Aprile 18, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Recensione libro: Crescere per il bene di Alessio Terzi

Recensione libro: Crescere per il bene di Alessio Terzi

In Crescita per il beneE Alessio Terzi Mostra che la crescita economica può essere sfruttata per combattere il cambiamento climatico. Il libro mostra qual è la posta in gioco nei dibattiti sul rapporto tra capitalismo e ambiente, e questo libro sarà particolarmente utile per i responsabili politici e coloro che lavorano nel campo della sociologia e dell’economia ambientale. Youssef Mortada.

Se sei interessato a Growth for Good, puoi farlo Guarda il video E Ascolta un podcast Da Alessio Terzi che parla del libro per un evento pubblico LSE, registrato il 17 gennaio 2023.

Crescere per sempre: rimodellare il capitalismo per salvare l’umanità dalla catastrofe climatica. Alessio Terzi. Stampa dell’Università di Harvard. 2022.

Trova questo libro (link di affiliazione):Il logo dell'Amazzonia

Pensatori sociali di varie discipline hanno a lungo dibattuto sul futuro del sistema economico dominante, cioè il capitalismo, e il suo rapporto dinamico con la natura. concetti antropocenici, capitalloceneLa modernizzazione ambientale e la crisi planetaria riflettono un campo di gioco dinamico e multidisciplinare che coinvolge i pro ei contro del sistema economico. L’economia come sistema propone delle idee crescita verdeE entropia (che vincola la produzione economica secondo le leggi della termodinamica) e innovazione, mentre le scienze ambientali introducono concetti come “confini planetari” E ‘Resistenza’. Le critiche al consumismo da parte della sociologia complicano ulteriormente la questione.

Si possono riassumere due posizioni generali riguardo al rapporto tra capitalismo e natura. Alcuni pensatori ritengono che sia necessario andare oltre il capitalismo come sistema economico. Sostengono che il capitalismo ha una logica di sfruttamento sia dell’umanità che della natura. Il capitalismo è destinato ad essere distruttivo e soggetto a crisi. Questi pensatori invocano un’economia alternativa che rispetti l’ambiente attraverso la decrescita. D’altra parte, molti credono che il nome “laissez-faire” del capitalismo sia sufficiente per affrontare non solo le crisi ambientali ma anche le crisi sociali e politiche. Pertanto, non è necessaria una trasformazione radicale della società.

READ  Ciò che viene prodotto a Wilmington da General Electric, Corning e altre società

Tuttavia, c’era una via di mezzo emergente tra queste due posizioni. Ciò presuppone che il capitalismo possa essere fatto funzionare per la prosperità dell’umanità e della natura quando vengono intraprese le azioni politiche necessarie. Libro di Alessio Terzi Crescita per il bene Cerca di costruire un caso per questa posizione intermedia: addomesticare il capitalismo sostenendo la crescita economica e l’innovazione sotto la bandiera del progresso. Si ritiene che questa sia la scelta migliore per l’umanità per trovare una soluzione all’imminente crisi ambientale.

Un alto edificio ricoperto di piante verdi

Credito immagine: fotografia Zack Lupo SU unsplash

Crescita per il bene Scritto in due parti. Il primo riassume la posizione della regressione, che rifiuta la logica del capitalismo, utilizzando intuizioni provenienti da molteplici discipline tra cui sociologia, filosofia, economia e antropologia. Una comprensione ristretta di “crescita in declino” si riferisce alla sfida del PIL come misura della prosperità. Definizioni più ampie includono la crescita come movimento sociale e si concentrano su strategie politiche come ecovillaggi, valute comunitarie e reddito di base per offrire un sistema economico alternativo. Il capitolo 1 esamina brevemente gli elementi costitutivi intellettuali del discorso sulla decrescita. Il capitolo 2 fornisce una chiara discussione di come la crescita economica si rapporta al capitalismo e delinea il suo rapporto con l’innovazione e il progresso. Il capitolo 3 valuta come sarebbe una società post-crescita, secondo i sostenitori della decrescita. La sezione finale esamina l’Italia per testare le ipotesi dei sostenitori della decrescita, dato che il paese sta vivendo una lenta crescita economica.

Nella seconda parte, Terzi costruisce un terreno comune per sostenere la crescita economica, l’innovazione e il progresso per affrontare le questioni ambientali. Il quinto capitolo esamina le caratteristiche antropologiche e culturali del determinismo della crescita per riconoscere che il rifiuto della crescita economica non è né possibile né auspicabile. Il capitolo 6 costruisce un caso per la capacità unica del capitalismo di promuovere l’innovazione tecnologica. Il capitolo sette sostiene che non dovremmo aspettarci che un governo mondiale crei soluzioni alla crisi ambientale. Invece, i paesi industrializzati dovrebbero assumere un ruolo guida nell’adattare le nuove tecnologie verdi per stabilire standard per altri paesi. La sezione finale presenta i ruoli di vari settori dell’economia, come aziende, società, governi e cittadini, nel rendere possibile la transizione verde sotto il capitalismo.

READ  Il costruttore navale italiano Fincantieri sta cercando di abbassare la leva nel rinnovamento del business

Terzi dimostra la sua posizione di via di mezzo offrendo tre argomenti fondamentali Crescita per il bene. In primo luogo, crede che la crescita economica porti un potenziale bene a tutti, se aggiungiamo una svolta. Sebbene la crescita economica sia soggetta alla legge della domanda e dell’offerta, non esiste un’unica forma di crescita economica. Potremmo essere consapevoli di interessi egoistici strettamente definiti. Tuttavia, i singoli possono agire per promuovere le idee verdi e aumentare la consapevolezza pubblica indirizzando le risorse economiche per finanziarle (45).

In secondo luogo, Terzi sostiene che il perseguimento della crescita economica o della “inevitabilità della crescita” è una diretta conseguenza della nostra natura umana, e che il capitalismo non crea “falsi bisogni” (118). Sfida qualsiasi trasformazione radicale della società perché sarebbe una negazione della nostra natura umana. Terzi mostra che il consumo di un prodotto economico stabilisce dimensioni interne – funzionali ed esterne – non funzionali. Il primo riguarda il vantaggio diretto ottenuto dal prodotto. Quest’ultimo si riferisce ad altre caratteristiche, principalmente lo stato. Secondo Tarazi, rimuovere la dimensione non funzionale è pericoloso. Grazie al consumo cospicuo, nuovi e migliori prodotti compaiono e si diffondono nella società. La stessa logica si applica a livello internazionale. I paesi sviluppati dovrebbero costituire un esempio per gli altri adottando nuove tecnologie (178). Terzi ritiene fondamentale riconoscere questa dimensione della nostra natura e progettare di conseguenza le nostre società future.

Terzo, la geopolitica è importante. Terzi adotta una prospettiva a lungo termine e sostiene che è improbabile che il cambiamento climatico unisca l’umanità (166). Le società umane vivono sotto i confini chiaramente definiti degli stati-nazione. Se non possiamo aspettarci una risposta globale unificata, perché dovremmo aspettarci una soluzione unificata ai problemi ambientali? Terzi ritiene che le politiche verdi possano essere attuate attraverso l’interesse nazionale anche se non è una soluzione ottimale. Gli adottanti veloci e consapevoli otterranno i vantaggi dell’innovazione verde e stabiliranno gli standard per gli altri.

READ  Come Maria Sol Ferragamo ha trasformato una passione d'infanzia in un grande business

Questa serie di argomentazioni solleva una serie di domande. Terzi può mostrare come le idee ecologiche che non producono guadagni economici apprezzabili creeranno grandi quantità di capitale finanziario e umano in un’economia capitalista in cui la ricerca del profitto è una religione secolare. Il libro non dice molto sulle dinamiche della redistribuzione e della disuguaglianza sotto il capitalismo. La discussione sulla geopolitica trascura la questione di quali risorse, manodopera e capitale umano i paesi sviluppati estrarranno dai paesi in via di sviluppo. Allo stesso modo, diffondere il discorso del progresso con la sua attenzione all’innovazione verde può mascherare l’esistenza di relazioni di potere globali dietro l’idea di “sviluppo ecologico”.

Insomma, di Terzi Crescita per il bene Adotta una posizione intermedia rifiutando la transizione post-crescita per evitare il collasso ecologico. Piuttosto che rallentare la produzione materiale totale nell’economia, sostiene che gli attori economici dovrebbero concentrarsi sull’innovazione verde che fa avanzare il modello di modernizzazione. Il libro è una buona lettura introduttiva per chi vuole familiarizzare con i presupposti di questa posizione intermedia, e mostra qual è la posta in gioco nel dibattito sul rapporto tra il sistema economico e l’ambiente. I politici e coloro che lavorano nel campo della sociologia e dell’economia ambientale troveranno questo libro particolarmente fruttuoso.