Maggio 21, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Recensione ‘Atlantide’: irrequieta e spericolata sulla laguna veneta

Recensione 'Atlantide': irrequieta e spericolata sulla laguna veneta

Chi ha bisogno di carburante per il cervello destro può trovare una fonte in “Atlantide”, un documentario ibrido immaginario che offre una finestra altamente stilizzata sulla cultura giovanile italiana. Sottile dalla storia e praticamente privo di dialoghi, il film è ambientato in una torbida laguna veneziana dove la gente del posto si riunisce per scorrere i telefoni, sfrecciare sui motoscafi e agitare i pugni per ascoltare la musica.

Gran parte del film è dedicato alle tracce di Danielle (Daniel Barison), un giovane skipper dell’isola agricola di Sant’Erasmo, mentre manovra la sua biposto attorno all’ingresso. Come i suoi compagni, la barca di Danielle prende il nome dalla sua ragazza, Mayla (Mayla Dabbala), che interpreta il passeggero nelle sue crociere e con riluttanza immerge Yen negli sprint.

I personaggi parlano raramente, ma quando lo fanno, il regista, Yuri Ankarani, dipinge momenti personali con notevole moderazione. In una sequenza, mentre Mayla rivela i suoi sentimenti a una manicure, Ankarani offre privacy alle donne fissando la sua macchina fotografica non sui loro volti ma sulle loro mani, ben intrecciate su un tavolo da trucco.

È un raro momento di intuizione in un film che privilegia in modo sproporzionato l’impressionismo rispetto alla sostanza. Visivamente, il film è pieno: Ankarani raffigura ponti che si aprono su canali, castelli che crollano in rovina e minacciose precola, o pali di legno, che sporgono dal lago come ossa rotte. Se “Atlantide” avesse dato un accesso più approfondito a Daniele e Maila, queste foto avrebbero potuto fornire un seguito lunatico ai personaggi e alle loro lotte. Così com’è, ogni senso di significato si perde in un mare di belle immagini.

READ  Neil Nolan: NO Film Society, NOMA "Queen Nefertari", gala Cabrini | Partiti/Comunità

Atlantide
non classificato. In italiano, con traduzione. Durata: 1 ora e 40 minuti. nei teatri.