Settembre 25, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Raid “razzisti”: la Nuova Zelanda chiede scusa agli abitanti delle isole del Pacifico | notizie sull’immigrazione

Wellington, Nuova Zelanda Sono passati 50 anni dalle “incursioni all’alba” della Nuova Zelanda e l’82enne padre del ministro dei Popoli del Pacifico Obito William Seo non riesce ancora a parlarne.

“Come fai a parlare di qualcosa che ti ha fatto sentire impotente a casa tua da un’autorità che avrebbe dovuto prendersi cura di te e un’autorità che sei venuto a servire?” disse Seo.

The Dawn Raid ha avuto luogo negli anni ’70 e ha coinvolto persone provenienti dalle isole del Pacifico che sono immigrate in Nuova Zelanda per lavoro negli anni successivi alla seconda guerra mondiale.

Una mattina d’inverno del 1974, la polizia, accompagnata da cani, si presentò alla porta d’ingresso della proprietà del padre di Seo a Ottara, Oakland. Hanno chiesto a tutti in casa di ritirare il passaporto per dimostrare che erano legalmente autorizzati a stare in Nuova Zelanda. I cani abbaiavano, la gente urlava e la polizia ha cacciato dal garage i cugini di Siu. Furono portati in prigione senza i loro averi e deportati alle Samoa.

Molti abitanti delle isole del Pacifico si trasferirono in Nuova Zelanda dopo la guerra per rafforzare la forza lavoro impoverita del paese. Nel 1976, costituivano poco più del 2% della popolazione del paese, contando 65.700 secondo il censimento nazionale. Ma sono stati messi sotto pressione durante le turbolenze economiche che hanno travolto il paese negli anni ’70, quando il governo laburista ha deciso di reprimere l’immigrazione. Tra il 1974 e il 1976 ci furono molte incursioni nelle case delle famiglie del Pacifico, spesso al mattino presto oa tarda notte. Migliaia sono stati arrestati e deportati.

Dopo anni di pressioni della comunità – inclusa una petizione firmata da 7.366 persone presentata al Parlamento a giugno – il primo ministro Jacinda Ardern ha annunciato che il governo si scuserà formalmente per una politica che ha ammesso di aver causato “profonda ferita” tra le comunità del Pacifico della Nuova Zelanda. . .

Le scuse sono dovute il 1 agosto 2021.

Seo afferma che è importante che la Nuova Zelanda riconosca la profilazione razziale selezionata come parte della sua storia.

Il padre del ministro dei popoli del Pacifico, Obito William Seo, era tra le persone di origine del Pacifico identificate nei raid sull’immigrazione negli anni ’70. [Courtesy of William Sio’s office]

“È il primo passo per rimuovere le catene della vergogna”, ha detto. “Se non impariamo e non capiamo cosa è successo e non troviamo scuse, lo stesso modello di comportamento si svilupperà di nuovo. Dobbiamo accettare che quello che è successo era sbagliato e che è ancora sbagliato”.

Un’indagine del Coordinatore delle relazioni razziali del 1986 sulle accuse di discriminazione nell’applicazione dell’immigrazione ha rilevato che tra il 1985 e il 1986, mentre i residenti del Pacifico costituivano un terzo delle persone rimaste dopo la scadenza del visto, rappresentavano l’86 percento della popolazione totale. prove. In confronto, quelli degli Stati Uniti e della Gran Bretagna, che costituivano anche un terzo di tutti i soggiorni oltre il limite, rappresentano solo il 5% di tutti i procedimenti giudiziari. Secondo il Department of Pacific Peoples, tra il 1974 e il 1976 circa 5.000-12.000 lo fecero.

READ  Iguana in Chips: Florida trova una soluzione al problema invasivo dei rettili | Florida

perché ora?

Benji Temo e Josiah Twalamali hanno lanciato la petizione al Parlamento a giugno dopo essere stati frustrati dal fatto che nessun funzionario si fosse reso conto del trauma intergenerazionale causato dai raid, un argomento non trattato nella scuola, ha detto Temo ad Al Jazeera.

Timo, 27 anni, ha passato gli ultimi cinque anni a capire chi fosse.

Dice degli antenati di Samoa, Cook Island e Niue, solo ora sta imparando le lotte della sua cultura.

“Molte persone parlano della vergogna e del senso di colpa che hanno dovuto sopportare per sopravvivere in Nuova Zelanda. Mi vedo come parte della diaspora privilegiata nel Pacifico. Posso parlare la mia lingua e l’inglese e sento che c’è una responsabilità per difendere la mia cultura”.

“È pazzesco pensare che non ci sia stato insegnato questo nelle scuole. Non ho ricevuto alcuna educazione antirazzista. Il danno può essere stato fatto e puoi vedere che il danno è stato di due generazioni. Si manifesta in una mancanza di fiducia nella polizia e nel governo. Ci sono molte cose che rendono i nostri dipendenti in fondo al fondo – sia dal punto di vista sociale, economico, educativo o dal punto di vista della giustizia. Le scuse sono il primo inizio nel processo di ottenere le cose giuste. “

Gli abitanti delle isole del Pacifico costituiscono l’8,1% dei cinque milioni di abitanti della Nuova Zelanda. Le statistiche nazionali risalenti al 2013 mostrano che il loro reddito medio annuo era di 8.800 NZ $ (6.145 $) inferiore alla media nazionale e nei tre anni dal 2012 al 2014, circa il 28% dei bambini del Pacifico viveva in famiglie povere, rispetto al 16% dei bambini di discendenza europea.

La petizione chiedeva anche la creazione di un fondo per onorare, onorare e sostenere le famiglie colpite dai raid.

Cindy Kerro (a sinistra) e il primo ministro Jacinda Ardern (a destra) camminano insieme al Parlamento lunedì 24 maggio 2021 a Wellington, in Nuova Zelanda. Kero fu nominato governatore generale della Nuova Zelanda e la prima donna indigena Maori ad essere nominata in questa posizione. [File: Nick Perry/AP Photo]

Sebbene sia “estremamente importante che lo stato si scusi per gli errori commessi dai raid e dalla retorica razzista approvata dallo stato, che è progettata per denigrare e disumanizzare gli abitanti delle isole del Pacifico” – le scuse non sono sufficienti, ha detto ad Al Jazeera il docente di diritto dell’Università di Auckland Dylan Asafo .

READ  Ha colpito il paese con la peggiore epidemia dalla pandemia

Asafo si riferisce a una pubblicità della campagna elettorale mostrata in televisione dal National Party che includeva abitanti delle isole del Pacifico ritratti come animali violenti e furti di manodopera che stavano portando criminalità e disordini civili in Nuova Zelanda.

Una vera e propria campagna razzista ha aiutato il leader del partito ed ex primo ministro Robert Muldoon a vincere le elezioni generali del 1975.

“È stato molto doloroso vedere il razzismo sfacciato così ampiamente accettato”, ha detto Asafo. Ma è stato commovente vedere Muldoon vincere con una frana. Il razzismo approvato dallo stato ha insegnato a una generazione che va bene vedere gli abitanti delle isole del Pacifico in questa luce e da allora non abbiamo visto alcuna politica per affrontare queste azioni”.

bisogno di cambiare

Ora, il razzismo è segretamente alla base delle leggi sull’immigrazione della Nuova Zelanda, dice.

“Non ci sono percorsi chiari verso la residenza permanente per i popoli del Pacifico e le persone di colore. Il sistema è progettato per gli immigrati bianchi provenienti da paesi ricchi e sviluppati, che il governo vede come un contributo maggiore all’economia. Mentre le persone di colore sono viste come una perdita l’economia e sono relegati a visti temporanei che scadono, quindi privati ​​dei loro diritti e delle loro spettanze.

Il Recognized Seasonal Employer Scheme è entrato in vigore nel 2007 ed è stato progettato per consentire al settore agricolo di assumere persone dall’estero per il lavoro stagionale. In pratica, ciò significa che gli abitanti delle isole del Pacifico sono invitati a fare domanda per il programma, visti i bassi salari, e nonostante forniscano un ruolo importante alla Nuova Zelanda, è stato loro negato il diritto di vivere nel paese in modo permanente e costretti a tornare nei loro paesi di origine, dice Asafo.

“Gli abitanti delle isole del Pacifico sono costretti a lavorare in condizioni precarie; sono visti come strumenti del loro lavoro e facilmente smaltibili. Il sistema mina la dignità di queste persone”, ha affermato.

“Sento che c’è una contraddizione razziale in cui siamo visti come parte del Pacifico e riconosciuti come vicini della Nuova Zelanda in un contesto internazionale. Ma nel contesto dell’immigrazione, i popoli del Pacifico sono cittadini di seconda classe che vengono sfruttati nel loro lavoro per carenza di manodopera”.

READ  I brasiliani fluttuano per le strade allagate mentre i fiumi si gonfiano nell'Amazzonia
Più di 7.000 persone hanno firmato la petizione, che è stata presentata al Parlamento a giugno [Sasha Borissenko/Al Jazeera]

“Il governo ha espresso preoccupazione, ma se si tratta di rimorso o rammarico dipende dal fatto che siano state prese misure appropriate per affrontare la sistematica disumanizzazione di un gruppo di persone e l’impatto che esiste ancora oggi”.

Il ministro dell’immigrazione Chris Favoy afferma che Ardern ha dichiarato che non dovrebbero esserci aspettative sull’amnistia, osservando che un’opportunità di amnistia è stata fornita nel 2000 e nel 2001.

Ardern ha anche notato che ci sono molti gruppi etnici e comunità che vorrebbero un percorso verso la residenza. Favoy afferma che il governo non vuole che le scuse per gli atti discriminatori siano accompagnate da una politica che si distingua limitando l’ammissibilità a determinati gruppi.

“Il governo rimane impegnato nel sistema riconosciuto del datore di lavoro stagionale, ma abbiamo identificato aree di miglioramento”.

Il Ministero delle Imprese, dell’Innovazione e del Lavoro sta attualmente rivedendo il piano, che prevede meccanismi per fissare limiti massimi e allocazioni per i lavoratori che siano equi e trasparenti e portino a migliori prestazioni; Garantire che i lavoratori ricevano una quota equa dei benefici derivanti dalla loro partecipazione e che le potenziali conseguenze come lo spostamento dei lavoratori neozelandesi siano gestite in modo efficace.

La revisione include la considerazione di modi per migliorare la conformità e ridurre i rischi di sfruttamento. Favoi afferma che esaminerà anche gli obblighi dei datori di lavoro per quanto riguarda il benessere dei propri lavoratori, compresa la fornitura di alloggi adeguati.

“Continuiamo a rivedere lo schema e raccogliere informazioni dalla comunità locale”, afferma il ministro Seo. “Sono consapevole delle critiche. Ci sono due lati. [that being the exploitation of foreign workers] Ma parla con qualsiasi datore di lavoro e sentirai una storia diversa. Dobbiamo anche essere vigili e dare opportunità alla nostra forza lavoro locale”.

Per ora, è importante riconoscere i danni e i traumi che i raid all’alba hanno causato a una parte molto importante della società neozelandese, afferma Seo. Le persone venivano qui per essere buoni cittadini e venivano trattate ingiustamente dalle persone che avrebbe dovuto proteggere.

“Voglio che le persone si sentano sicure di raccontare la loro storia in quanto diventa un processo di guarigione per chi è traumatizzato. È importante anche per il resto della Nuova Zelanda, realizzare ciò che è accaduto, in particolare ciò di cui politici, polizia e funzionari dell’immigrazione hanno parlato a porte chiuse – in modo che non accada di nuovo.”