Giugno 19, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Recensione del film Le otto montagne 2023

Recensione del film Le otto montagne 2023

Sono inclusi alcuni ovvi filmati di droni, ma gran parte della sequenza dell’escursione sembra essere stata fatta con Steadicam, seguendo gli uomini attraverso le loro insidiose escursioni. Andrea Rauccio è elencato come l’operatore Steadicam, ma i crediti agli operatori di ripresa sono lunghi e l’intera troupe merita un riconoscimento. Ci sono momenti in cui la telecamera è così lontana che tutto ciò che vedi è uno spazio bianco completo, con una minuscola persona che corre nella neve accecante. Potrebbe essere un cliché dire che le montagne sono il terzo personaggio principale del film, ma è la verità.

Le montagne contano. Il tempo è fatto per permetterci di assorbire l’atmosfera e conoscere le piste familiari in diverse condizioni meteorologiche, all’alba e al tramonto, inverno ed estate. La colonna sonora del compositore svedese Daniel Norgren è un contributo importante. La musica viene suonata quasi sempre, a volte una nota lunga, con un tonfo sordo sotto, creando un senso inquietante di solitudine. Ci sono anche canzoni che servono per smussare nel tempo. Il film funziona cumulativamente. A volte c’è conflitto, ma non è la forza trainante. Le amicizie per tutta la vita non consistono in alti e bassi estremi. Consiste nel tempo che trascorri, prestando attenzione e pensando al tuo amico e assicurandoti di rimanere in contatto, anche con la distanza tra loro.

L’amicizia sembra reale, e questo è fondamentale. Il film non funzionerebbe senza. Ci sono profondità da drenare e il film richiede tempo per farlo. Ci sono relazioni con genitori, donne, finanze e grandi domande come: cosa sto facendo della mia vita? Sono sulla strada giusta? The Eight Mountains è un promemoria di quanto sia raro vedere un film sull’amicizia maschile che non coinvolga crimini o imbrogli simili a postumi di una sbornia. Alcune persone hanno una vasta cerchia di amici. Altri hanno un solo buon amico, quello con cui non puoi nasconderti, e quello con cui hai sempre a che fare: anche i litigi non minacciano il legame. Forse un’amicizia come questa dovrebbe iniziare nell’infanzia, prima che tu sappia meglio prima di fissare le persone che cercano di “controllarle”. I bambini si dicono l’un l’altro: “Vuoi giocare?” Senza altre parole necessarie. Se Bruno e Pietro si fossero incontrati per la prima volta da uomini adulti, forse non sarebbe successo. Diventiamo chiusi nei nostri modi, diffidenti nei confronti degli altri.

READ  Recensione del film MIFF: il direttore della fotografia di "The Sheltering Sky" mantiene il film interessante

“The Eight Mountains” e la sua dedica ai ritmi lenti dell’amicizia tra Bruno e Pietro ricordano i famosi versi finali della poesia di William Butler Yeats Rassegna della Galleria Comunale:

Pensa a dove inizia e finisce la gloria umana
Dico Majdi ho avuto tali amici.

Ora suona nei teatri.