Maggio 19, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Quattro marines statunitensi sono stati uccisi durante le esercitazioni NATO quando un falco pescatore si è schiantato nel nord della Norvegia

Quattro marines statunitensi sono morti dopo che il loro aereo Osprey si è schiantato in una città norvegese nel Circolo Polare Artico durante un’esercitazione NATO non collegata alla guerra in Ucraina, hanno detto le autorità.

Il primo ministro norvegese Jonas Gahr Stoere ha dichiarato su Twitter che il gruppo è morto nell’incidente aereo di venerdì notte.

La causa dell’incidente è ancora oggetto di indagine, ma la polizia norvegese ha segnalato il maltempo nella zona.

I Marines stavano partecipando a un’esercitazione NATO chiamata Cold Response.

Gli Stati Uniti hanno affermato che le identità dei marines non sarebbero state rilasciate immediatamente, in linea con la politica del Dipartimento della Difesa statunitense di informare i parenti.

L’aereo era un MV-22B Osprey.

Un marine statunitense controlla un MV-22 Osprey dopo essere atterrato sul ponte della nave.
La USS Osprey che trasportava quattro marines americani si è schiantata a Grietdalen, Bjarne, a sud di Bodoy.(Reuters: Ahmed Gadallah)

Le forze armate del paese hanno dichiarato in una dichiarazione che il suo equipaggio di quattro membri era in missione di addestramento nella contea di Nordland, nel nord della Norvegia.

Era diretto a nord verso Bodo, dove sarebbe dovuto atterrare prima delle 18:00 (ora locale) di venerdì.

L’Osprey si è schiantato a Graetaedalen a Beiarn, a sud di Bodoe.

La polizia ha detto che una missione di ricerca e salvataggio è iniziata immediatamente.

All’1:30 di sabato (ora locale), la polizia è arrivata sul posto e ha confermato la morte dei quattro membri dell’equipaggio.

Caricamento in corso

Le esercitazioni annuali della NATO in Norvegia non hanno nulla a che fare con la guerra in Ucraina.

Quest’anno comprende circa 30.000 soldati, 220 aerei e 50 navi provenienti da 27 paesi. Anche Finlandia e Svezia non sono membri della NATO.

Le prove sono iniziate il 14 marzo e si sono concluse il 1 aprile.

Esercitazioni militari per continuare

La causa dell’incidente non è stata rivelata, ma le forze armate norvegesi hanno affermato che la risposta fredda “continuerà come previsto, con le misure che dobbiamo adottare a causa del tempo”.

Il luogo dell’incidente è stato individuato da un elicottero di soccorso norvegese alla fine di venerdì e gli equipaggi locali della Croce Rossa sono stati assegnati per assistere la polizia a terra, secondo i media locali.

Caricamento in corso

Un quotidiano norvegese ha detto che i membri della Croce Rossa hanno guidato le loro moto vicino al luogo dell’incidente e segnalato la strada utilizzando il GPS per la polizia in quelle che hanno descritto come condizioni meteorologiche estremamente difficili all’inizio di sabato mattina.

“E’ stata una notte speciale, è stata una vera tempesta. Eravamo in cinque diretti verso la scena. C’era un metro di visibilità, neve e tempesta sulle montagne”, ha detto al giornale il capo della squadra della Croce Rossa Organ Christensen. .

“Penso che fosse una raffica di vento che andava dai 30 ai 40 metri al secondo.

Il maltempo ostacola i soccorsi

Il Sig. Christensen ha aggiunto che l’operazione di salvataggio è stata ostacolata dai pericoli delle frane in montagna e dalla lontananza del luogo dell’incidente.

La polizia ha aperto un’indagine sull’incidente e membri della commissione incidenti e rappresentanti della polizia avrebbero dovuto arrivare sul luogo dell’incidente sabato.

Il tenente generale Yengve Udlu, capo del quartier generale delle operazioni delle forze armate norvegesi, ha affermato che la fredda risposta sarebbe continuata nonostante l’incidente.

“In questo momento c’è un focus completo sulla fine del salvataggio, sulla cura delle persone, e poi ci sarà una procedura normale con una relazione causale”, ha detto il signor Odlow.

Il primo esercizio di risposta al freddo è stato eseguito nel 2006 e gli esercizi sono stati eseguiti un totale di otto volte nel corso degli anni. Si trovano nel sud-est, nel centro e nel nord della Norvegia.

AP/ABC

READ  Il bilancio delle vittime delle catastrofiche inondazioni in Germania e Belgio ha superato 150 150