Ottobre 6, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Questa vernice autorigenerante ripara i graffi dell’auto al sole per soli 30 minuti

Questa vernice autorigenerante ripara i graffi dell'auto al sole per soli 30 minuti

La vernice graffiata sembrava nuova dopo essere stata esposta a 30 secondi di luce focalizzata oa soli 30 minuti di sole di mezzogiorno. Credito: Korea Research Institute of Chemical Technology (KRCT).

Niente batte l’odore e l’aspetto di un’auto nuova e brillante. Ma come tutti sappiamo, questa condizione incontaminata non dura a lungo e se legge di Murphy È un’indicazione, più sei entusiasta del tuo nuovo acquisto, più è probabile che i primi graffi compaiano lo stesso giorno in cui lasci la concessionaria. È un semplice fatto della vita. Ma non preoccuparti, perché i ricercatori della Corea del Sud ti hanno ricoperto con un nuovo rivestimento chimico che contiene uno speciale pigmento che assorbe i raggi infrarossi e innesca una reazione chimica che fa sì che la vernice si autoripari. Solo 30 minuti in piedi sotto il sole possono essere sufficienti per ripristinare il lavoro di verniciatura della tua auto.

Basta aggiungere luce

Le auto nuove spesso sono dotate di diversi strati di vernice. Alcune opzioni popolari includono rivestimenti in nano-ceramica, che dovrebbero fornire protezione dagli agenti atmosferici e conferire al rivestimento un aspetto simile alla cera, nonché pellicole protettive per vernice, che forniscono una forma più completa di protezione. Ma mentre questi rivestimenti forniscono una protezione iniziale contro graffi e piccoli impatti fisici, una volta che sono già stati graffiati, è molto difficile o impossibile riparare il danno.

I ricercatori del Korea Research Institute of Chemical Technology (KRICT) volevano sviluppare un nuovo rivestimento che fornisse una protezione decente e proprietà autorigeneranti in caso di danneggiamento. Hanno iniziato con uno strato protettivo di resina, a cui hanno aggiunto un materiale a rete polimerica a base di poliolo acrilico e un colorante fototermico. L’ultimo ingrediente è la salsa segreta che fa brillare il tuo rivestimento autorigenerante.

Schema del meccanismo di autorigenerazione utilizzato dalla pittura. Credito: KRICT.

Quando il colorante assorbe la luce infrarossa dal sole, aumenta la temperatura superficiale dell’intero rivestimento polimerico, i cui legami chimici si rompono e quindi si ricombinano più volte. Questo processo essenzialmente riorganizza la struttura polimerica danneggiata e riporta il rivestimento al suo stato originale, eliminando così i graffi.

READ  Microsoft offre Microsoft Store rinnovato con app Win32 per i tester W10 - PC

Per mettere alla prova la vernice, i ricercatori hanno applicato il materiale a un piccolo modello di auto. Dopo aver deliberatamente causato alcuni danni alla superficie del rivestimento, i ricercatori hanno quindi utilizzato una lente d’ingrandimento per focalizzare la luce sull’area danneggiata, correggendola in meno di 30 secondi. In un altro test, l’auto graffiata è stata lasciata al sole per 30 minuti a mezzogiorno, il che ha avuto lo stesso effetto autoriparante.

Il pigmento fototermico è trasparente, quindi non influisce sul colore effettivo della vernice. Non sono solo le auto. Barche, aeroplani e qualsiasi numero di superfici che richiedono la manutenzione della vernice possono utilizzare la vernice autoriparante ad attivazione solare. Questo può includere anche gli smartphone, anche se è ancora necessario testare se il touchscreen funziona ancora correttamente dopo l’applicazione del rivestimento.

“La tecnologia sviluppata è una piattaforma tecnologica che produce materiali di rivestimento autorigeneranti utilizzando materiali polimerici commerciali economici e pigmenti fototermici. Si prevede che sarà ampiamente utilizzata non solo nei rivestimenti trasparenti delle automobili ma anche nelle automobili”, ha affermato l’autore principale, il dott. Jin -Chul Kim di KRCT Varie applicazioni.

Il rivestimento autorigenerante è descritto in un nuovo studio apparso sul diario Materiali polimerici applicati ACS.