Marzo 4, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Reed Hastings: Netflix è “il più grande creatore di cultura transeuropeo dell’UE” | Notizia

Reed Hastings: Netflix è “il più grande creatore di cultura transeuropeo dell’UE” |  Notizia

Reed Hastings, CEO di Netflix, ha parlato del dispositivo di streaming come del “più grande creatore” di connettività culturale europea nell’Unione Europea.

Hastings stava parlando a un evento Netflix per la politica, il giornalismo e i politici europei tenutosi presso la sede EMEA dell’azienda ad Amsterdam, dove ha condiviso il palco con il co-CEO Greg Peters.

Alla domanda sul risultato inaspettato della spinta creativa di Netflix nell’area EMEA, Hastings ha dichiarato: “La cosa sorprendente è quanti tedeschi guardano le soap opera spagnole, quanti italiani guardano le soap opera spagnole. Non avevamo intenzione di farlo, ma siamo diventati i più grande creatore di cultura europea nel mondo.” Unione Europea”.

Ha detto che era “ridicolo” che a una società americana come Netflix fosse richiesto di farlo accadere.

Hastings ha aggiunto: “In parte è perché tutte le altre reti sono più reti nazionali. Sono specializzate in un gruppo linguistico. E poi noi siamo specializzati nella comunicazione”.

“Il modo in cui avete guardato le serie turche o i film olandesi è stato fantastico. Pertanto, direi che la parte inaspettata è stata quella fertilizzazione incrociata all’interno dell’Unione europea”.

I suoi commenti arrivano in un momento in cui molti paesi europei sono sempre più concentrati su quanto gli spettatori come Netflix stiano investendo in contenuti originali in Europa.

Netflix ha aperto la sua sede EMEA ad Amsterdam nel 2015 e subito dopo ha iniziato a investire nei suoi primi contenuti dalla regione. L’evento di oggi è stato progettato per mostrare il loro investimento nell’area EMEA da allora e comprendeva un tour degli uffici di Netflix, oltre a una sessione di domande e risposte con il vicepresidente dei contenuti EMEA Larry Tanzania e un panel con i creatori dell’ultima versione di Netflix.

READ  Bocce, bowling e bistrot al Walnut Creek

“Amsterdam è una città meravigliosa, come un’alta padronanza dell’inglese per un’azienda americana, una posizione centrale, personale pratico e ottimo. Non so perché qualcuno dovrebbe scegliere qualcosa di diverso”, ha detto Hastings in merito alla decisione di aprire la sua sede EMEA nella città.

“È stata un’ottima scelta per noi come quartier generale. Abbiamo operazioni molto solide a Berlino, Parigi e Londra, ma questa è la spina dorsale, il quartier generale. Non potremmo essere più felici”.

lasciare di

Hastings ha annunciato a gennaio che si sarebbe dimesso dalla carica di CEO di Netflix, ma sarebbe rimasto con la società come CEO. Peters è stato promosso a co-CEO insieme a Ted Sarandos.

Quando gli è stato chiesto se fosse facile “arrendersi”, Hastings ha risposto: “Sì, ho fatto un ottimo lavoro nel lasciarmi andare nell’ultimo mese e mezzo. Ho pattinato molto”.

L’anno scorso, ha osservato Tanz, l’EMEA è diventata la più grande regione su Netflix per numero di abbonati.

Oltre al suo quartier generale ad Amsterdam, Tanz ha affermato che Netflix ha ora team in 11 diversi uffici in tutta l’area EMEA che commissionano contenuti originali per l’operatore.

Riferendosi alla spinta di Netflix a riprodurre contenuti in Europa, Tanz ha dichiarato: “Stiamo iniziando ad affrontarlo la pioggia dalla Danimarca, La casa di carta dalla Spagna e buio dalla Germania. E stavamo guidando da Los Angeles. Poi ci siamo subito resi conto che dovevamo essere più vicini alla comunità creativa, più vicini ai nostri membri in quei paesi in modo da poterli capire meglio.

“Così, nel corso del tempo, abbiamo creato il team fino a 11 uffici in tutta la regione. E ora abbiamo talenti esecutivi davvero forti in ciascuno di quei paesi mentre esaminiamo film, serie, acquisizioni e documentari. Quello che fa per noi è che ci consente di offrire un portfolio Varietà di film e serie per i nostri membri.

READ  La soluzione al cruciverba del NYT: Antica Asia Minore

Tanz ha aggiunto: “Ci avvicina anche alla comunità creativa, in modo che i produttori che sono partner molto importanti per noi possano lavorare in modo incredibilmente creativo con Netflix, e non devono recarsi a Los Angeles per fare uno spettacolo per la Germania, e loro non devono tradurre le loro sceneggiature dall’italiano all’inglese per ottenere finanziamenti per il loro film e non devono dire, Tutto tace [On The Western Front] – Beh, penso che debba essere in inglese per avere successo. E Ed Berger potrebbe fare questo film in tedesco, e potrebbe essere popolare per noi in Germania, ma anche in tutto il mondo”.

Alla domanda sul recente lancio della sua piattaforma pubblicitaria da parte di Netflix, Peters ha spiegato il suo lancio dicendo: “Ci sono solo due cose che prendiamo come un debito: la soddisfazione dei membri e i profitti. Alla fine della giornata, quando questo è il tuo obiettivo, sei sfidando costantemente te stesso. E questo porta a cose come spingere il tuo pensiero intorno alla pubblicità e all’abilità. “Espandere e fare cose nuove quando è necessario.”

Netflix ha utilizzato l’evento anche per annunciare due nuove commedie olandesi, Colore papà E boa cattivo.

Colore papà Dai creatori Jon Karthaus e Daan van den Nouweland, è una commedia che racconta la storia di Mark, responsabile di Uber, che sta per diventare padre e partecipa a un apparentemente innocente Dadchelor Weekend, che perde il controllo e mette persino a rischio la vita dei suoi amici in linea. È prodotto da Johnnywood e NRG Productions.

boa cattivo è un film commedia in collaborazione con il comico olandese Jandino Asporaat, sui BOA ben intenzionati ma poco efficaci, agenti che assistono la polizia nel sorvegliare l’ordine e la sicurezza locale. Prodotto da Huntu, in associazione con Het Huis van Assporaat e Kaap Holland Film.

READ  Claudio Rapino, Andrea Iervolino e Pietro Pellegra lanciano la divisa del Maestro