 giorni gratis>

“Poiché l’efficacia della serie iniziale di vaccini contro il Covid-19 è diminuita e sono emerse varianti altamente patogene come l’Omicron, l’iniezione di richiamo fa ora parte del tenere il passo con il vaccino contro il Covid-19 per proteggere da malattie gravi”, ha affermato Apple nella nota.

Apple richiederà ai dipendenti non vaccinati – o a coloro che non hanno ancora fornito la prova della vaccinazione – di presentare test antigenici rapidi negativi per Covid-19 prima di entrare sul posto di lavoro a partire dal 24 gennaio, anche se non è chiaro se ciò si applichi ai dipendenti aziendali e al dettaglio. . .

Inoltre non è noto se la regola si applichi ai dipendenti australiani.

Il gigante della tecnologia l’anno scorso ha richiesto ai dipendenti non vaccinati di eseguire test giornalieri prima di entrare in ufficio mentre i lavoratori al dettaglio non vaccinati venivano testati due volte a settimana.

READ  La massiccia fuoriuscita di petrolio al largo della costa della California meridionale è un "disastro ambientale"

Arriva un mese dopo che dozzine di dipendenti Apple hanno scioperato a Natale.

La protesta, organizzata dal gruppo di advocacy Apple Together, è arrivata durante una corsa allo shopping natalizio dell’ultimo minuto, il Sole menzionato.

In una dichiarazione rilasciata su Twitter, il gruppo ha dichiarato: “Siamo Apple. Meritiamo un posto di lavoro rispettato. Ci meritiamo un periodo di malattia retribuito. Meritiamo protezione in prima linea. Meritiamo un’adeguata assistenza psicologica.

“Ordinalo. Apple supporta la sua immagine con il tuo portafoglio. Non fare acquisti nei negozi. Non fare acquisti online. #AppleWalkout. “

Il gruppo, che è composto da dipendenti Apple attuali ed ex, è un’estensione del movimento #AppleToo, che è stato formato per raccogliere storie da dipendenti di tutti i livelli di Apple che affermano di aver subito molestie o discriminazioni.

Gli organizzatori dello sciopero hanno affermato che almeno 50 lavoratori in tre stati degli Stati Uniti sono stati richiamati dal lavoro venerdì.