Settembre 16, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Ricorda quando Pelé ha giocato per gli Stati Uniti nella Coppa del Bicentenario كأس

Ricorda quando Pelé ha giocato per gli Stati Uniti nella Coppa del Bicentenario كأس

Gli Stati Uniti ospiteranno per la seconda volta la Coppa del Mondo maschile nel 2026, che coinciderà con il 250esimo anniversario della fondazione della nazione. Questo non sarà il primo compleanno importante che gli Stati Uniti celebrano con un campionato di calcio, anche se l’USMNT non avrà bei ricordi del primo. Nemmeno Pelé è riuscito a salvare gli Stati Uniti nella Coppa del Bicentenario.

Nel 1976, mentre gli Stati Uniti celebravano il loro bicentenario, la US Soccer Federation vide un’opportunità: segnare l’occasione con un torneo internazionale volto ad elevare il profilo del calcio a livello nazionale per convincere la FIFA ad ospitare la Coppa del Mondo. Inghilterra, Italia e Brasile – che finora hanno vinto sei dei 10 Mondiali – giocheranno un campionato con gli Stati Uniti.

Dal momento che l’USMNT non si era qualificato per la Coppa del Mondo in 26 anni, l’USSF ha escogitato un piano per rendere competitivi gli americani: lasciare che chiunque giocasse nell’allora fiorente NASL competesse con il Team USA. Alcuni dei più grandi giocatori di tutti i tempi hanno indossato le maglie degli USA nella primavera del 1976, tra cui Pelé, Bobby Moore e Giorgio Chinaglia.

Non ha aiutato: gli Stati Uniti erano ancora un disastro sul campo.

Incorpora da Getty Images

Il Team USA, con una manciata di americani e una sfilza di eccellenti talenti internazionali, non ha vinto in tre partite della Coppa del Bicentenario, vincendo 9-1 nel processo. Il Brasile, guidato da gente del calibro di Zico, Roberto Dynamite, Rivelino e Gil, ha vinto tutte e tre le partite per vincere la coppa, nonostante Pelé giocasse per gli Stati Uniti.

Sai di essere una squadra trash quando nemmeno Pelé può renderti competitivo.

Non essendo riuscito a qualificarsi per la Coppa del Mondo 2018, è diventato di moda rinunciare all’USMNT. Ma è sempre bene ricordare quanto sia stato terribile il football americano tra le sue apparizioni ai Mondiali del 1950 e del 1990. Il nadir fu forse la primavera del 1976, quando gli americani persero una grande opportunità per far crescere lo sport con la Coppa del Bicentenario.

L’inizio della Coppa del Bicentenario – lo sport del futuro, da 50 anni

Con le celebrazioni del bicentenario della nazione nel 1976, il football americano stava solo cercando di mantenere un punto d’appoggio in un paese che per lo più ignorava il bel gioco. La NASL era sull’apice del picco, con la fine degli anni ’70 che esplose in popolarità con star come Pelé, Chinaglia, Moore, George Best, Franz Beckenbauer, Carlos Alberto e altri. Per qualche tempo è stato davvero un punto di svolta nel calcio statunitense, con l’Unione Sovietica desiderosa di ospitare la Coppa del Mondo in casa per aumentare lo slancio.

Così, la Coppa del Bicentenario, annunciata nel marzo 1976, nacque circa sei settimane prima dell’inizio del torneo.

“Il torneo aiuterà a focalizzare l’attenzione globale sulla nostra celebrazione”, Carlos Campbell ha dettoDirettore atletico dell’Amministrazione della Rivoluzione Americana del Bicentenario. “Il calcio è il linguaggio universale e le squadre che giocano sono le migliori”.

L’idea era fantastica: tre delle migliori nazionali del mondo vengono negli Stati Uniti per le partite internazionali complete (beh, l’Inghilterra le considerava fiere di allenamento, ma erano sempre del tipo arrogante). Oggi tali partite, anche amichevoli, attireranno quasi 100.000 tifosi. Nel 1976, gli Stati Uniti hanno giocato negli stadi pieni per meno del 20%.

READ  Annunciati i vincitori del Locarno Film Festival

Incorpora da Getty Images

Squadre della Coppa del Bicentenario – Costellate di stelle

Con le qualificazioni per la Coppa del Mondo l’una contro l’altra all’orizzonte nello stesso anno, sia l’Italia che l’Inghilterra hanno inviato le loro squadre A negli Stati Uniti per la preparazione della Coppa del Bicentenario. (Sia l’Italia che l’Inghilterra non sono riuscite a qualificarsi per il Campionato Europeo quell’estate.) Anche il Brasile aveva una squadra forte, con alcuni vincitori della Coppa del Mondo 1970 e alcune stelle nascenti. Il Team USA era allo sbando.

Gli Stati Uniti non sono riusciti nemmeno a vincere una qualificazione ai Mondiali del 1974 e sono stati un ripensamento sulla scena mondiale, in mezzo a un divario di 40 anni tra le apparizioni ai Mondiali. Sono finiti gli anni ’50 dell’Inghilterra sconvolta ai Mondiali in Brasile.

Dal momento che queste non erano partite ufficiali della FIFA, gli Stati Uniti hanno creato una sorta di dream team. Il Team USA era composto da cinque giocatori dagli Stati Uniti, cinque dall’Inghilterra, due dalla Scozia e dall’Irlanda del Nord e uno dal Brasile, dall’Italia, dalla Polonia, dal Perù e da Trinidad e Tobago.

“Era una scelta all-star per i giocatori stranieri e hanno inserito alcuni giocatori americani in modo che potessero chiamarlo Team America, credo”, il difensore americano Bobby Smith ha detto. “È un po’ così, a quanto pare. Perché non hai Bobby Moore e George Best e Pelé e Chinaglia, questi grandi ragazzi del Team America? Stanno giocando qui ora. Quindi era il Team America. Non è stato così. necessariamente essere un nativo del Team America.”

Incorpora da Getty Images

Il risultato è stato un crogiolo di culture, lingue e, soprattutto, stili di gioco. Con più giocatori britannici di qualsiasi altra regione – e Ken Furvey dell’Inghilterra, allora dei New York Cosmos, era allenatore – c’era la tendenza a giocare palle lunghe in aria. Pelé e Chinaglia, che avevano appena firmato Cosmos per $ 500.000, ricevevano la palla ai loro piedi. Nella Coppa del Bicentenario si sono trovati affamati di servizio.

George Best e Rodney Marsh furono espulsi dalla squadra dopo che non si erano presentati nella prima sessione di prove.

Per quanto riguarda il resto dei paesi, le loro squadre A sono in vigore.

il Azzurro La squadra includeva diversi giocatori che avrebbero vinto la Coppa del Mondo 1982, incluso il leggendario portiere Dino Zoff. Rivelino ha guidato la squadra nazionale del Brasile e comprendeva Zico, Roberto Dynamite e Gil, che ha vinto la Scarpa d’Oro nel torneo. L’Inghilterra ha guidato i migliori talenti della Premier League, tra cui Kevin Keegan, Ray Clemens e Trevor Bucking.

Erano squadre che avevano giocato insieme per anni e si stavano preparando per competizioni più grandi e migliori. Ha finito per non corrispondere.

Risultati della Coppa del Bicentenario – peggiori delle qualificazioni ai Mondiali del 2018

Aprendo la competizione con l’Italia che gioca con la squadra America all’RFK Memorial Stadium di Washington, DC prima della partita, Fabio Capello – sì, l’uomo che in seguito è diventato allenatore dell’Inghilterra dopo aver allenato AC Milan, Real Madrid, Roma e Juventus – ha criticato Chinaglia per averlo trasformato sopra. Tornando in Italia, che ha solo stimolato la nuova stella di Cosmos.

READ  Kate Middleton consegna l'Ash Party Award nella finale di Wimbledon.

“La gelosia è una brutta cosa” Chinaglia ha dettoHa segnato quattro gol in 14 partite internazionali con l’Italia. “Molti giocatori italiani sono sconvolti dal fatto che sono venuto qui per soldi. Ma non mi dà fastidio. Non mi servono persone come queste”.

Fu l’ultima risata degli italiani, col gol di Capello al 15′ e Azzurro Si è qualificato per una vittoria per 4-0 davanti a 33.455 tifosi.

Quasi subito sono cominciate le scuse.

Chinaglia si è lamentato che avrebbe segnato due o tre gol se i suoi compagni di squadra fossero stati in grado di prendergli la palla. contemporaneo Il rapporto UPI ha detto Pelé ha giocato “diversi passaggi troppo ingegnosi per i suoi compagni di squadra da gestire”. Lo stesso Pelé si è lamentato della mancanza di preparazione.

“Ci siamo allenati insieme solo due volte” Pelé ha detto Washington Post. “C’era un po’ di confusione perché non eravamo abituati l’uno all’altro, soprattutto in difesa. La maggior parte dei nostri giocatori viene dall’Inghilterra, dove gioca palla alta. Io sono abituato a tenere la palla bassa”.

Dopo la partita, Pelé si precipitò fuori dal campo in uno studio vicino per aiutare a fornire una copertura televisiva dello scontro del Brasile con l’Inghilterra a Los Angeles. Roberto Dynamite ha segnato l’unico gol all’89’, ei brasiliani hanno ammesso di essere stati un po’ fortunati con una vittoria per 1-0.

L’Inghilterra ha poi volato attraverso il paese per giocare contro l’Italia allo Yankee Stadium nel Bronx. Nel frattempo, i Tre Leoni avrebbero dovuto vedere Paul McCartney suonare al Madison Square Garden, ma… Il New York Times Hanno detto che non potevano a causa di “diverse ragioni” basate su di loro il rapporto non combattuto.

L’Italia è passata in vantaggio per 2-0 prima che l’Inghilterra pareggiasse tre gol nel secondo tempo portando tutti i punti per 3-2 a 40.650, il maggior numero di affluenza al torneo nonostante abbia giocato in parte sul terreno della Major League Baseball. . (All’epoca, le vittorie erano pari a due punti e pari a un punto.)

Più tardi quel giorno, il Brasile ha battuto il Team USA 2-0. A differenza di Chinaglia, Pelé si è rifiutato di giocare contro i suoi connazionali mentre 20.253 persone guardavano dal nuovissimo Kingdome a Seattle. I brasiliani hanno dominato all’inizio della partita e spesso hanno reso ridicoli gli Stati Uniti. A un certo punto, Rivelino ha dato fuoco all’ex difensore del Liverpool Tommy Smith con noce moscata, mandando in estasi i giocatori del Brasile.

“I brasiliani erano bagnati dalle risate”, il portiere degli Stati Uniti Bob Rigby ha detto di noce moscata. “Ero seduto accanto a Pelé sulla panchina. Pelé era sempre il diplomatico e un gentiluomo. Aveva quasi avuto un’ernia che rideva. “

L’ultimo giorno della partita ha visto gli Stati Uniti incontrare l’Inghilterra al John F. Kennedy Stadium di Philadelphia, mentre Brasile e Italia hanno combattuto per il primo posto allo storico Yale Bowl di New Haven, nel Connecticut.

READ  Uffizi italiani scoprono dipinti murali persi durante il blocco COVID | divertimento

Nella prima partita, solo 16.239 sono apparsi su uno stadio che all’epoca aveva una capienza di 100mila. Keegan ha segnato due volte nel primo tempo e ha realizzato Jerry Francis 3-0 al 54 ‘per l’Inghilterra, ma gli Stati Uniti sono riusciti a salvare un po’ di rispetto alla fine segnando a referto con un tiro all’87’ della Scozia sub-Stuart Scullion. La partita è finita 3-1 e l’Inghilterra si è assicurata il secondo posto.

https://www.youtube.com/watch?v=-7yhX4uR4

La partita finale di fatto di 36.096 a cui ha partecipato più tardi oggi, incluso l’attuale segretario di Stato americano Henry Kissinger, è un tifoso di calcio di origine tedesca. (Il presunto criminale di guerra era influente nel football americano e in seguito sarebbe stato nominato nel consiglio della NASL.) La partita fisica ha visto tre giocatori espulsi, ma il Brasile è andato molto meglio, vincendo 4-1 per finire la competizione. Campione imbattuto.

“Siamo pronti a raggiungere di nuovo la vetta del mondo” L’allenatore del Brasile Brandao ha detto. Il Brasile non vincerà un altro titolo mondiale per altri 18 anni, cinque anni dopo la sua morte.

The Bicentennial Cup Impact – Il calcio è ancora lo sport del futuro

La Coppa del Bicentenario non è stata un grande successo per gli Stati Uniti: la patetica partecipazione alla partita contro l’Inghilterra nel bicentenario dell’espulsione dei britannici americani dal paese ha esemplificato il fatto che il calcio aveva ancora molta strada da fare per diventare mainstream . .

La partecipazione media è stata discreta – poco meno di 30.000 – ma nulla è durato più a lungo delle celebrazioni del bicentenario. L’USMNT vinse solo una partita nelle qualificazioni ai Mondiali del 1978 e continuò a essere terribile fino alla fine degli anni ’80. Gli Stati Uniti non hanno avuto la possibilità di ospitare la Coppa del Mondo fino al 1994.

C’è stato un effetto misurabile in NASL, che ha visto un aumento costante della frequenza media negli anni successivi, grazie anche alla lotteria Pelé. Ma il campionato è finito dopo meno di 10 anni.

“Hai la possibilità di vedere questi ragazzi,” Bobby Smith ha detto. “Se non è registrato nella comunità calcistica, piega semplicemente la tenda e vai a casa. Cento persone sono andate a ogni partita della NASL dopo? Non lo so, non lo so. È stato fantastico per questo paese vedere Brasile e Italia. e Inghilterra. Perché non dovrebbe avere un effetto positivo?”

Nonostante la tiepida risposta al torneo, il football americano non ha piegato la tenda e non è tornato a casa, sfondando alla fine per tornare alla Coppa del Mondo nel 1990 (e non dimentichiamo che l’USWNT ha vinto la sua prima Coppa del Mondo femminile un anno dopo). Gli uomini americani sono arrivati ​​​​alla finale della Coppa del Mondo dopo di che fino al fallimento del 2018.

E per quanto la squadra del 2018 sia stata criticata per la sua assenza dalla Coppa del Mondo, almeno non ha superato per 9-1 i vincitori della Coppa del Mondo come Pelé e Bobby Moore.

Fonti:
guardiano
Il New York Times
AP
UPI