Settembre 25, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Questi uccelli sfacciati rubano i capelli ai predatori vivi come se non fosse un grosso problema

I nidi degli uccelli sono luoghi piccoli e accoglienti: sicuri, accoglienti e rivestiti con materiali morbidi per mantenere i bambini vulnerabili a loro agio e protetti.

per cinciallegra (Bicolore bicolofos) e dei loro parenti più stretti, questa sostanza è spesso la pelliccia dei mammiferi carnivori, che gli scienziati pensavano fosse stata saccheggiata da animali morti o inciampata opportunisticamente quando gli animali cadevano.

Tuttavia, nuove osservazioni hanno rivelato che non è così: le guide piumate spesso si mescolano alla pelliccia direttamente dall’aspetto dei predatori vivi.

“La scimmia che ho visto stava strappando il pelo di un animale vivo.” L’ecologo Jeffrey Brown ha detto: dell’Università dell’Illinois a Urbana-Champaign.

“Questo era un procione vivo con i suoi artigli e denti. Apparentemente al procione non importava perché non si è nemmeno svegliato.”

Brown ha visto il comportamento per caso mentre conduceva un censimento degli uccelli in Illinois, ed era così incuriosito che è andato a cercare una spiegazione.

Lui e i suoi colleghi, guidati da Mark Huber e Henry Bullock dell’Università dell’Illinois a Urbana-Champaign, hanno scoperto che il furto di pellicce è menzionato poco nella letteratura scientifica, ma i video caricati su YouTube dagli appassionati di uccelli si rivelano una risorsa davvero ricca.

In questi video, sono state viste zecche dal ciuffo raccogliere la pelliccia di cani e gatti domestici e persino di istrici. Inoltre, molti altri video hanno mostrato altre specie di uccelli che rubano la pelliccia e tale comportamento non è stato documentato scientificamente.

Ma, sebbene la letteratura possa contenere scarse registrazioni, altre risorse indicano che gli uccelli che rubano la pelliccia ai mammiferi vivi sono ben noti al grande pubblico: A volte vengono descritti come ladri di pellicce Sulla pagina web di Cornell Lab Species, e in Australia, i mangiatori di miele dalla faccia gialla lanugine di borloin da un pisolino di koala.

READ  La navicella spaziale Juno della NASA si lancia in un viaggio interplanetario per osservare Giove

I ricercatori hanno chiamato il comportamento kleptotrichy, dal greco per “rubare” e “capelli”.

È interessante notare che le ricerche su YouTube hanno anche prodotto diversi casi di uccelli che recuperano dall’ambiente la pelliccia animale caduta, suggerendo che il furto non è la base La fonte dell’articolo.

Il che fa sorgere la domanda: perché correre il rischio di rubare i capelli?

La pelliccia animale, ovviamente, può aiutare a isolare il nido e mantenerlo caldo, ma i ricercatori ritengono che la pelliccia, specialmente quella dei predatori, possa avere altri vantaggi.

“C’è una specie locale chiamata il grande pigliamosche, che, come la scimmia, è un nido cavo e che in realtà mette pelli di serpente nel suo nido, forse per scoraggiare i predatori”, Brown ha detto. I passeri in Africa mostrano un comportamento simile, usando le feci dei predatori come deterrente (e non sarebbe il caso).

Potrebbe anche essere possibile che la pelliccia aiuti a respingere i parassiti, che possono uccidere rapidamente i loro piccoli. Alcuni uccelli rivestono i loro nidi con materiale vegetale che può tenere lontani tali intrusi, anche se non è chiaro se la pelliccia dei mammiferi abbia proprietà simili.

Saranno necessarie ulteriori ricerche per vedere quali benefici traggono gli uccelli dai frutti dei loro misfatti, ma l’analisi geografica preliminare del team indica che la cleptotrichia è più comune alle latitudini più elevate. Questo, a sua volta, indica che la pelliccia viene raccolta prima di tutto per mantenere i nidi al caldo.

Ottenere un’effettiva documentazione scientifica sulla cleptotrichia è un passo importante verso la sua scoperta, poiché presenta importanti informazioni di base su cui altri ricercatori potranno ora basarsi.

READ  Governa dirige. I funzionari sanitari statali di Mills riesaminano le nuove linee guida federali sulle maschere

“Interazioni inaspettate come questa ci ricordano che gli animali mostrano tutti i tipi di comportamenti interessanti e spesso trascurati e sottolineano l’importanza di attente osservazioni di storia naturale per far luce sulle complessità delle comunità ecologiche”, ha detto Bullock.

La ricerca è stata pubblicata in Ecologia.