Maggio 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Recensione film La Chimera – Una storia dispettosa di tombaroli toscani

Recensione film La Chimera – Una storia dispettosa di tombaroli toscani

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Nell’era di Netflix, ci aspettiamo che ci venga detto in anticipo esattamente cosa guardare. (Genere, umore, la nostra risposta emotiva in sospeso). Raramente è un film che si prende il tempo per mostrarci queste cose. O prendere in prestito un’immagine da un nuovo eccellente capolavoro Nessuna chimeraCi invita a guardarli come farebbe un archeologo: sollevandoli contro la luce e chiedendoci cosa abbiamo tra le mani.

Questo paragone mi viene in mente guardando la ricca e maliziosa commedia drammatica italiana di Alice Rohrwacher. Il film è ambientato in Toscana negli anni ’80 e riguarda una banda disordinata di… Tombaroli: predoni di tombe che irrompono nelle cripte etrusche per rubare manufatti sepolti insieme ai morti. Tra i criminali c’è Arthur, un trasandato espatriato inglese interpretato da Josh O’Connor. Il film può essere selvaggio, divertente e folle. Viene anche avvolto nella metafisica, nell’economia e nella tristezza.

Il senso di esplorazione non si esaurisce con la trama. Nella strana alchimia tra materiale cinematografico, costumi e tono, il film stesso sembra essere stato trovato nella sala di proiezione di un cinema italiano di provincia, aperto l’ultima volta nel 1985. Naturalmente, sono i dettagli moderni che raccontano la storia, quella di O’Connor, un attore molto famoso qui e ora. Ma anche lui entra presto a far parte dell’inebriante atmosfera d’epoca, vestito con un abito color panna trasandato, un mistero in superficie e anche più profondo.

La tensione tra personaggio e attore è grande. L’infanzia di O’Connor è sufficiente perché coloro che circondano Arthur lo considerino un mago. Ma c’è sempre qualcos’altro al lavoro, il suo cipiglio è in contrasto con quello dei suoi colleghi svitati. Rohrwacher ha un’ottima visuale dei volti degli attori. Inoltre inserisce esplicitamente citazioni divertenti nella sua storia. Le scene sono accelerate in modo slapstick e la quarta parete è felicemente rotta.

READ  Villa architettonica che domina una famosa città di celebrità in Sardegna, Italia

Ciò che il film ci lascia però non è affatto banale. Invece, pone domande complesse sulla performance e sul passato e ci ricorda che non sappiamo mai cosa verrà dopo. È un grande risultato per un film così legato ai morti.

★★★★☆

Nei cinema britannici dal 10 maggio