Maggio 19, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Recensione del ristorante: Yiasou George – InDaily

cervo. È uno di quei bar in cui la maggior parte di noi andava nell’importante angolo orientale della città.

Commerciante dal 1849, il cervo ha avuto molte facce. Ha iniziato la sua vita come una locanda che ha servito i vicini aie dell’East Terrace e i mercati di prodotti dell’East End per più di un secolo, e nel suo periodo di massimo splendore all’inizio degli anni 2010 si è trasformata in un pub e steakhouse senza fronzoli, dandosi il mantello del peggior vegetariano di Adelaide ristorante.

A un certo punto hanno quasi ribattezzato l’edificio Fat Stag, mentre i successivi lavori di ristrutturazione lo hanno visto promosso come un locale molto più accogliente con una sala da pranzo chiamata Vardon e il suo champagne bar.

Parla di una crisi d’identità.

Oggi è semplicemente The Stag. Non è difficile e puoi contare su cibo da pub rispettabile, buona birra e il servizio di una delle migliori aziende del settore – The Big Easy Group – che ha preso il posto a metà 2018 e ora gestisce anche una gamma di rinomati e divertenti luoghi in giro per la città tra cui Anchovy Bandit e Bottega Bandito in Prospect, Nola in town e Bowden Brewing in Factory 4.

Sebbene non sia ufficialmente la stessa attività, la sala da pranzo adiacente è sempre stata una parte di The Stag e ha anche molte facce, ma alcune non durano a lungo. In una recente iterazione, l’intelligente ed elegante Charlick’s si è posizionato per diventare una delle destinazioni gastronomiche alla moda di Adelaide nello stesso momento in cui Afrikola e Blackwood Bistro erano all’apice della cucina. Sei mesi dopo, Charlek era all’estero e c’era un nuovo volto in città.

Quindi, parliamo di Yiasou George: è ovviamente greco e ha forti radici mediterranee, ma c’è qualcosa di ampiamente continentale in questo stile. Un aggiornamento estetico ben congegnato rende l’interno fresco come un bar sul mare. Pareti dipinte di bianco e varie tonalità acqua illuminano l’ampia sala da pranzo a due livelli, con un buon uso del legno e del marmo che mantiene le cose di classe.

READ  City Square Steakhouse è un piccolo progetto per quest'anno

Gli scaffali di George sono pieni di una dispensa europea di barattoli, lattine e cianfrusaglie, e c’è una discreta quantità di verde appesa al soffitto a volta. Gli affreschi dipinti a mano aggiungono un’enorme quantità di carattere: alcuni sono figurativi, con architetture, paesaggi o divinità, altri sono semplici disegni che rappresentano il cibo nelle sue varie forme, ma alcuni sembrano esistere solo per divertimento. Ovviamente, George è all’altezza.

Nell’angolo c’è una stufa a legna circondata da un piccolo angolo cottura a vista; Il fuoco gioca un ruolo nella creazione di molti dei piatti di George, con uno chef dedicato che lavora sulle fiamme mentre serve.

Salse e buon pane.

Seduti in mezzo al vivace ristorante e dopo aver già servito il nostro primo cocktail, chiamato “Legend of Hercules” (un liquore di noci, miele e cannella lavato con bourbon) e “Yia Yia’s Garden” (gin, acqua di rose, vermouth secco, vaniglia , uova, cannella e limone), abbiamo deciso di mettere George al passo, ignorando alcuni dei deliziosi piatti dei suoi vicini europei, come la remoulade di aragosta o la tartare di manzo con cespuglio di pomodoro e macadamia. Stasera ordiniamo un classico menù greco.

La pita con tzatziki controlla le scatole prevedibili e il pane è così fresco che perde aria dal suo centro gocciolante solo quando atterra sul piano di lavoro drappeggiato per tenerlo caldo. Anche senza immersione, questo ha un sapore e una consistenza migliori. Solitamente un tuffo modesto (e spesso acquoso), questo tzatziki denso, setoso e rinfrescante colpisce tutte le note giuste, con olio essenziale di basilico e menta tritata. È già chiaro che George non ha bisogno di essere schizzinoso per essere bravo.

READ  Christie's presenta la collezione di Pierre Durand, co-fondatore della China Porcelain Company

Dalla sezione dei frutti di mare, i Goolwa pipis mettono in risalto i sapori dell’oceano, con pomodori tagliati grossolanamente mescolati con pezzetti di nduja speziati, un ingrediente preso in prestito dalla cucina italiana, ma che qui ha sicuramente il suo posto. Questa è una preparazione molto semplice, poiché questi due ingredienti sono racchiusi tra i gusci di Cockle ancora fumanti. Più pane pita viene fatto spazio: questa volta il pane viene rapidamente posizionato sulla griglia dopo la cottura per aggiungere un po’ di sapore affumicato ad ogni boccone.

Il prossimo è Saganaki. L’ho provato in innumerevoli modi diversi tra qui e Santorini: da secco a grasso, freddo e gommoso, a bruciato ed eccessivamente salato. Ma non in Giorgio. Qui apprendo che George non è solo un grande cuoco, ma anche un insegnante, che stasera ha scoperto che il saganaki non è affatto formaggio, ma il nome della padella usata per cuocere il formaggio. Il formaggio si chiama kefalograviera ed è prodotto con il latte di capre e pecore.

Qualunque cosa tu dica, questa versione è fantastica. Il formaggio è un delizioso equilibrio tra dolce e salato con un interno aspro e nocciolato. Arriva in una padella saganaki appena sfornata, circondata da una pozza di miele aromatico sfrigolante. I fichi più maturi della stagione vengono arrostiti e accatastati sopra con una leggera spolverata di origano secco che conferisce il tipico aroma e sapore audace e terroso, stabilendo e bilanciando questo meraviglioso piccolo piatto. È sparito in 60 secondi, ma fortunatamente stanno per arrivare le linee principali.

Saganaki è sexy.

Un buon taglio di spalla di agnello viene servito disossato e adagiato su un letto di verdure Ngeringa appena cotte e cimette di cavolfiore. Le verdure sono coltivate biologicamente e abbastanza saporite di per sé, ma è l’eroe del piatto che ci fa ringraziare gli dei greci per ciò che hanno da offrire. L’agnello veniva arrostito così lentamente nel fuoco di legna che manteneva a malapena la sua forma, rompendo i deliziosi pezzi di carne con il minimo incoraggiamento delle posate. È seduto in una ciotola a parte e le uniche altre aggiunte sono lo yogurt naturale per aggiungere uno strato cremoso al mix e una spruzzata di limone per chi ama un po’ di zing.

Un pezzo di spalla di agnello viene servito con deliziose verdure biologiche.

Ma l’esperienza Yiasou è più di un semplice cibo. È l’atmosfera divertente, il design intelligente, i personaggi divertenti e adorabili che lavorano in cucina e sul pavimento che rendono questa esperienza culinaria come se fossi a una festa (colpi di ouzo e tutto il resto).

READ  Zim è pronto per la selezione degli investitori. . . Il presidente incanta la delegazione italiana

È chiaro dal pasto di stasera che mentre The Stag e i suoi concetti di ristorazione sono cambiati nel corso degli anni, George sa esattamente chi è.

Yasu George

26 Terrazza Est Adelaide SA 5000
yiasougeorge.com
Solo prenotazioni online

Si apre:

mercoledì – giovedì 18-22
Venerdì 12:00 – 12:00
Sabato – domenica 18-22

Aumenta il tuo impatto raddoppiando le tue donazioni

Quando ti impegni a fare una regolare donazione settimanale, quindicinale o mensile deducibile dalle tasse a InReview, ogni donazione programmata sarà abbinata da Creative Partnerships Australia. Ciò significa che supporti il ​​doppio delle storie di InReview commissionate, modificate e pubblicate.

Dona qui

Questo articolo è supportato dal Judith Nelson Institute for Journalism and Ideas.