Marzo 4, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Raro roditore a misura di bambino catturato per la prima volta dalla telecamera: ScienceAlert

Raro roditore a misura di bambino catturato per la prima volta dalla telecamera: ScienceAlert

Se non fosse stato per i tradizionali guardiani delle antiche foreste delle Isole Salomone, gli scienziati forse non sarebbero riusciti a intravederlo: una specie di roditore di dimensioni insolite, che vive tranquillamente sugli alberi e macina noci di cocco con il suo gigantesco e affilato Testa. denti.

Alto all’incirca quanto un neonato e pesante fino a un chilogrammo, è uno dei ratti più grandi e rari al mondo. Sembra che esca solo col favore dell’oscurità.

La creatura è conosciuta dagli indigeni dell’isola di Loba Phangunu come vika (Oromis Vika), e nonostante le sue enormi dimensioni, per anni gli scienziati ne hanno sentito parlare solo da coloro che chiamano casa le foreste dell’Area di gestione delle risorse comunitarie di Zaira.

Ora, gli scienziati hanno raccolto almeno 95 immagini del mangiatore di mezzanotte.

“Catturare per la prima volta le immagini del ratto gigante Vanjunu è una notizia estremamente positiva per questa specie poco conosciuta”. Lui dice Il mammalogo Tyrone Lavery dell’Università di Melbourne, che ha lavorato alla ricerca con i ranger locali di Zaira e gli scienziati dell’Università Nazionale delle Isole Salomone.

“Le immagini mostrano che il ratto gigante Fanguno vive nelle foreste primarie di Zaira, e queste terre (in particolare l’area tribale Dokuso) rappresentano l’ultimo habitat rimasto di questa specie”.

Le immagini delle fototrappole YuVika È stato registrato di notte nell’area di gestione delle risorse della comunità di Zaira. Il maschio può essere visto in (a) e la femmina in (b), (c) e (d). (Lavery et al., Ambiente ed evoluzione2023)

Per anni, indagini approfondite nella foresta Zaira a Fangunu non hanno rivelato pelle o peli di questa specie. Gli esperti sono riusciti a trovare solo il ratto nero invasivo.

Poi, nel 2017, una compagnia di disboscamento abbatté un grande albero nella foresta e notò uno strano corpo assassinato tra i detriti.

Era la leggendaria fika, Confermare la sua esistenza alla comunità scientifica per la prima volta. Questa è stata la prima nuova specie di roditore delle Isole Salomone ad essere descritta in più di 80 anni.

READ  Joe Biden mette in guardia Vladimir Putin contro qualsiasi azione militare contro l'Ucraina

Tuttavia, anche se il roditore fu finalmente ritrovato, ci vollero diversi anni perché le trappole fotografiche posizionate strategicamente catturassero la specie in azione: le uniche immagini conosciute di un vika vivente, che sfrecciava attraverso la chioma e sul suolo della foresta.

Lavery e il suo team attribuiscono alla profonda conoscenza tradizionale delle tribù Dokoso, Sogeli e Tafuamai il merito di averli aiutati a identificare queste creature sfuggenti. Queste tribù sono i guardiani rimasti delle antiche foreste Luba Phangunu.

I ricercatori ritengono di aver catturato almeno quattro individui nel loro filmato, tra cui un maschio e due femmine.

L’intera popolazione dell’isola di Fangunu è sconosciuta ma la specie è conosciuta È considerato In grave pericolo.

“Ciò avviene in un momento critico per il futuro delle ultime foreste di Vangunu – che la comunità di Zaira lotta per proteggere dal disboscamento da 16 anni”. Lui spiega Lavery.

“A Zaira è stata concessa l’autorizzazione alla registrazione e, se continua, porterà senza dubbio all’estinzione del ratto gigante Vangunu”.

Gli stessi alberi in cui i Vika amano vivere sono gli stessi alberi preferiti dalle compagnie di disboscamento commerciali. Tuttavia, nel novembre del 2022, il governo delle Isole Salomone ha concesso l’approvazione al disboscamento nelle terre tradizionali della tribù Dokusu.

I rappresentanti della tribù hanno presentato ricorso contro la decisione e la decisione finale che verrà presa influenzerà il futuro della fika e di molte altre piante e animali sulla terra e sul mare.

“Se guardi l’isola di Fangunu, il disboscamento ha distrutto l’intero posto; penso che questo sia l’unico posto rimasto.” Lui dice Zaira è residente a Maria Talioto.

READ  La capacità della Russia di continuare il suo assalto all'Ucraina potrebbe aver raggiunto il suo apice, ma all'orizzonte si profilano quattro nuove sfide

“Se guardi la terra ti sentirai triste perché non ci sono foreste. Non c’è più cibo in quelle zone. Se raccogliessimo cibo dal mare, vedremmo che il mare è già stato danneggiato.”

Se il governo delle Isole Salomone consentirà di continuare il disboscamento in questa foresta, il paese sarà in diretta contraddizione con gli impegni assunti dalle Nazioni Unite sulla biodiversità, che mirano a prevenire l’estinzione delle specie minacciate.

Il vika potrebbe essere stata una delle prime creature ad andarsene.

Lo studio è stato pubblicato in Ambiente ed evoluzione.