Novembre 28, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Questi marchi di scarpe sostenibili cambieranno il modo in cui indossi le sneakers di lusso

Le scarpe hanno inquinato l’industria della moda sin dalla rivoluzione delle scarpe da ginnastica negli anni ’80. Una volta che i moderni stili di calzature sono stati introdotti nella società, la moda ha soddisfatto la domanda a spese dell’ambiente e della classe operaia sotto le leggi disumane del lavoro del terzo mondo e dei paesi in via di sviluppo. Ma le “ultime” scarpe – il nome del blocco di legno a forma di piede che forma la silhouette delle scarpe – provengono da calzolai entusiasti che hanno a cuore la circolarità delle loro scarpe.

Indubbiamente, le scarpe dall’Italia erano il gold standard nelle scarpe da uomo. L’artigianato è il fulcro della produzione di moda in tutto il continente europeo. Il Portogallo è uno dei paesi che si sta facendo avanti per colmare il vuoto del prodotto di alta qualità, lontano dal fast fashion, per molti marchi di lusso: il Portogallo può produrre i propri beni di lusso ma a prezzi più efficienti. Moda e fiera modissimo Aumenta l’intelligenza del Portogallo nel mondo della moda. Partner nel facilitare affari e produzione dai paesi vicini per fornire prodotti di moda di alta qualità.

Saggio: per uno stile di vita

È nato in Portogallo, Saggio Definisce la produzione di scarpe di fascia alta con una qualità accessibile ed etica. Il saggio prende Semplice pittura pulita delle scarpe Aggiunge dettagli in pelle che migliorano l’architettura del design. Questo è completato da un’estetica semplice supportata da una suola più spessa.

I loro principali partner di produzione sono fabbriche locali a conduzione familiare note nella regione per l’industria calzaturiera. Ogni pezzo della scarpa è realizzato da artigiani a non più di 70 chilometri dalla sede del design a Porto, in Portogallo. Gli artigiani ricevono salari equi con buone condizioni di lavoro e leggi sul lavoro rispettate.

Wayz utilizza materiali riciclati e riciclati che provengono naturalmente da aziende locali. I rifiuti di plastica riciclata raccolti dal Mediterraneo da Mipe, con sede a Felgueiras, in Portogallo, costituiscono la tomaia in poliestere. La scarpa è realizzata anche con il 70% di gomma riciclata, fornita da Bolflex anche a Felgueiras. La loro pelle conciata al vegetale è ipoallergenica e ottenuta da sottoprodotti di origine animale, chrome e metal free. Soletta biodegradabile in lattice, lino, lana, legno e lacci in cotone intorno al resto della scarpa ben progettata, con un design elegante e un aspetto elegante.

Koyo e l’agricoltura rinnovabile

koyo È il difensore ed eroe del cosiddetto Agricoltura rinnovabile. A differenza dell’agricoltura commerciale o moderna tradizionale, in cui un singolo animale è allocato in un contenitore, l’agricoltura rigenerativa è biologicamente diversa nella vita animale e vegetale, principalmente in natura senza identificazione. L’agricoltura rinnovabile fornisce un ecosistema naturalmente sostenibile per le piante, gli animali e la terra. È un processo semplice e naturale poiché le scarpe Koio sono impostate su un futuro rinnovato.

Koio produce la sua linea di scarpe nelle Marche, in Italia, da un abile artigiano, e ha pelle di provenienza locale, pelle scamosciata e materiali riciclati per la realizzazione di ogni paio. Ogni paio tocca le mani di 42 diversi artigiani prima che un cliente possa indossarne un paio. Anche suole e scatole per scarpe provengono dalla zona intorno allo stabilimento marchigiano. Le scarpe made in Italy sono costruite con 70 anni di artigianato, con un’altra considerazione, o “forma” in italiano, l’ethos del marchio Koio. Il loro ultimo head maker, Gianluca, utilizza l’ultimo legno risalente agli anni ’40.

I fondatori di Koio, Johannes Quodt e Chris Wichert, si sono proposti di essere i principali designer di scarpe che realizzano scarpe in modo etico. Dal 2013, producono scarpe che parlano di uno stile di vita estetico circolare. Gli artigiani e gli artigiani italiani sono appassionati come i fondatori e sono stati complessi nel successo delle scarpe Koyo.

Marietta Moreno e i materiali alternativi

Marietta Moreno È un punto fermo della moda portoghese come marchio di moda lento e sostenibile. lancialo Linea vegetariana nel 2018Il marchio Marita Moreno ha utilizzato materiali come il sughero che sono rinnovabili da soli e materiali riciclabili che possono diventare tutti i tipi di tessuti. Prodotto localmente in Portogallo sin dal suo inizio, Marietta Moreno ha assunto artigiani per realizzare scarpe e accessori con sughero, materie prime e, più recentemente, pelle di mela.

ATACAMA Leather Shoes è una vetrina di alta qualità proveniente da fonti sostenibili e di lusso etico. Un paio di sneakers ispirate al deserto di Atacama in Sud America. Le pelli riciclate delle collezioni precedenti sono caratterizzate da pelle screpolata chiamata Atacama. La pelle screpolata proviene dalla regione portoghese ed è realizzata su misura per il marchio Marita Moreno.

La suola ATAMACA è ultraleggera, realizzata in eco-friendly EVA con fodera in biopelle naturale. Parti della scarpa utilizzano Burel, un tessuto 100% lana. La pelle è realizzata senza alcuna produzione di metalli pesanti. Sorprendentemente, ATAMACA può essere interrato e si dissolverà entro 2 o 3 settimane, fornendo un fertilizzante naturale. Marietta Morena è un calzolaio premiato nel 2021 World Footwear Award nella categoria Professional in Ethical Manufacturing / Sustainable Manufacturing.

R3 e il concetto di riciclo e rinnovamento

costruito da Rifiuti riciclati e materiali biodegradabili, Il R3 concetto Le sneakers sono progettate per essere riciclabili, fin dall’ultima volta che sono state utilizzate. Concentrandosi sulla ricerca di operazioni di commercio equo per la propria attività di calzature, l’azienda di famiglia ha scelto di produrre nel proprio paese d’origine, il Canada, in conformità con gli standard di produzione europei. Va notato che l’Europa ha un valore di produzione migliore per i suoi materiali e manodopera, ed è un grande fornitore per la produzione di scarpe di lusso, in particolare.

Con un rinnovamento delle calzature che spesso non può essere, la R3 Concept ha un programma zero rifiuti. Questo programma, in collaborazione con fornitori e produttori rispettati Standard globali di riciclaggio, consente a R3 di riscattare, rinnovare e donare paia di scarpe usate all’organizzazione no-profit suos4ouls con sede in Canada. L’imballaggio per ogni scarpa è al 90% di cartone riciclato di Montreal.

La R3 Concept realizza una scarpa fin dal primo passaggio della sua produzione, utile per la filiera delle future paia di scarpe da realizzare, se necessario. La scarpa è leggera e resistente con la flessibilità di raffinati materiali riciclati e riciclati, per darti la sensazione di una sneaker premium.

READ  L'italiano Draghi vede una spinta economica del 3,6% dai fondi di ripresa dell'UE