Luglio 4, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Rapporto: Sky News Australia è un hub globale per la disinformazione climatica Sky News Australia

L’australiano Sky News è diventato una fonte centrale di disinformazione sulla scienza del clima in tutto il mondo e sta guadagnando terreno tra gli influencer dei social media e le reti conservatrici, secondo un rapporto.

Un’analisi di una rete globale di negazionisti della scienza del clima, “le ultime novità” e il contenuto che condividevano ha rilevato che il canale di proprietà di News Corp Australia era un importante “centro di contenuti” per “influenzatori, scettici e punti vendita”.

analisi, Pubblicato dalla British Thought Foundation, Institute for Strategic DialogueSky News Australia di Rupert Murdoch si è costantemente classificato in alto in termini di attrazione, spingendo le opinioni partigiane dei suoi host e ospiti a un pubblico globale attraverso i social network, ha affermato.

Sky News Australia ha dichiarato di aver respinto i risultati del rapporto, dicendo che “continuerà a incoraggiare la discussione” sul cambiamento climatico nella sua programmazione.

Il rapporto ha esaminato il modo in cui le opinioni ostili all’azione sui cambiamenti climatici si sono diffuse nel mondo, come vengono creati i contenuti e chi è influente nella diffusione di tali opinioni.

“La nostra analisi ha mostrato come una piccola ma dedicata comunità di attori vanta una portata e un coinvolgimento sproporzionati sui social media, raggiungendo milioni di persone in tutto il mondo e supportata dalla stampa, dalla trasmissione e dai media tradizionali”, afferma il rapporto.

Il rapporto afferma che la mancata eliminazione della “disinformazione e disinformazione online” ha consentito la scienza dello spam, dei ritardi climatici e degli attacchi a individui di alto profilo che lavorano sulla crisi climatica.

Ha affermato che Sky News Australia e i contributori della scuderia di editorialisti dei giornali di News Corp avevano formato un “sistema di produzione e distribuzione di contenuti” che ha favorito “lo scetticismo sulla scienza del clima e la paura o la confusione sugli sforzi di mitigazione”.

Chris Cooper, direttore di Purpose, una società di consulenza con sede in Australia che lavora con le organizzazioni per migliorare il loro impatto e che ha contribuito a condurre l’analisi del rapporto, ha dichiarato: “Sembra che l’Australia abbia due importanti settori da esportare. Uno sono le emissioni dovute alle esportazioni di combustibili fossili e il altro arriva nei contenuti di questi media. generoso”.

Ha detto che Sky News Australia ora ha un “contributo sproporzionato alla disinformazione climatica globale”. “Vediamo contenuti condivisi attraverso reti di negazionisti in tutto il mondo”.

Cooper ha affermato che i social media sono stati monetizzati da algoritmi che davano la priorità a “qualsiasi cosa orribile e accattivante”, il che significa che la disinformazione climatica “raggiunge milioni di persone in più di quanto farebbe altrimenti”.

Il rapporto afferma che Sky News Australia ha prodotto i propri contenuti di parte attraverso le opinioni dei suoi host e fornisce anche una piattaforma per individui influenti di tutto il mondo che stanno minando la necessità di agire sulla crisi climatica.

In un esempio, un tweet del critico canadese della scienza del clima Patrick Moore – retwittato 16.000 volte – ha promosso la sezione Sky News Australia in cui l’ex conduttore Alan Jones ha descritto i giovani attivisti del clima come “egoisti, scarsamente istruiti, che sottolineano piccole virtù”.

La maggior parte delle clip, che vengono regolarmente modificate in video condivisibili, derivano dagli spettacoli “After Darkness” di Sky News Australia.

Rita Panahi, conduttrice di Sky News Australia, è stata identificata nel rapporto come una “relatrice chiave” insieme ad altre personalità di tutto il mondo.

L’analisi ha mostrato che prima del 2017 Sky News Australia ha pubblicato una media di 25 tweet al mese su questioni legate al clima. Ma ora pubblicano una media di oltre 100 post al mese, con un massimo di 300 al mese.

Cooper ha affermato che l’obiettivo del rapporto è aumentare la consapevolezza della portata della disinformazione e della disinformazione legate al clima in tutto il mondo, nonché degli “attori dietro di essa”.

Un altro obiettivo, ha affermato, è fornire dettagli per i sostenitori dell’azione sui cambiamenti climatici su come la disinformazione viene trasmessa in tutto il mondo.

Iscriviti per ricevere ogni mattina le notizie più importanti da Guardian Australia

“Nessuno è contrario alla libertà di parola”, ha detto Cooper. “Ma si tratta di amplificare e diffondere chiaramente la disinformazione, e questo è il problema qui”.

Un portavoce di Sky News Australia ha respinto i risultati del rapporto, affermando: “Sky News Australia trasmette una varietà di opinioni su complesse questioni legate al clima, inclusa la trasmissione di un importante documentario in concomitanza con la Conferenza sui cambiamenti climatici di Glasgow che ha esaminato l’energia nucleare come un possibile lungo soluzione a termine per il raggiungimento netto Zero emissioni entro il 2050”.

“Continueremo a incoraggiare la discussione su politiche diverse e in evoluzione relative al clima per governi, imprese, scienziati e gruppi di campagna”.

Il rapporto ha individuato le cinque fonti di contenuto più popolari condivise dai “arretrati”, il Daily Mail, il Guardian, il Daily Telegraph e il blog Whatsupwiththat.

Il rapporto affermava che il Guardian era “atipico in questa sezione, in quanto gli articoli condivisi non erano di per sé fuorvianti o giustificavano una revisione dei fatti, ma erano comunque utilizzati per supportare le linee di attacco dell’opposizione vagliando i dati o abbracciando il quadro di ‘guerre culturali'”.

Il rapporto ha identificato la chiave “retorica del ritardo” utilizzata per minare l’azione sulla crisi climatica, in particolare in vista e durante i colloqui sul clima delle Nazioni Unite a Glasgow nel 2021.

Questi includevano attacchi a “fonti di energia rinnovabile inaffidabili” o alla presunta inefficacia dei veicoli elettrici. Altri temi popolari erano indicare le principali fonti di emissioni – spesso la Cina – e utilizzare le loro elevate emissioni per scusare altri paesi dalla necessità di agire, o sostenere che i sostenitori dell’azione per il clima erano un’élite ricca e parte del “Nuovo Ordine Mondiale “.

Più in generale, afferma il rapporto, la negazione del cambiamento climatico e gli attacchi alle energie rinnovabili spesso coesistono con sentimenti anti-transito e anti-blocco, così come la disinformazione sulla pandemia.

READ  Il reclutamento di 30 macchinine nel Regno dell'Arabia Saudita attira 28.000 candidati