Aprile 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Ray Dalio afferma che la Cina e gli Stati Uniti sono sull’orlo della guerra

Ray Dalio afferma che la Cina e gli Stati Uniti sono sull’orlo della guerra

La sua logica è triplice e prevede che ciascuna parte sia “molto vicina alle linee rosse dell’altra”, mentre utilizza la politica del rischio calcolato per spingere l’altra “a rischio di oltrepassare le linee rosse dell’altro”, con la politica che potrebbe causare una politica del rischio calcolato più aggressiva nei prossimi 18 mesi.

“Sono così vicini a superare le linee rosse che, se attraversate, li spingeranno irrevocabilmente oltre l’orlo del tipo di guerra che danneggia queste due nazioni e danneggia l’ordine mondiale in modi crudeli e irreversibili – come l’invasione russa dell’Ucraina ha fatto alla Russia e il mondo.” , solo molto più grande”, ha detto il signor Dalio.

Il massimo diplomatico asiatico della Casa Bianca, Kurt Campbell, il mese scorso ha espresso la speranza che Cina e Stati Uniti possano riaprire i canali di comunicazione entro pochi mesi dopo una pausa inizialmente innescata da una visita a Taiwan dell’ex presidente della Camera dei rappresentanti Usa, prolungato da una spia cinese. Mongolfiera sopra l’America continentale.

“Penso che nei prossimi mesi si vedrà se sarà possibile ristabilire una diplomazia efficace, prevedibile e costruttiva tra Stati Uniti e Cina”, ha dichiarato Campbell il mese scorso al Center for a New American Security.

Il ruolo del mediatore

Tuttavia, Dalio afferma che la relazione è così brutta che i colloqui non faranno che peggiorare la situazione.

“Per quanto riguarda il fatto che le due parti non possono parlarsi, voglio dire che le discussioni su questioni grandi e importanti sono diventate uno scambio di accuse che hanno deteriorato i rapporti piuttosto che aiutarli, quindi è peggio discutere piuttosto che evitali» disse Dalio.

READ  Chi può sostituire Liz Truss? Questi sono i migliori contendenti per diventare il terzo Primo Ministro britannico in sette settimane

Ritiene inoltre che la situazione sarà esacerbata dai Democratici e dai Repubblicani in vista delle elezioni presidenziali del prossimo anno. Ha detto che le elezioni presidenziali di Taiwan, previste per gennaio, potrebbero aumentare le tensioni.

“La tempistica politica del ciclo elettorale tra oggi e le elezioni del 2024 negli Stati Uniti e a Taiwan si tradurrà probabilmente in un rischio anti-cinese da parte degli Stati Uniti”, ha affermato Dalio.

“Mentre entrambe le parti e la maggior parte degli americani concordano di essere anti-cinesi, non possono concordare su quanto e in che modo”.

Dice che questo sarà un “periodo molto precario perché in questo momento Cina e Stati Uniti sono davvero sull’orlo della guerra”.

Tuttavia, il signor Dalio corregge il messaggio facendo una distinzione tra “essere sull’orlo della guerra” e un vero e proprio conflitto armato.

“Voglio sottolineare che dicendo che sono al limite, non intendo dire che stanno necessariamente andando oltre il limite”.

Dalio, che ha scritto libri sull’influenza geopolitica sugli investimenti, ha detto che stava cercando di mediare alcune misure conciliative tra le due potenze mondiali.

Ha detto: “Sono nel mezzo cercando di aiutare entrambe le parti mentre cerco di non ferire nessuna delle due parti nel processo di aiutare l’altra”.

“Recentemente ho fatto due viaggi di 13 giorni in Cina che hanno comportato molti incontri e conversazioni con persone di diversa estrazione”.