Ottobre 23, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Riflessioni sull’Educazione Internazionale in Italia

Pensieri sull’educazione in Italia

Staff editoriale

2 ottobre 2021 – 18:34

Scegliamo le menti degli educatori locali con i contributi considerati Simon Kammal, Direttore della Compagnia britannica; Carla Quartici, Presidente e Amministratore Delegato, Lorenzo de Medici – Istituto Italiano Internazionale; Alessandro Colombo, AD Director of Education Italy / Academy Italia, e Ylenja Lucaselli, deputato italiano

Sono tornati! Non negli stessi numeri di prima dell’epidemia, ma per le strade del mio quartiere di Oldrano, si incontrano di nuovo gruppi di giovani americani, che riempiono lo spazio con il loro entusiasmo entusiasta. Sono qui per il resto della loro vita, uno dei 45 programmi americani che studiano all’estero. È bello riaverli.

Prima dell’epidemia, c’erano stereotipi negativi circa 10-15k studenti americani che arrivavano ogni anno: feste più chiassose che creavano caos per le strade e creavano una palla halal. Ma l’anno scorso gli sforzi decisi dei giovani locali (quando non c’erano studenti americani in città) per rendere Piazza Santo Spirido un rave permanente hanno minato quella caricatura. Invece, la città si impegna ad accogliere i turisti internazionali come residenti temporanei, poiché rimangono più a lungo dei turisti regolari: 30K studenti internazionali trascorrono 2,4 milioni di notti all’anno a Firenze. Questa rivista riceve un supporto pratico dalla Destination Florence Convention e dal Visitors’ Bureau, con un nuovo progetto Lungo (Un panino intelligente, non è vero?).

Firenze è un importante centro internazionale per l’istruzione superiore. Accanto ai programmi universitari americani, ci sono college prestigiosi come l’Università Europea e Polymota, e naturalmente l’Università di Firenze, che attira ogni anno 4.000 studenti internazionali, oltre a molte accademie, scuole d’arte e centri di ricerca. Firenze ha molto da fare per realizzare il pieno potenziale del campo come aspetto chiave dell’emergente economia della conoscenza e della scena delle startup, compresa la promozione di una migliore collaborazione tra diversi college e programmi, creando legami più forti tra la ricerca e la burocrazia industriale.

Ma, per ora, possiamo celebrare l’arrivo degli studenti internazionali e dar loro il benvenuto.

Direttore, British Institute of Florence

È un privilegio studiare; Non dobbiamo mai dimenticarlo. Studiare a Firenze è prezioso e non cambierà mai per una miriade di motivi.

Il mondo dell’istruzione ne risente e gli studenti di tutto il mondo sono costretti a cambiare il loro stile di apprendimento, davanti a un computer, a casa, senza l’empatia e la connessione che solo il tempo può fornire con un insegnante.

L’istruzione non sarà più la stessa di prima e tutti noi che lavoriamo in questo mondo non dobbiamo sottovalutare questo aspetto. Ora molte opportunità sono nate dalle ceneri di un modello indesiderato e non coerente nel tempo. Con questo intendo dire che l’apprendimento personale non è basilare, ma il formato di classe che l’insegnante spiega e gli studenti chiedono non è più interessante; È molto lontano dal mondo del lavoro e dall’interazione con le persone.

In questi due anni il concetto di scuola è cambiato in modo diverso. Il luogo è scomparso e rimane solo il processo educativo. Ci dà nuovi impulsi; La scuola non è un luogo, è un modo per imparare. Con la stessa logica, potremmo sostenere che un’intera città può essere una “scuola” e che un luogo come Firenze può fornire più energia di quanta ne abbia già.

Immaginate le classi in un parco (pensate a Bopoli! Se sogniamo ancora una scuola “sparsa”, potrebbe essere il momento di raggiungerla, forse possiamo fare un passo in più e pensare ai nostri compagni di classe come viaggiatori, anche turisti di passaggio. Soprattutto loro Persone e tra queste possiamo trovare esperti in molte materie. Una cosa tira l’altra e presto ci sarà uno scambio di conoscenze che arricchirà tutti noi.

Se la domanda è, Dove immagino il futuro dell’istruzione una volta che l’epidemia sarà finita, C’è una risposta: Firenze.

Direttore, AD Education Italia / Academy Italia

L’entusiasmo e l’energia degli studenti che vengono a Firenze è il più grande riconoscimento di tutto ciò che abbiamo fatto per onorare le loro esigenze di sicurezza e legali.

È più di una semplice eccitazione; Dimostra determinazione e consapevolezza. I nostri studenti messicani erano obbligati a trascorrere dieci giorni in isolamento e lo hanno fatto senza lamentarsi, erano felici di essere qui e desiderosi di iniziare a studiare.

Difficoltà di viaggioVaccini, spigola verde, isolamentoHanno migliorato la loro consapevolezza. Sanno che i nostri studenti apprezzeranno la loro esperienza anche se scelgono i corsi che desiderano; Non sono mai troppo motivati ​​e cercano solo l’obiettivo invece degli ostacoli sulla loro strada.

Piccoli gruppi, nuovi layout di aule e laboratori, nuove pratiche di pulizia, orientamento e lezioni personali e online: situazioni avvincenti per lavorare con più creatività e ingegno nel trovare soluzioni. Cerchiamo di ascoltare il più possibile i nostri studenti e cerchiamo di capire le loro esigenze e dubbi attraverso una conversazione coerente e attenta. Per il mio staff questo è sicuramente un momento di lotta, ma conferma anche la crescita e l’interesse che riponiamo nel nostro lavoro.

Ora abbiamo più di 300 studenti, che è meno del 50 percento rispetto ai livelli pre-epidemia, ma questo è un aumento rispetto all’ultimo anno. La cosa positiva è che vediamo molta eccitazione la prossima primavera a cui sono interessati più paesi rispetto al passato, il che porta una ricchezza di cultura alla nostra scuola.

La perseveranza dei nostri studenti e la motivazione ad essere a Firenze ci riempiono di una responsabilità ed energia che ci permette di superare tutte le difficoltà e di guardare al futuro con fiducia.

Presidente e Amministratore Delegato, Lorenzo de Medici – Italian International Company

Più che mai, l’internazionalizzazione dell’offerta formativa delle università italiane, soprattutto in relazione all’attrazione di studenti internazionali, è importante seguendo le tendenze globali dell’istruzione in Italia.

Per raggiungere questo obiettivo, è necessario dare a questa internazionalizzazione un significato che trascenda nettamente il contesto europeo.

Per un po’ di tempo hanno sicuramente prevalso il continente aperto internazionale e la dimensione europea delle nostre università. Questo si è poi spostato sullo straordinario successo dell’europeizzazione dell’istruzione superiore nell’UE, che ora non sembra essere un problema, e va a scapito dell’introduzione di processi di integrazione come modello per stimolare e guidare processi simili in una regione. E lo stato globale.

È questa consapevolezza della dimensione globale che dobbiamo fare oggi a causa della questione dell’istruzione superiore. È evidente la crescente necessità di imporre dinamiche migratorie che mettano alla prova le università nazionali, offrendo allo stesso tempo nuove opportunità non limitate all’ambiente europeo.

Le sfide e le opportunità sono spesso viste in termini di concorrenza. Queste parole sono diventate una sorta di magia destinata a costruire l’intero discorso sull’internazionalizzazione. In effetti, l’istruzione superiore avanzata su scala globale è la risposta ai bisogni del pianeta.

Come si vede, la mediazione di una singola università o ente universitario può portare benefici a quell’università o ente. Tuttavia, non c’è contraddizione nel perseguirli e nel lavorare per lo sviluppo globale e la sua sostenibilità. Inoltre, il lavoro delle università è sempre stato transnazionale.

In termini di concorrenza, è pertinente riferirsi a situazioni in cui le ragioni della competizione e della collaborazione vanno di pari passo utilizzando il concetto di collaborazione sviluppato all’inizio del XX secolo. Questo è il modo in cui ci vediamo su scala globale.

Per questo non si può fare altro che considerare che il plus offerto dall’internazionalizzazione dell’educazione deriva dalla possibilità di integrare diverse culture didattiche ed educative. Da questa posizione, accogliere gli studenti nelle nostre università e costruire legami con università straniere per facilitare l’accesso dei nostri giovani all’estero è la vera chiave per una formazione a tutti gli effetti e l’immersione in un’esperienza formativa che includa la cultura e il territorio.

READ  10 giorni in giro per il nord Italia