Maggio 19, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Recensione: Il musical “Verdi Traviata” di San Diego Reap esplora la famosa opera e il suo retroscena poco noto

Recensione: Il musical "Verdi Traviata" di San Diego Reap esplora la famosa opera e il suo retroscena poco noto

Nell’ultimo musical di Hershey Felder, “The Verdi Traviata”, il compositore italiano del XIX secolo Giuseppe Verdi parla di come la sua opera di metà periodo “La traviata” sia diventata così popolare ai suoi tempi da essere eseguita ad un certo punto ogni notte dell’anno presso la sede Cosa nel mondo.

L’opera del 1853 oggi rimane l’opera più eseguita al mondo e un’opera che ho visto eseguita dal vivo almeno cinque volte negli ultimi quattro decenni. Ma non ho mai sentito la meravigliosa storia raccontata nel nuovo Traviata di Verdi di 100 minuti di Felder che si chiede se Verdi avesse una ragione segreta per comporre un pezzo su Violetta, un’infermiera parigina morente che coglie un’ultima possibilità in amore. Il film generosamente prodotto, e girato in esterni a Posseto, Venezia e Firenze, racconta la storia della creazione dell’opera e di come l’appello di Verdi alla storia di Violetta possa essere stato la somiglianza del personaggio con sua moglie.

Il San Diego Rep è stato uno dei 12 teatri statunitensi che domenica hanno ospitato Verdi Traviata. Ancora disponibile per lo streaming on demand su herheyfelder.net.

Felder ha scritto, co-diretto e recita nel film nel ruolo di Verdi, da vecchio tre anni prima della sua morte nel 1901 e da giovane, quando mezzo secolo fa stava provando per la prima de “La traviata”.

Ma la vera protagonista del film è il soprano Gianna Corbisero, che interpreta la moglie di Verdi, Giuseppina Strepponi Verdi, soprano in pensione meglio conosciuto come “La Striponi”. Corbisiero e Felder raccontano a turno il film in diverse fasi della loro vita, ma è la toccante performance di Corbisiero nei panni della morente Strepponi – la parte di cui parla e di cui canta – ad essere la più toccante. La performance intenzionalmente riservata di Felder – come un Verdi solitario e egocentrico – dà alle sue esibizioni più spazio per respirare.

Gianna Corbesero nel ruolo di Giuseppina Verdi ne “La Traviata di Verdi”.

(Hershey Felder)

Secondo il film, Verdi e La Strepponi si trasferirono segretamente insieme negli anni ’40 dell’Ottocento dopo essersi incontrati durante le prove per la sua opera “Nabucco”. Sul letto di morte, quasi 60 anni dopo, la loro figlia adottiva Maria Filomena (Francesca Cellini) raccontò che da giovane aveva condotto uno stile di vita sessualmente liberato e aveva avuto figli da diversi uomini. Sebbene Verdi facesse molto affidamento sui consigli musicali di sua moglie in molte delle sue opere, La Striponi si rifiutò di aiutarlo con “La traviata” perché temeva che il pubblico pensasse che fosse la “donna caduta” nel titolo dell’opera.

READ  MGM attinge al mercato in crescita dell'esperienza basata sulla posizione

In una scena ambientata durante le prime prove per “La traviata” a Venezia, Verdi supplica Felder con i membri dell’orchestra e del cantautore Francesco Maria Piave (un arrabbiato J. Anthony Crane) di vedere Violetta come una “donna francese moderna” piuttosto che una puttana. Verdi in seguito ridicolizza l’idea che Violetta sia stata ispirata da sua moglie. “La traviata” è basato direttamente sull’opera teatrale “La Dame aux Camélias” di Alexandre Dumas del 1848. Ma La Strebonne si chiede sul letto di morte se il destino di Violetta – non meritare l’amore eterno e morire per i suoi peccati – sia ciò che si merita.

Gran parte del film è stato girato nella casa della famiglia Verdi a Posseto, dove Felder, che cammina per i giardini frondosi con un bastone e un’enorme barba bianca, ha una notevole somiglianza con il Verdi molto più anziano.

Il film presenta un’orchestra al completo e tre cantanti d’opera professionisti – i soprani di coloratura Ekaterina Siurina, il tenore Charles Castronovo e il baritono Mark Delavan – che eseguono melodie, duetti d’opera e trii durante le prove dei costumi. Le loro esibizioni canore sono eccellenti, in particolare quella di Siurina, cantante di origine russa con grande flessibilità vocale.

La prima de “La traviata” è stata notoriamente disastrosa a Venezia, con fischi e fischi che hanno inghiottito la cerimonia di apertura della serata di apertura. Ma è diventato un successo internazionale in un anno. “The Verdi Traviata” racconta quella famosa storia, insieme ad un’altra che la maggior parte dei fan di Verdi probabilmente non ha ancora scoperto.

Hershey Felder nei panni di Giuseppe Verdi siede alla scrivania del compositore.

Hershey Felder nei panni di Giuseppe Verdi siede nell’ufficio dell’autore durante le riprese a Villa Verdi in Italia.

(Hershey Felder)